Consultazioni poetiche e musicali

Per la prima volta in presenza e all'aperto, per la due giorni europea promossa dal Théâtre de la Ville di Parigi

0
182
Foto di Filippo Manzini

Il Teatro della Pergola protagonista italiano sabato 3 e domenica 4 luglio della due giorni europea di Consultazioni poetiche e musicali gratuite e aperte a tutti promossa dal Théâtre de la Ville di Parigi. Sabato 3 dalle 10 alle 13, domenica 4 dalle 17 alle 20.

I “consultatori” a Firenze si faranno trovare in un luogo inedito, che ha un curioso legame proprio con la Pergola, partner esclusivo del Théâtre de la Ville: il giardino interno delle Suore Oblate dell’Assunzione (in Borgo Pinti, 15), che un tempo era “l’orto del custode” del Teatro, e con i suoi prodotti sfamava le maestranze.

Un evento unico, all’aria aperta, finalmente in presenza, dopo che nel primo e secondo confinamento le Consultazioni si sono svolte unicamente al telefono, raggiungendo in Francia, Italia, e nei quattro angoli d’Europa e del mondo più di 9mila persone di 20 lingue differenti. Protagonisti nel week-end fiorentino alcuni fra gli attori e i musicisti coinvolti fin da marzo dell’anno scorso come parte di quella Troupe de l’Imaginaire che conta oltre 120 artisti di 19 diverse nazionalità: tre giovani del gruppo dei Nuovi, Maddalena Amorini, Claudia Marino, Mattia Braghero, insieme alle attrici Giulia Bianchi Weber, Carolina Pezzini e ai musicisti Letizia Fuochi e Massimiliano Larocca.

Una Consultazione è prima di tutto un incontro inaspettato fra due sconosciuti, fra un attore o un musicista e uno spettatore. L’uno di fronte all’altro, l’artista offre uno scambio di 20 minuti, che inizia con una semplice domanda: «Come ti senti?». Segue un dialogo, un confronto anche intimo, profondo, che porta a un momento di poesia o di musica, ispirato dalla conversazione. Una lirica scelta da un “ricettario poetico”, che gli stessi attori hanno costituito e via via aggiornato durante la pandemia, o un brano musicale scelto appositamente per la persona, infatti, viene eseguito dal vivo. Al termine, il “consultatore” rilascia a chi ha davanti una “prescrizione”, una “cura per l’anima”.

Questa due giorni di Consultazioni rappresenta un importante momento di ascolto per continuare a mantenere stretti i legami fra il pubblico e gli artisti, rinforzando le alleanze artistiche, instaurando un dialogo fra pensieri e individui di lingue e culture diverse. Una solidarietà “poetica” che arriva oggi nei parchi e giardini d’Europa per un inatteso momento di scambio faccia a faccia.

Pochi posti ancora disponibili, prenotazione online obbligatoria https://tinyurl.com/consultazionipoeticheemusicali

info: consultazioni@teatrodellatoscana.it

LEAVE A REPLY