La Table-Composition pour femme et renard

Il 30 gennaio, ore 21, su Niceplatform

0
875

Lo spettacolo sarà visibile registrandosi su Niceplatform al costo di 3,50 euro per il singolo biglietto ma è anche possibile scegliere le formule Pacchetto o Abbonamento, con le quali vedere anche altri spettacoli in cartellone, o ancora sostenere il progetto con una donazione, che consente una fruizione libera per un intero anno a tutti i contenuti.

Lei è una donna che ama troppo, lui, Monsieur Renard, una volpe imbottita. Sono i protagonisti dello spettacolo La Table-Composition pour femme et renard di Tiziana Prota, che andrà in scena dal teatro Café Müller sabato 30 gennaio alle 21, fruibile in live streaming e on demand su www.niceplatform.eu, nell’ambito della stagione teatrale Solo in teatro, ideata dalla regista e coreografa Caterina Mochi Sismondi e prodotta da Fondazione Cirko Vertigo.

L’ispirazione per lo spettacolo viene dal libro “Donne che amano troppo”, della psicologa americana R. Norwood, che descrive storie diverse di donne che si trovano in una relazione con un uomo. Tutte hanno un punto in comune: queste relazioni si basano sul bisogno viscerale di essere assistiti per uno dei due componenti della coppia, e di assistere per l’altro. A causa di ciò che hanno attraversato durante la loro vita e molto spesso durante l’infanzia, queste donne diventano dipendenti dagli uomini che le imbrigliano in relazioni malsane e di dipendenza. La protagonista dello show è passionale ed eccentrica, creativa e acrobatica. M. Renard, la volpe pupazzo, rappresenta il tipo egoista e manipolatore di essere umano che non è in grado di amare nessuno, ma allo stesso tempo vuole mantenere l’amore cieco della donna che lo ama troppo per il proprio conforto e interesse.

Lo spettacolo è nato dall’immagine di una tavola imbandita e un trapezio appeso sopra, atmosfera tratta dai dipinti barocchi – spiega l’artista -. Spesso in questi dipinti ci sono degli animali e frequentemente compare la volpe. Mi sono allora chiesta cosa rappresenti nell’immaginario collettivo: la volpe è sempre vista come un personaggio scaltro e manipolatore, da qui l’idea di usarla nel mio spettacolo. Volevo andare in profondità perché l’argomento di cui tratto mi sta a cuore, non l’ho vissuto direttamente ma l’ho visto attorno a me e il tema della dipendenza affettiva va al di là delle distinzioni di genere”.

Con ironia e attraverso il linguaggio circense, si racconta una storia che parla di ricerca della felicità, dell’affermazione di sé stessi e dell’illuminazione che conduce a un’autentica libertà. Attraverso lo spettacolo La Table-Composition pour femme et renard, Tiziana Prota esprime il suo desiderio di creare senza seguire nessuna regola o moda del mondo del circo contemporaneo, al fine di comunicare liberamente con il pubblico a livello emotivo. Tiziana invita tutti a sbarazzarsi di ciò che più ci spaventa e ci attira, in particolare dell’idea che il vero amore sia quello che ci fa soffrire.

Come per i precedenti appuntamenti, a precedere lo spettacolo, un docufilm fatto con le riprese del dietro le quinte e le interviste all’artista, realizzate durante la sua settimana di residenza in teatro, per un totale di circa 50 minuti di spettacolo, fra docufilm e performance. Gli spazi del Teatro Café Müller di Torino, con la nascita di questa stagione teatrale, si trasformano in un vero e proprio set cinematografico, adattandosi e trasformandosi per rispondere con forza alla crisi del settore causata della pandemia: con la stagione Solo in teatro nasce un nuovo modo di stare in teatro che vede coinvolti alcuni dei più grandi esponenti italiani e internazionali dei generi teatro, danza, musica circo contemporaneo. Obiettivo del progetto: svelare gli aspetti inediti della professione dell’artista e permettere ad artisti e tecnici di continuare a produrre arte e cultura, anche in un momento di grandissima difficoltà.

Tiziana è un’artista circense specializzata in trapezio fisso e danza, trapezio ballant e corda. Una volta diplomatasi presso la scuola Cirko Vertigo, continua il perfezionamento alla Scuola Superiore di Circo e Danza di Stoccolma (DOCH), dove si diploma nel 2010 e riceve una solida formazione teatrale, musicale e di improvvisazione in strada. Da quel momento inizia a lavorare con alcune delle più grandi compagnie del circo contemporaneo europeo: CirkVOST in Francia, Burnt Out Punks e Circus Cirkor in Svezia.

Solo in Teatro è il nuovo progetto per il teatro scritto dalla regista e coreografa Caterina Mochi Sismondi e prodotto e sostenuto dalla Fondazione Cirko Vertigo per la Nuova Stagione Teatrale 2020-2021. Il progetto si sviluppa negli spazi del teatro Café Müller di Torino e prende il via sabato 3 ottobre 2020, con il primo spettacolo della danzatrice Marigia Maggipinto, visibile sia in sala, nel rispetto delle norme anti Covid, sia in streaming sul sito www.solointeatro.it.

Dopo di lei la stagione continuerà con molti altri appuntamenti, che si trovano su www.niceplatform.eu alla sezione SPETTACOLI. Fra gli altri artisti in cartellone, nomi di fama internazionale come quello del comico Leo Bassi, dell’attore Roberto Zibetti e della danzatrice Michela Lucenti.

LEAVE A REPLY