Ipuntidanza (18° edizione)

Da ottobre 2020 a maggio 2021 nella provincia di Biella

0
386

Ipuntidanza Ritorna la Fondazione Egri per la Danza con la Compagnia EgriBiancoDanza, per la diciottesima edizione dei IPUNTIDANZA, con un calendario di spettacoli e un’offerta artistica che, nonostante le difficoltà del periodo, si conferma variegata ed eclettica aggiungendo al suo cartellone importanti sinergie, collaborazioni e nuovi progetti con realtà territoriali che si preparano ad accogliere la nuova stagione.

In particolare la RASSEGNA INTERSCAMBI COREOGRAFICI, sezione della stagione itinerante IPUNTIDANZA, sarà proposta in esclusiva, nella provincia di Biella, da ottobre 2020 a maggio 2021, attraverso una ricca e variegata offerta coreografica ad opera di importanti compagnie del territorio nazionale e internazionale che già da tempo condividono con la Fondazione Egri e col suo strumento teatrale, la Compagnia EgriBiancoDanza, valori culturali ed artistici sia dal punto di vista della programmazione sia sul versante della formazione. L’iniziativa mira a valorizzare un territorio che non ha ancora una programmazione coreutica articolata su una stagione di spettacoli di danza, trasformandolo in un luogo privilegiato di programmazione coreografica focalizzato sulle potenzialità di tutta l’area e in particolar modo sulla città di Vigliano Biellese.

Il cartellone della stagione, oltre alla programmazione di importanti compagnie nazionali ed internazionali, fra le quali Aura dance Company (Lituania), BTT – Balletto Teatro di Torino, Compagnia Tcheckpo – Tans Haus Dusseldorf, Teatro Stabile Trieste, prevede workshop, incontri col pubblico e spettacoli per le scuole: questi ultimi nell’originale format Digital Kids Si tratta di incontri fra un responsabile delLA Compagnia EgriBiancoDanza con gli studenti di vari istituti scolastici, dove, con il supporto di strumenti digitali (web, streaming video, piattaforme digitali), la danza entra a scuola.

Così Raphael Bianco, direttore artistico della Compagnia EgriBiancoDanza, sintetizza su questo progetto: abbiamo puntato su Biella e il Biellese pe tutta la nostra programmazione e ospitalità di Compagnie esterne alla nostra organizzazione , identifichiamo in quell’aerea geografica un vero e proprio presidio culturale dove implementare nuove pratiche coreutiche e coinvolgere il territorio

attraverso una proposta coreografica multiforme e a più voci. Consolidiamo la sezione interscambi coreografici, che prenderà nel tempo una sua autonomia ridefinendosi “Rassegna” del territorio, con l’intento di creare un polo variegato e attento alle necessità di quel territorio in stretta sinergia con le istituzioni culturali presenti.

Primo appuntamento in programma, domenica 11 ottobre alle ore 21 al Teatro Erios di Vigliano Biellese con la Compagnia EgriBiancoDanza che presenta Let’s Dance, uno spettacolo di danza frizzante, divertente ed eclettico, con balletti di gruppo e assoli dinamici e coinvolgenti, estratti dal vasto repertorio della Compagnia EgriBiancoDanza. Balletti firmati dal co-direttore e coreografo Raphael Bianco: per riaffermare il concetto che la Danza è Una ma si manifesta sotto multiformi aspetti: una danza universale per riflettere, divertire e comunicare.

A seguire, sabato 14 novembre alle ore 21, sempre al Teatro Erios di Vigliano Biellese con Compagnia Petranuradanza Megakles Ballet + Mandala Dance Company che presenta HH_HOMO HUMUS / “TEMPO” 3.1. HH_Homo Humus è una produzione multimediale sull’attuale tema dei danni climatici causati dall’inquinamento ambientale ed dall’eccessivo sfruttamento delle risorse del nostro pianeta. Consapevole dell’immensa bellezza della Terra che ci ospita, HH_Homo Humus vuole lanciare un messaggio di sensibilizzazione affinché proprio dall’uomo parta la volontà di cambiamento per una nuova rinascita. “TEMPO” 3.1 è una riflessione sulla libertà. “Noi sogniamo la libertà, ma vogliamo la sicurezza. Allora come un pittore immortala uno splendido paesaggio dentro una cornice, cosi tendiamo ad imprigionare la libertà nella disciplina. Ma la libertà non è dogma, non ha certezze e non ne da. Essa è possibilità non obbligo. La libertà contempla il dubbio, l’errore.” (Salvatore Romania) Il giorno successivo, domenica 15 novembre alle ore 21, il Gruppo Emotion + ResExtensa sarà sul palco del Teatro Erios con FERMO IMMAGINE / STORIE D’ACQUA. Il progetto Fermo immagine rappresenta una “polaroid”, un’istantanea grave e leggera sulla galleria degli orrori quotidiani e passati: paesaggi di guerra, deflagrazioni, ambienti stravolti da raid aerei o attentati terroristici. In questi contesti di stravolgimento della realtà il corpo agisce e reagisce facendosi voce, specchio delle sensazioni vissute; un corpo altro, aperto, empatico, stravolto, smembrato… Vivo! Un corpo senz’organi (come descrissero Artaud prima e Deleuze dopo) dilaniato da forze incontrollabili, “aperto a connessioni, circuiti, suddivisioni e soglie, passaggi e distribuzione di intensità” (Gilles Deleuze, Felix Guattari, Millepiani). Storie d’Acqua è uno spettacolo nato dal lockdown, dallo sguardo delicato, innamorato e stupito, dalla necessità potente di relazione con gli altri e al tempo che corre, imprevedibile e inarrestabile. Storie D’Acqua è un viaggio nella bellezza di una carezza, nell’importanza di correnti di emozioni e relazioni, nel mistero del tempo che sfugge e dell’emozione che vorremmo fermare per sempre ma che non dura mai abbastanza. Un omaggio all’emozione della vicinanza, all’intensa curiosità per bellezza e mistero che, come l’acqua, deve fluire sempre.

Particolarmente ricco di appuntamenti il mese di dicembre al Teatro Erios. Si tratta infatti di spettacoli dedicati alle scuole ma che per difficoltà legate alla normativa Covid, sono stati ricalendarizzati in orario serale, in modo che ragazzi e famiglie possano comunque fruirne. Si comincia mercoledì 9 alle ore 20, con la Compagnia MovimentoinActor che presenta Quella Meraviglia di Alice, in una versione del capolavoro di Lewis Carroll adatta a tutti pubblici e non solo a quello di bambini e giovani. Un’ Alice raccontata attraverso il linguaggio della danza. Gli arti che crescono o rimpiccioliscono a dismisura. Personaggi bizzarri che popolano un mondo che sta dall’altra parte dello specchio. Alice ( e noi con lei ) varca i labili confini della realtà per rincorrere il coniglio, il cappellaio matto o litigare con la Regina Rossa. I simboli , di significato complesso, divengono semplici e facilmente accessibili a tutti. Spazio e tempo sono modificabili all’infinito, il linguaggio si rivela per quello che è : una convenzione arbitraria che può sgretolarsi da un momento all’altro. Un universo in continua metamorfosi, come la danza, che diviene, qui , strumento privilegiato per oltrepassare i confini del reale.

Giovedì 10 dicembre, sempre alle 20, appuntamento con la Compagnia Francesca Selva che presenta Pietà per Icaro “Il mito greco di Dedalo ed Icaro è da sempre utilizzato come insegnamento o monito. L’imprudenza di Icaro, esaltata dal volo sempre più vicino al sole. La Compagnia in questo affresco, indaga i rapporti e le dinamiche padre-figlio mettendo in discussione la storia mitologica del volo con le ali di cera, per arrivare ad una visone più introspettiva e filosofica del mito”.

Chiude il cartellone per il 2020 la Compagnia EgriBiancoDanza che presenta sabato 11 dicembre alle ore 20 Light’s Heroes – Choreogame uno spettacolo che coinvolge i ragazzi delle scuole in un gioco coreografico, choreogame, che ha come scopo ultimo trovare la luce, ossia la vittoria, attraverso una costante interazione fra pubblico e danzatori. La performance dal contenuto altamente formativo, si pone come obiettivo la delineazione della figura e del ruolo cardine del coreografo, all’interno del processo di ideazione e strutturazione di un balletto.

Primo appuntamento per il 2021, la cui sede sarà comunicata prossimamente, sarà sabato 30 gennaio alle ore 21 con Tchekpo Dance Company che presenta DER MANTEL, una scultura sociale che costruisce un ponte tra culture diverse. Il progetto artistico interdisciplinare ha avuto inizio nel 2018. Uomini e donne ricamano insieme un cappotto circolare di cotone, rosso e pesante. Utilizzando il cappotto africano ricamato a mano e caricato di pensieri, riflessioni e storie personali, la Tchekpo Dance Company, in collaborazione con l’artista visiva Elisabeth Masé, ha così sviluppato un lavoro coreografico sulla compartecipazione e sulla collaborazione umana.

Venerdì 26 febbraio alle ore 21 nuovo appuntamento al Teatro Erios con il Balletto Teatro di Torino che presenta BALERA/TIMELINE. Sei ospiti. Sei sedie. Una voce. Con BALERA, Andrea Costanzo Martini e i danzatori del BTT si tuffano in una esplorazione sull’euforia del danzare, passando con nonchalance attraverso vocabolari noti come quelli del Balletto Accademico o delle

Danze di Sala e di tradizione, e rivisitandoli con sguardo particolarmente attento al lato istintivo e animale del corpo umano. BALERA racconta di un mondo a sé, dove il sottostare a codici e regole si scontra con il puro piacere di muoversi, in un luogo per molti aspetti familiare, fatto di incontri, di sguardi, di desiderio e di passione nel quale la fatica si trasforma in leggerezza ribaltando le aspettative per lasciare spazio all’assurdo e all’ironia. TIMELINE racconta delle somiglianze e delle diversità di comportamento tra esseri umani, in relazione alle convenzioni sociali, e di come le stesse vengano percepite in culture differenti. Ella Rothschild si sofferma sui momenti più impegnativi in cui le persone si imbattono nel corso della loro vita, e rende sempre più sottile la linea che separa ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. Nel suo processo creativo, la coreografa compone con i danzatori un collage di immagini che esplorano  situazioni che si alternano in ogni comunità: competitività, dolore, curiosità, emulazione, lutto, disperazione, tristezza, ansia, paura, follia, gioia. Utilizzando movimento astratto e gesto teatrale, Ella crea un il linguaggio che la contraddistingue ed esplora le personalità e le relazioni del gruppo, riuscendo a creare un unico grande, mondo, meraviglioso e cupo, che si redime grazie ad una grande autoironia.

A seguire martedì 2 marzo al Teatro Erios alle ore 10 e alle ore 17 appuntamento con LA CONTRADA -TEATRO STABILE DI TRIESTE che presenta Le Quattro Stagioni, un progetto artistico dedicato all’infanzia, dove Teatro, Danza e Musica si incontrano per dar vita ad uno spettacolo dedicato alla natura con le sue molteplici forme e colori, partendo dalla celebre sinfonia di Antonio Vivaldi accostata a Max Richter, un giovane compositore anglotedesco che nel 2012 ha pubblicato “Recomposed by Max Richter: Vivaldi – The Four Season”, una riscrittura delle quattro stagioni in chiave contemporanea.

Sabato 13 marzo alle ore 21 il Teatro Sociale di Biella ospiterà invece la Compagnia lituana Aura Dance Company che presenta Kaunas Zoo, una serata di danza e musica dal vivo per analizzare i temi della bellezza, i culti della moda, l’obiettivo del lusso e mostrare le “maschere” prodotte dalla vanità del nostro vivere quotidiano. Movimenti precisi, corpi allenati e incredibilmente flessibili, lussuosi costumi creati da Kristina Čyžiūtė interagiscono con la musica dal vivo dei grandi maestri dell’improvvisazione di Kaunas producono uno spettacolo straordinario e ipnotico.

Chiude la stagione, domenica 9 maggio alle ore 21 al Teatro Erios di Vigliano Biellese la Compagnia Interno 5 Danza con lo spettacolo Antigone, sospeso in uno spazio limbico tra l’infinito

dell’immaginazione ed i muri delle leggi non scritte, come ANTIGONE nella caverna è il corpo sulla scena. Se conformarsi a regole e forme alimenta il senso di solitudine, occorre seguire le proprie idee a costo di rischiare un tragico ed irrimediabile epilogo? ANTIGONE è un corpo politico, fragile nella sua umanità che ci invita alla resa, ad allentare la presa, a comprendere i contrasti.

———-

La Rassegna Interscambi Coreografici è parte della Stagione IPUNTIDANZA 2019/2020

Con il patrocinio di: Consiglio Regionale del Piemonte, Città di Vigliano Biellese, Città di Torino, Città di Moncalieri, Città di Giaveno, Città di Verbania, Città di Genova.

Con il sostegno di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Piemonte, Fondazione CRB, Fondazione CRT, Fondazione CRC, Compagnia di San Paolo, Città di Torino, Studio Rolla.

In collaborazione con: Fondazione Piemonte dal Vivo, Fondazione Centro Eventi Multifunzionale Il

Maggiore – Verbania, Cross Residence, Fondazione Onlus Teatro Ragazzi e Giovani, DreamLight, Open Your Heart, Coorpi, ArteInMovimento, Quarto Pianeta, Camerata Ducale di Genova, VCO Biblioteche di Verbania, Associazione Scatola Gialla di Cuneo, Museo del Paesaggio di Verbania

Media partner: Il Biellese, Radio Energy, PAC Paneacquaculture.

LEAVE A REPLY