Cerimonia pubblica istituzionale per Giovacchino Forzano

Il 24 ottobre, ore 17, presso Villa Pecori Giraldi, Borgo San Lorenzo (FI)

0
229

Sabato 24 ottobre 2020, alle ore 17.00, la Sala Guglielmo di Villa Pecori Giraldi ospiterà la Cerimonia pubblica istituzionale dedicata alla celebrazione di Giovacchino Forzano, giornalista, librettista, scenografo e regista borghigiano, nel 50esimo anniversario dalla sua morte. Scoperto dal compositore Ruggero Leoncavallo alle Terme di Montecatini, diventa il suo librettista, così come lo sarà di Pietro Mascagni e di Giacomo Puccini e calcherà, in qualità di librettista, scenografo e regista, i più noti palcoscenici del mondo, dalla Scala di Milano al Metropolitan di New York.

La giornata istituzionale di studi storico e musicali è organizzata dall’Associazione culturale Camerata de’ Bardi, anche Scuola comunale di musica ‘Marco da Gagliano’ di Borgo San Lorenzo, in collaborazione con Villa Pecori Giraldi e Chini Museo, Rotary Club Mugello, Orchestra da Camera Fiorentina e con il patrocinio della Regione Toscana, della Città metropolitana di Firenze, dell’Unione Montana dei Comuni del Mugello e del Comune di Borgo San Lorenzo.

La serata si aprirà alle ore 17.00 con i saluti istituzionali e rotariani per proseguire con gli interventi dei diversi relatori.

Aldo Giovannini, memoria storica della Vallata, già giornalista de ‘La Nazione’, collaboratore di Ok!Mugello e scrittore, aprirà la serata con la sua relazione titolata ‘Giovacchino Forzano e Borgo San Lorenzo: le origini e la giovinezza’; Sabrina Malavolti Landi, professore d’orchestra, musicologa e responsabile della comunicazione dei Festival internazionali delle Orchestre Giovanili, Italian Brass Week e di ANBIMA, membro fondatore della Camerata de’ Bardi e socia rotariana, tratterà de ‘Le fiabe e il Mugello nelle opere di Forzano’ per poi passare il testimone a Cesare Orselli, docente del Conservatorio statale di musica ‘L. Cherubini’ e dell’Università degli Studi di Firenze, dell’Istituto Superiore di Studi Musicali ‘R. Franci’ di Siena, collaboratore dell’Accademia Chigiana, della RAI, direttore artistico, dal 1988 al 1991, del Teatro Bellini di Catania, e del Festival Opera Barga, critico musicale per le maggiori Istituzioni e Fondazioni lirico-sinfoniche della penisola, fima delle voci del nostro settore per l’Enciclopedia Treccani e Utet. La sua relazione ripercorrerà i più interessanti e professionalmente importanti ‘Incontri musicali di Giovacchino Forzano’.

L’intermezzo musicale dell’Ensemble ‘Camerata de’ Bardi’, costituito dal tenore Enrico Nenci, dal soprano Sumiko Okawa e dalla pianista Debora Tempestini, interpreterà alcune pagine operistiche di Forzano-Leoncavallo tratte da ‘La reginetta delle rose’, opera che segna l’avvio alla carriera internazionale del nostro librettista borghigiano.

Si prosegue con la relazione del Maestro d’Arte delle Manifatture Chini, Vieri Chini, che ci parlerà di ‘Giovacchino Forzano e Galileo Chini per Giacomo Puccini’, mettendo in luce la maestria dei due artisti borghigiani a servizio del compositore lucchese.

‘Forzano e l’incontro speciale con Puccini. L’idea di un Festival dedicato al Maestro lucchese’ sarà l’argomento della relazione di Mauro Lubrani, giornalista de ‘La Nazione’, collaboratore RAI e ANSA per la Cultura, scrittore, socio rotariano del Club di Montecatini Terme e responsabile della comuncazione del Festival Pucciniano di Torre del Lago, nato per volontà del nostro mancato medico e avvocato borghigiano Forzano.

La giornata celebrativa del concittadino borghigiano si concluderà con l’omaggio dell’Ensemble Camerata de’ Bardi al duo Forzano-Puccini con l’esecuzione delle più note e celebri pagine delle loro creazioni operistiche: ‘Suor Angelica’ e ‘Gianni Schicchi’.

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti. In virtù del nuovo DPCM del 18.10.2020 si ricorda che non occorre la prenotazione, che i posti ammessi saranno solamente 50, che si seguiranno le norme vigenti per il distanziamento sociale, che è obbligatorio indossare la mascherina e che la temperatura corporea non deve essere pari o superiore a 37,5°.

LEAVE A REPLY