La Prima della Prima alla Scala: un omaggio alla Prima che verrà

Il 2 dicembre, ore 21, OnLife e in streaming

0
410

Questo dicembre dedicheremo una serata non alla Prima della Prima alla Scala, come da tempo è consuetudine del Teatro No’hma, ma alla Prima che verrà, in modalità OnLife e in streaming, per guardare insieme, uniti nella nostra platea virtuale, a un futuro migliore”.

Con queste parole, Livia Pomodoro, presidente dello Spazio Teatro No’hma di via Orcagna 2 a Milano, annuncia la serata del 2 dicembre, in continuità poi sui canali digitali del teatro, e in tutto il mondo.

Come da lunga tradizione, sarà con noi il critico musicale Stefano Jacini, impegnato in una appassionante conversazione musical-letteraria, svelando e commentando il dietro le quinte delle rappresentazioni della Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti, andata in scena tante volte sui palcoscenici internazionali.

Al No’hma ci sarà un ospite d’eccezione: il maestro Roberto Abbado che, dialogando con Livia Pomodoro, racconterà la sua esperienza nella direzione della Lucia di Lammermoor, rappresentata all’Opera di Roma nel 2015, con la regia di Luca Ronconi, scomparso poco prima del debutto.

L’omaggio alla Prima che verrà, con la regia di Marco Rampoldi, è anche un appuntamento imperdibile con il balletto. Cinque straordinari ballerini danzeranno sulle arie più famose del dramma donizettiano, ricostruendo, dall’ouverture al duetto tra Lucia e Alisa, fino alla celebre scena della pazzia, la deriva fisica e psichica della protagonista, nata dalla fantasia di Walter Scott.

Lo Spazio Teatro No’hma, grazie al teatro OnLife, un teatro sempre connesso con il mondo, torna ancora una volta a unire il pubblico di ogni paese in una platea che non ha confini e non conosce barriere.

———

La Prima della Prima alla Scala: omaggio alla Prima che verrà

mercoledì 2 dicembre alle ore 21 e da giovedì 3 disponibile sul canale YouTube del teatro

regia di Marco Rampoldi

con Stefano Jacini

Roberto Abbado

ballerini: Beatrice Carbone, Emanuela Montanari, Mick Zeni, Fabio Saglibene, Christian Fagetti

LEAVE A REPLY