Estetica della morte

Al Teatro Carignano di Torino è in scena "Cleopatràs" fino al 13 settembre

0
253
Cleopatràs
Foto di Laila Pozzo

Da martedì 8 a domenica 13 settembre 2020 va in scena al Teatro Carignano di Torino Cleopatràs, con l’interpretazione  di  Anna  Della Rosa, il progetto sonoro di Gup Alcaro, le luci e le scene di Nicolas Bovey, diretto da Valter Malosti e prodotto da TPE – Teatro Piemonte Europa e Festival delle Colline Torinesi, in collaborazione con l’Associazione Giovanni Testori a conclusione la rassegna Summer Plays. Sere d’estate al Teatro Carignano, organizzata dal Teatro Stabile di Torino e da TPE – Teatro Piemonte Europa. Lo spettacolo è inserito nel programma del 25° Festival delle Colline Torinesi – Torino Creazione Contemporanea.

Dal buio compare nella luce lei, Cleopatràs, abito da sera anni ’60, acconciatura che ricorda con struggente meraviglia la Maria Callas nella Medea di Pier Paolo Pasolini. Una coltre scura sullo sfondo e un asta con microfono a filo. Anna Della Rosa è di un fascino implacabile, un’opera pittorica fra simbolismo e rinascimento, una tela di Gustave Moreau che prende vita sotto i nostri occhi e la sua voce presente, viva, seducente, potente snocciolata con timbrica impressionante attraverso l’amplificazione perfetta del teatro. Terrà in mano il microfono per tutta l’ora e 15 minuti dello spettacolo e nonostante ciò in nulla è diminuita la portata interpretativa dell’attrice che con bravura magistrale intesse una relazione d’amore con il testo sublime di Testori: talvolta è scontro, talvolta è coccola, altre è gioco, complicità, distacco, stupore, godimento, eccitazione. Anna Della Rosa ci trasmette tutta la potenza espressiva dell’autore di Novate Milanese, con maestria e cura nella dizione che nulla toglie all’emotività sentimentale, alla presenza spirituale, mentre sulla scena la stanza da letto su cui si consumerà il crudel suicidio si palesa fino a diventare la dimora di immagini surreali e pittoriche, dorate o vergate di rossastro sanguigno e infine alcova della tragica fine. Uno spettacolo giocato con eccelsa vena estetica tra morte ed eros, amore e thanatos, con un impianto sonoro di raffinata presenza, grazie al lavoro certosino di GUP Alcaro, e con l’impronta surrealista e simbolista della scena incastonata nel loculo funerario in cui la fuga prospettica dell’angolo di profondità attira gli sguardi e la perfezione geometrica di un gioco di rappresentazione scenica e senso estetico. Da rivedere e gustare per godere appieno delle infinite sfumature del testo testoriano e della magistrale interpretazione di Anna Della Rosa.

Visto l’11 settembre 2020.

———

Cleopatràs 

Di Giovanni Testori

Con Anna Della Rosa  e con Marcos Vinicius Piacentini 

Progetto sonoro Gup Alcaro

Scene e luci Nicolas Bovey

Costumi Gianluca Sbicca

Cura del movimento Marco Angelilli

Regia Valter Malosti

Una produzione TPE ‐ Teatro Piemonte Europa, Festival delle Colline Torinesi 

Lo spettacolo è inserito nel programma del 25° Festival delle Colline Torinesi – Torino Creazione  Contemporanea

LEAVE A REPLY