Quella fiamma porta il tuo nome

In questa poesia Giovanni Luca Valea prende spunto da un celebre episodio narrato dal Secondo Libro di Samuele

0
263

In questa poesia Giovanni Luca Valea prende spunto da un celebre episodio narrato dal Secondo Libro di Samuele. Betsabea, che il poeta immagina come una ballerina, si lava sul terrazzo della reggia, mentre il Re David la osserva pieno di desiderio. Una voce – forse divina – tenta di ricondurlo al suo dovere, ma David sente il suono della cetra e il fuoco della donna.

e dal tetto vide una donna
che si lavava

Samuele, II

****

Bestabea
“Betsabea” di Jean-Léon Gérôme

Quella fiamma porta il tuo nome

La voce induce il Re al trono

e allo splendore della corona,

ma la ballerina con i capelli

al vento lava piano le spalle sul

terrazzo della reggia. Un incanto

tale giace tra sospiro e carne.

Che dovesse danzare era legge,

ma un calore le prende la veste.

La cetra di legno umile suona

ma la musica pare infinita.

Ha un fuoco, la donna, che le turba

il sonno. Sii dolce, o eletto,

ma non lesinare la tua forza.

Quella fiamma porta il tuo nome.

LEAVE A REPLY