Premio “Borciani” per Quartetto d’Archi 2021

Scadenza iscrizioni posticipata al 14 febbraio

0
299

Considerata la situazione epidemiologica internazionale e la persistenza dell’emergenza sanitaria, la Fondazione I Teatri di Reggio Emilia ha deciso di posticipare il termine delle iscrizioni alla XII edizione del Concorso Internazionale per Quartetto d'Archi “Premio Paolo Borciani”, che si terrà dal 5 al 13 giugno 2021 al Teatro Valli di Reggio Emilia. Le candidature potranno essere inviate entro il 14 febbraio 2021. Il bando è disponibile sul sito www.iteatri.re.it. In occasione della XII edizione del “Premio Paolo Borciani” si terrà al Teatro Valli di Reggio Emilia la Assemblea annuale della WFIMC, la Federazione Mondiale dei Concorsi Musicali. Il Concorso Internazionale è realizzato grazie alla collaborazione di Max Mara, marchio di eccellenza della moda italiana e tra i principali brand internazionali. Il Concorso è aperto ai giovani Quartetti d’Archi di tutte le nazionalità: l'età complessiva del Quartetto non deve superare i 128 anni e quella dei singoli componenti i 35 anni. Al termine delle quattro prove selettive aperte al pubblico, tre dei quartetti partecipanti verranno ammessi alla finale di domenica 13 giugno 2021. I risultati saranno annunciati la sera stessa, a conclusione dei lavori della Giuria presieduta da Emmanuel Hondré, Direttore del Dipartimento Spettacoli e Concerti della Philharmonie de Paris. Ne fanno parte: Martin Beaver, violino, Tokyo String Quartet; Francesco Dillon, violoncello del Quartetto Prometeo; Kim Kashkashian, viola; Anthea Kreston, violino, ex membro del Quartetto Artemis; Jana Kuss, violino del Quartetto Kuss, Alexander Lonquich, pianoforte. Fanno parte della commissione di pre-selezione Emilie Delorme (Direttrice del Conservatoire national supérieur de musique et danse de Paris), Jeanne Maisonhaute (Tana QT), Geneviève Strosser, Francesco Filidei (consulente musicale della Fondazione I Teatri e responsabile musicale del Premio Paolo Borciani). Le quattro prove percorrono l’arco temporale che va dal Settecento al Contemporaneo e una “Carta Bianca” con improvvisazioni o performance a scelta. Tutti i partecipanti eseguiranno inoltre in prima assoluta UTA-ORI. Weaving Song for string quartet, la nuova commissione per Quartetto d'Archi che il Premio Paolo Borciani ha affidato a Toshio Hosokawa, tra i più rappresentativi e conosciuti autori del nostro tempo, formatosi a Berlino alla scuola di Isang Yun, oltre che profondo conoscitore della musica tradizionale giapponese. Al primo classificato sarà assegnato un premio in denaro di € 25.000, i vincitori avranno una residenza artistica a Reggio Emilia nel corso della Stagione 2021-2022 e una tournée internazionale, coordinata da Lorenzo Baldrighi Artists Management in collaborazione con Konzertdirektion Goette, Amburgo, per Germania, Austria e Svizzera; L’Agence, Parigi, per la Francia; Ivy Artists, L’Aia, per Belgio, Olanda e Lussemburgo; Sulivan Sweetland, Londra, per il Regno Unito, che li porterà ad esibirsi nelle più prestigiose sala da concerto. Saranno inoltre assegnati il Secondo Premio di
€ 10.000 (diecimila/00), il Terzo Premio di
€ 5.000 (cinquemila/00), il Premio Speciale
€ 3.000 (tremila/00) per la migliore esecuzione della nuova composizione per quartetto d’archi commissionata a Toshio Hosokawa, il Premio del Pubblico
€ 2.000 (duemila/00), il Premio Under 20
€ 1.000 (mille/00) e una borsa di studio dalla Jeunesses Musicales Deutschland. Tutti i dettagli sono contenuti nel bando di partecipazione. Nato nel 1987 per celebrare Paolo Borciani, cittadino di Reggio Emilia, fondatore e primo violino del Quartetto Italiano – storica formazione che il musicista e critico statunitense Virgil Thomson, dopo un memorabile concerto a New York nel novembre 1951, definì «senza dubbio il miglior quartetto che il nostro secolo ha conosciuto» – il Concorso Internazionale è realizzato grazie alla collaborazione di Max Mara, marchio di eccellenza della moda italiana e tra i principali brand internazionali. Caratteristica principale del Premio è la ricerca della più alta qualità artistica nei giovanissimi talenti: negli anni, i quartetti vincitori quali Keller (Ungheria), Artemis (Germania), Kuss (Germania), Pavel Haas (Repubblica Ceca), Bennewitz (Repubblica Ceca) e Kelemen (Ungheria) hanno iniziato le loro brillanti carriere internazionali partendo da Reggio Emilia e dal suo Premio. Le iscrizioni possono essere effettuate esclusivamente online sulla piattaforma Acceptd https://app.getacceptd.com/premio entro e non oltre il 14 febbraio 2021.Considerata la situazione epidemiologica internazionale e la persistenza dell’emergenza sanitaria, la Fondazione I Teatri di Reggio Emilia ha deciso di posticipare il termine delle iscrizioni alla XII edizione del Concorso Internazionale per Quartetto d’Archi “Premio Paolo Borciani”, che si terrà dal 5 al 13 giugno 2021 al Teatro Valli di Reggio Emilia. Le candidature potranno essere inviate entro il 14 febbraio 2021. Il bando è disponibile sul sito www.iteatri.re.it.
In occasione della XII edizione del “Premio Paolo Borciani” si terrà al Teatro Valli di Reggio Emilia la Assemblea annuale della WFIMC, la Federazione Mondiale dei Concorsi Musicali. Il Concorso Internazionale è realizzato grazie alla collaborazione di
Max Mara, marchio di eccellenza della moda italiana e tra i principali brand internazionali.

Il Concorso è aperto ai giovani Quartetti d’Archi di tutte le nazionalità: l’età complessiva del Quartetto non deve superare i 128 anni e quella dei singoli componenti i 35 anni. Al termine delle quattro prove selettive aperte al pubblico, tre dei quartetti partecipanti verranno ammessi alla finale di domenica 13 giugno 2021.
I risultati saranno annunciati la sera stessa, a conclusione dei lavori della
Giuria presieduta da Emmanuel Hondré, Direttore del Dipartimento Spettacoli e Concerti della Philharmonie de Paris. Ne fanno parte: Martin Beaver, violino, Tokyo String Quartet; Francesco Dillon, violoncello del Quartetto Prometeo; Kim Kashkashian, viola; Anthea Kreston, violino, ex membro del Quartetto Artemis; Jana Kuss, violino del Quartetto Kuss, Alexander Lonquich, pianoforte. Fanno parte della commissione di pre-selezione Emilie Delorme (Direttrice del Conservatoire national supérieur de musique et danse de Paris), Jeanne Maisonhaute (Tana QT), Geneviève Strosser, Francesco Filidei (consulente musicale della Fondazione I Teatri e responsabile musicale del Premio Paolo Borciani).
Le quattro prove percorrono l’arco temporale che va dal Settecento al Contemporaneo e una “Carta Bianca” con improvvisazioni o performance a scelta. Tutti i partecipanti eseguiranno inoltre in prima assoluta
UTA-ORI. Weaving Song for string quartet, la nuova commissione per Quartetto d’Archi che il Premio Paolo Borciani ha affidato a Toshio Hosokawa, tra i più rappresentativi e conosciuti autori del nostro tempo, formatosi a Berlino alla scuola di Isang Yun, oltre che profondo conoscitore della musica tradizionale giapponese.

Al primo classificato sarà assegnato un premio in denaro di € 25.000, i vincitori avranno una residenza artistica a Reggio Emilia nel corso della Stagione 20212022 e una tournée internazionale, coordinata da Lorenzo Baldrighi Artists Management in collaborazione con Konzertdirektion Goette, Amburgo, per Germania, Austria e Svizzera; L’Agence, Parigi, per la Francia; Ivy Artists, L’Aia, per Belgio, Olanda e Lussemburgo; Sulivan Sweetland, Londra, per il Regno Unito, che li porterà ad esibirsi nelle più prestigiose sala da concerto. Saranno inoltre assegnati il Secondo Premio di
€ 10.000 (diecimila/00), il Terzo Premio di
€ 5.000 (cinquemila/00), il Premio Speciale
€ 3.000 (tremila/00) per la migliore esecuzione della nuova composizione per quartetto d’archi commissionata a Toshio Hosokawa, il Premio del Pubblico
€ 2.000 (duemila/00), il Premio Under 20
€ 1.000 (mille/00) e una borsa di studio dalla Jeunesses Musicales Deutschland. Tutti i dettagli sono contenuti nel bando di partecipazione.
Nato nel 1987 per celebrare
Paolo Borciani, cittadino di Reggio Emilia, fondatore e primo violino del Quartetto Italiano – storica formazione che il musicista e critico statunitense Virgil Thomson, dopo un memorabile concerto a New York nel novembre 1951, definì «senza dubbio il miglior quartetto che il nostro secolo ha conosciuto» – il Concorso Internazionale è realizzato grazie alla collaborazione di Max Mara, marchio di eccellenza della moda italiana e tra i principali brand internazionali.

Caratteristica principale del Premio è la ricerca della più alta qualità artistica nei giovanissimi talenti: negli anni, i quartetti vincitori quali Keller (Ungheria), Artemis (Germania), Kuss (Germania), Pavel Haas (Repubblica Ceca), Bennewitz (Repubblica Ceca) e Kelemen (Ungheria) hanno iniziato le loro brillanti carriere internazionali partendo da Reggio Emilia e dal suo Premio.
Le iscrizioni possono essere effettuate esclusivamente online sulla piattaforma Acceptd https://app.getacceptd.com/premio entro e non oltre il 14 febbraio 2021.

LEAVE A REPLY