Giornata Nazionale dello Spettacolo dal Vivo

Appuntamento 1 minuto dopo la mezzanotte del 25 novembre

0
300

Il nuovo DPCM emanato in data 24 Ottobre u.s. desta sconcerto e delusione nel settore dei lavoratori e delle Imprese dello Spettacolo dal Vivo Privato.In seguito alla chiusura imposta a teatri e cinema dallultimo DPCM firmato dal Premier il 24 ottobre, l’ATIP – Associazione Teatri Italiani Privati presieduta da Massimo Romeo Piparo esprime grande sconcerto e delusione in una lettera indirizzata oggi al Presidente del Consiglio Conte, ai Ministri Franceschini e Speranza, al Commissario per lemergenza Borrelli e al Coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Miozzo.

Ma lamarezza delle ultime ore non ha spento la voglia di ripartire per uscire dal baratro della crisi degli ultimi mesi: per questo lAssociazione ha indetto per il prossimo mercoledì 25 novembre, esattamente 1 minuto dopo la mezzanotte (quando cioè cesserà l’obbligo di chiusura imposto dal DPCM), la Giornata Nazionale dello Spettacolo dal Vivo: 24 ore di confronto e condivisione nei maggiori teatri privati italiani, da nord a Sud, che riapriranno per la prima volta in contemporanea dopo lo scorso marzo. Al centro della Giornata Nazionale incontri con Politica, Istituzioni, personalità del mondo della Cultura e dello Spettacolo su temi di vitale importanza: non assistenzialismo ma misure fiscali da parte dello Stato, maggiori tutele per i lavoratori, la ridefinizione dei criteri di assegnazione del Fondo Unico per lo Spettacolo, il rapporto del Teatro con la Tv e la Scuola, le differenze tra teatro pubblico e privato.

Nata nel maggio scorso, l’ATIP – Associazione Teatri Italiani Privati vede come nucleo fondatore 18 grandi Teatri Privati sparsi lungo tutta la Penisola, ma nelle ultime settimane molte realtà produttive e numerosi teatri si sono aggiunti.

I Teatri fondatori – da soli – sviluppano 28.984 posti a sedere; 2300 giornate di spettacolo dal vivo in una stagione; 2.5 milioni di biglietti venduti; 60 milioni di euro di incasso; 6 milioni di IVA sui biglietti.

I Teatri fondatoridi ATIP sono (in ordine alfabetico):

Ambra Jovinelli, Roma (800 posti)

Augusteo, Napoli (1420 posti)

Celebrazioni, Bologna (966)

Colosseo, Torino (1503)

Creberg, Bergamo (1526)

Degli Arcimboldi, Milano (2346)

Geox, Padova (4500)

EuropAuditorium, Bologna (1700)

Lyrick, Assisi (1000)

Manzoni, Milano (850)

Metropolitan, Catania (1780)

Morato, Brescia (1800)

Politeama, Genova (1054)

Quirino, Roma (850)

Repower, Milano (1730)

Sistina, Roma (1565)

Team, Bari (2056)

Verdi/A. Pagliano, Firenze (1538)

In attesa della Giornata Nazionale dello Spettacolo dal Vivo, nella lettera inviata oggi dal Presidente Piparo, lATIP chiede alle Istituzioni di permettere agli operatori dello Spettacolo dal Vivo, ancora una volta penalizzati, di poter continuare a svolgere il proprio lavoro nel pieno rispetto delle misure di sicurezza e contenimento del virus. Il rischio infatti è che questa ennesima battuta darresto possa rivelarsi fatale per le Imprese teatrali private. LATIP inoltre invita gli esperti del Comitato Tecnico Scientifico e i Ministri Franceschini e Speranza a visitare di persona i Teatri, per constatare lalto livello di sicurezza garantito, con lauspicio che la chiusura possa essere revocata.

– Al Presidente del Consiglio dei Ministri Prof. Giuseppe Conte

– Al Ministro dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo On. Dario Franceschini;

– Al Ministro della Salute On. Roberto Speranza;

– Al Commissario per lemergenza Dott. Angelo Borrelli;

– Al Coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Dott. Agostino Miozzo;

Loro Sedi

———-

Oggetto: Il nuovo DPCM emanato in data 24 Ottobre u.s. desta sconcerto e delusione nel settore dei lavoratori e delle Imprese dello Spettacolo dal Vivo Privato.

Nonostante i ripetuti accorati appelli rivolti alle Istituzioni attraverso ogni forma di comunicazione pacata e responsabile, il settore dello Spettacolo dal Vivo Privato sta subendo unennesima battuta darresto che potrebbe rivelarsi fatale per la sopravvivenza stessa dellintero comparto. 

Nella assoluta consapevolezza che lemergenza sanitaria sia concreta, preoccupante e vada quindi affrontata con forza e determinazione, le Imprese che producono e organizzano Spettacoli dal vivo si sono adoperate con ogni mezzo, anche affrontando serie difficoltà di liquidità, affinché i propri spazi e le proprie attività fossero altamente rispondenti ai criteri indicati dal Governo attraverso il proprio organo consultivo (CTS). 

Diamo atto al Governo di aver cercato di sostenere il settore annunciando sussidi e fondi di ristoro allintero Settore della Cultura. Tuttavia rileviamo che la maggior parte dei fondi sono stati destinati al Cinema e alle Istituzioni Teatrali di carattere Pubblico, riservando parti marginali di intervento alle Imprese Private. 

ATIP, unendosi al coro unanime della protesta di queste ore, chiede a gran voce di poter continuare a svolgere il proprio lavoro con serietà e rispetto delle regole, salvaguardia della salute e dell’incolumità dei propri lavoratori nonché del proprio pubblico, e invita formalmente gli esperti del Comitato Tecnico Scientifico, nonché  gli On.li Ministri Franceschini e Speranza, a fare visita ai nostri locali per accertarsi di persona dellalto livello di sicurezza garantito, affinché possano rivedere con sollecitudine il provvedimento emanato: non ci sarà una seconda chiamata se oggi si vanificherà lo sforzo compiuto dalle nostre Imprese per la ripartenza seppur già ampiamente contingentata- di un bene così prezioso come la cura della mente e dell’animache solo la Cultura sa somministrare.

LEAVE A REPLY