Accademia Filarmonica Romana, al via I Giardini della Filarmonica “musica da amare”

Giardini e Sala Casella dell’Accademia Filarmonica Romana, dal 13 giugno al 1° luglio 2021 a Roma

714
Foto di Giuseppe Andaloro

Trentaquattro appuntamenti dal 13 giugno al 1° luglio negli spazi allaperto dei Giardini e nella Sala Casella (via Flaminia 118) animano l’edizione 2021 dei Giardini della Filarmonica musica da amare, la rassegna estiva dellAccademia Filarmonica Romana che quest’anno festeggia il suo bicentenario.

Un omaggio alle tante anime dellAccademia Filarmonica Romana nellanno che segna il suo bicentenario il Festival estivo mette in luce tutte le anime che hanno contraddistinto la Filarmonica in questi 200 anni – conferma il direttore artistico Andrea Lucchesini – Attenzione particolare quindi alla musica da camera, ma anche alla consueta collaborazione con istituti di cultura e paesi esteri all’insegna dello scambio culturale e di esperienza che ha contraddistinto la Filarmonica nel corso degli anni senza dimenticare l’aspetto dedicato alla musica amatoriale da cui ha origine la stessa Filarmonica”.

Le tante anime della Filarmonica si concretizzano anche nei concerti di recupero programmati lo scorso autunno al Teatro Argentina: spazio al concerto del violoncellista Giovanni Sollima e del pianista Giuseppe Andaloro (14 giugno), con una serata speciale dedicata a Stravinskij per i duecento anni della Filarmonica.

Musica e letteratura si incontrano in Alla ricerca di Orfeo, con l’attrice Laura Torelli e lensemble LAstrée diretto da Giorgio Tabacco (27 giugno), Vivaldi e Piazzolla sono i protagonisti del programma di chiusura del festival affidato a I Solisti Aquilani (1° luglio).

L’apertura del festival è invece fissata per domenica 13 giugno nei Giardini (doppio appuntamento ore 17.30 e 19.30) con Rigoletto. La compagnia di nuovo in viaggio ispirato alla celeberrima opera verdiana per la regia di Manuel Renga nella formula di AsLiCo, con voce recitante e cinque cantanti in scena accompagnati dal pianoforte.

Ma la stagione estiva mantiene una consistente anima dedicata alla collaborazione con gli istituti di cultura dei Paesi esteri per un vivace scambio culturale:

Sei le giornate dedicate alle Nazioni ospiti, viste anche le difficoltà legate alla pandemia: ad aprire la rassegna, il Giappone (19 giugno) con il Gruppo Taiko-do, trio tutto al femminile e italiano guidato da Rita Superbi omaggio agli insegnamenti dei celebri percussionisti Ondekoza, si prosegue con il Brasile e la pianista Sonia Rubinsky (21 giugno), con l’Argentina con Cuartetango, incontro di artisti argentini e italiani interpreti della musica di Piazzolla (28 giugno), ma si consolida anche la collaborazione con il festival SummerMela dedicato alla cultura indiana, (24 giugno) e alla millenaria cultura persiana (30 giugno) con un viaggio fra antico e contemporaneo, passando per l’arte e la mostra della giovane Houra Farzaneh o l’omaggio all’intellettuale Bahman Mohasses. L’Irlanda conferma la presenza della violoncellista Naomi Berrill che presenta il suo ultimo album Suite Dreams (25 giugno) e nel 2021 debutta la Lituania con il concerto dellArs Lituanica Trio Foreign Homes (1° luglio).

La Filarmonica conferma la vocazione verso la musica contemporanea con una serie di concerti fra Giardini e Sala Casella, come Luci gialle verso sera (17 giugno), un omaggio dellensemble Imago Sonora e al suo scomparso fondatore Andrea Ceraso, Sylvano 90, concerto dedicato ai novantanni di Sylvano Bussotti, Accroche Note, formazione francese fra le più accreditate per il repertorio della musica contemporanea, prima assoluta, per Fuyu Haiku di Ivan Fedele. MusicAmata è il ciclo di quattro concerti (18, 24, 25, 27 giugno) dedicato agli appassionati e virtuosi dilettanti di musica” in cui si esibiranno musicisti amatori per ricordare le origini dellAccademia Filarmonica Romana che culminerà il 27 giugno, in una tavola rotonda dedicata alla pratica amatoriale.

Spazio poi ai giovani talento con il doppio appuntamento dedicato a Brahms (15 giugno) e Schubert (29 giugno) in collaborazione con Avos Project – Scuola Internazionale di Musica, con i finalisti dellultima edizione di LazioSound, il talent promosso dalla Regione Lazio a sostegno dei giovani artisti indipendenti (18 giugno e 28 giugno) e i sei concerti (17, 22, 23 giugno, due appuntamenti al giorno), in cui saranno protagonisti gli allievi dei Corsi di Alto Perfezionamento dellAccademia Nazionale di Santa Cecilia.

 Non mancano le novità editoriali, i numerosi incontri di musica e letteratura in collaborazione con lAssociazione Fabrica, l’omaggio a don Pablo Colino che lascia la guida del Coro dellAccademia Filarmonica Romana.

Info e dettagli su www.filarmonicaromana.org.