Previsioni del tempo

Il 22 e 23 ottobre, ore 21, al Teatro delle Arti, Lastra a Signa (FI)

0
477

Previsioni del tempoProduzione Teatro popolare d’arte
Adattamento teatrale a cura di Patrizia Corti
Con MARCO NATALUCCI
Musicato dal vivo da FRANCESCO GIORGI
Luci Gianni Pollini
Consulenza artistica Gianfranco Pedullà

Liberamente ispirato a ”Previsioni del tempo” di Wu Ming
Prima nazionale

——–
Una storia on the road sul traffico illecito di rifiuti, un noir, una sorta di teatro canzone che parla di ecomafia.

Nuova produzione del Teatro popolare d’arte, ”Previsioni del tempo” va in scena in prima nazionale giovedì 22 e venerdì 23 ottobre (ore 21) al Teatro delle Arti di Lastra a Signa (Firenze). Un lavoro inedito che vede sul palco un attore della bravura di Marco Natalucci e un musicista poliedrico come Francesco Giorgi. Il testo è un adattamento teatrale di Patrizia Corti dell’omonimo racconto di Wu Ming, con la consulenza artistica di Gianfranco Pedullà.

Le serate si svolgono nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. Biglietti 13/11/8 euro, riduzioni per over 65, under 26, soci Coop, soci BCC, soci Biblioteca Comunale, soci Arci e Amici del Museo Caruso. E’ necessaria la prenotazione (tel. 055 8720058 – biglietteria@tparte.it) e si acede previo controllo della temperatura corporea. La mascherina è sempre obbligatoria, anche a sedere, e in sala sono disponibili solo posti singoli e distanziati, anche per congiunti.

Previsioni del tempo” si iscrive nella ricerca del Teatro popolare d’arte di parlare della nostra contemporaneità con i mezzi del teatro, attraverso una storia narrata come in un radiodramma.

Mentre le rotte della spazzatura impongono nuove mappe del crimine, i gestori del malaffare e le loro vittime precipitano in un universo di corruzione e veleni. Giuliano trasporta maiali macellati illegalmente, sfuggiti a ogni controllo di qualità, da vendere nei supermercati. L’appuntamento è sull’Appennino emiliano con la gang di Jakup Mahmeti, già apparso nelle pagine di Guerra agli umani di Wu Ming.

Un compito semplice: consegnare la carne e portare un nuovo Tir, carico di immondizia, fino al porto di Napoli. Ma durante il tragitto dosi eccessive di Maalox, paranoia ed equivoci stravolgono i piani. Deve intervenire il broker, sommo sacerdote dello smaltimento rifiuti, moderno alchimista sul libro paga della camorra.

Un racconto teso e sferzante. Perché quando si tratta di rifiuti, davvero nessuno può dirsi innocente.

Marco Natalucci ha lavorato con Ugo Chiti e Teatro Arkhè, Arca Azzurra, Pupi e Fresedde. Dalle fine degli anni ’90 collabora con il Teatro popolare d’arte, prendendo parte a tutte le principali produzioni. Francesco Giorgi ha studiato pianoforte, violino e composizione ai Conservatori di Firenze e Bologna. Laureato in Etnomusicologia, è vicepresidente del Centro Studi Musicali Stan Kenton di Sanremo, suona stabilmente con Fratelli Marelli e Sorelle Marinetti e compone musiche di scena per Teatro popolare d’arte.

Segui allestimenti, prove e spettacoli sulle pagine Facebook e Instagram del Teatro Delle Arti Lastra.

www.tparte.it
www.facebook.com/teatrodellearti.lastra
www.instagram.com/teatrodellearti_lastra
www.youtube.com/user/Compagniatparte

———-

Biglietti

Intero 13 euro
Ridotto 11 euro per over 65, soci Coop, soci BCC, soci Biblioteca Comunale e Amici del Museo Caruso, soci Arci
Ridotto 8 euro fino a 26 anni

Info e prenotazioni

Teatro delle Arti – viale Matteotti 5/8, Lastra a Signa (FI)
Tel. 055 8720058 – teatrodellearti.lastraasigna.fi@gmail.com
promozione@tparte.itwww.tparte.it

Bus e treno
Il Teatro delle Arti di Lastra Signa e facilmente raggiungibile sia in treno sia in bus.
In treno da Firenze SMN a Lastra Signa: partenza 18.28 – arrivo 18.44 // partenza 19.28 – arrivo 19.44 // partenza 20.28 – arrivo 20.44; ritorno da Lastra a Signa a Firenze SMN: partenza 22.55 – arrivo 23.13. Il teatro dista poche centinaia di metri dalla stazione ferroviaria.
In bus, linea 72 Ataf: Piazza Piero della Francesca T1 Federiga / Soffiano Via Starnina / Lastra a Signa via Livornese (fermata a 20 metri dal teatro)

LEAVE A REPLY