“La città dei lettori”, nove tappe in Toscana

Oltre 100 ospiti e più di 60 eventi dal vivo dedicati al libro e alla letteratura

0
634

Più di 60 eventi e oltre 100 ospiti d’eccezione in nove tappe per la prima edizione diffusa del progetto “La città dei lettori”, la manifestazione dedicata al libro e alla letteratura, ideata e curata dall’Associazione Culturale Wimbledon, con la direzione di Gabriele Ametrano, la collaborazione e il contributo di Fondazione CR Firenze e Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron e il supporto di Unicoop Firenze e IED – Istituto Europeo del Design.

Per la quarta edizione, quindi, la rassegna si fa in nove, moltiplicando i luoghi delle iniziative, ma mantenendo il suo cuore a Firenze, a Villa Bardini. La sfida è quella di coinvolgere il pubblico nell’approfondimento culturale attraverso i libri e i loro protagonisti, ma anche quella di far avvicinare alla lettura coloro che hanno perso questa passione.

Roberto Saviano, Michela Murgia, Toni Servillo, Nicola Lagioia, Carlo Verdone, Umberto Galimberti, Ilaria Gaspari, Beppe Severgnini, Nicola Gratteri, Vera Gheno, Caterina Soffici, Massimo Carlotto, Franco Arminio sono solo alcuni dei protagonisti della rassegna letteraria. Per l’edizione 2021 si annuncia un programma ricco di sorprese che vede nel motto “Leggere cambia tutto” l‘essenza della manifestazione, perché la lettura pone sempre nuovi orizzonti.

Un percorso tra anteprime, appuntamenti e incontri che parte a giugno da Pontassieve (18/19) e Grosseto (25/26), per poi toccare nel mese di luglio Montelupo Fiorentino (1/2), Villamagna (10/11), Sesto Fiorentino (14/15) e Arezzo (23/24). Ad agosto il clou della rassegna con la quattro giorni di Firenze (26/27/28/29), per andare a chiudere a settembre con Calenzano (2/3/4) e Bagno a Ripoli (10/11).

Un’edizione diffusa che partecipa attivamente e condivide i valori del Patto della Lettura della Regione Toscana e dei Comuni del territorio per la promozione letteraria. 

“La città dei lettori” si inserisce nel progetto Piazza Dante. #Festivalinrete che unisce quarantaquattro Festival di approfondimento culturale italiani. Sostenuto dal Comitato Nazionale per le celebrazioni dantesche istituito dal Mibact, Piazza Dante. #Festivalinrete è una delle più importanti iniziative che nel 2021 renderanno omaggio a Dante Alighieri in occasione dei settecento anni dalla morte.

La manifestazione è stata pensata e organizzata per consentirne la fruizione in tutta sicurezza tra tour letterari, laboratori e approfondimenti su letteratura, cinema e musica. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito (fino a esaurimento posti – non occorre prenotazione) e sarà garantito il rispetto delle misure anti Covid.

“La città dei lettori”, in occasione della ricorrenza dei 180 anni di attività di Giunti Editore, ha deciso di festeggiare l’esperienza e la storia della casa editrice fiorentina con appuntamenti che spaziano in tutto il programma culturale e un’intera giornata del festival fiorentino – giovedì 26 agosto – dedicata ai suoi autori e ai suoi libri. Si rinnova, poi, la collaborazione con il Premio Strega che porterà a Firenze – venerdì 27 agosto – i vincitori delle sezioni del premio.

Oggi più che mai vogliamo riaffermare l’importanza di portare la cultura fra le persone – afferma il direttore artistico Gabriele Ametrano –. Proprio per questo abbiamo deciso di rendere ancor più capillare la rassegna coinvolgendo nove comuni della Toscana. Un importante progetto, che in un momento di fragilità sociale, vuole imprimere nuovo vigore sostenendo che la cultura è anche incontro, unione e dibattito. Anche per questo ci siamo impegnati affinché l’intera manifestazione possa essere vissuta in presenza, in modo responsabile e sicuro. Ci auguriamo che la rassegna vada a rappresentare un momento di rinascita per tutto il comparto culturale ed editoriale. Siamo, quindi, felici di dedicare un ampio spazio del progetto ai festeggiamenti per i 180 anni di attività di Giunti Editore: un’importante tappa che segna il successo di un grande percorso editoriale. Anche questa edizione sarà ricca di ospiti e di appuntamenti, perché, come abbiamo sempre sostenuto ‘i lettori non si fermano’ e nemmeno noi”. 

Siamo molto lieti – dichiarano i Presidenti di Fondazione CR Firenze Luigi Salvadori e di Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron Jacopo Speranzadi poter salutare questa quarta edizione ‘in presenza’ e ringraziamo l’Associazione Wimbledon, e la sua anima Gabriele Ametrano, per averla fatta crescere così tanto e così bene. Come è noto, crediamo nei giovani e nell’importanza della loro formazione di cui la lettura è una componente fondamentale. Il festival una tappa importante della nostra strategia e salutiamo con grande soddisfazione il suo allargamento anche al territorio regionale’’.  

Nel corso degli appuntamenti spazio anche ai più giovani con “Io Leggo!”, curato da Teresa Porcella in collaborazione con l’Associazione Scioglilibro, per approfondire e far crescere la passione per la lettura fin da piccoli.  Con gli appuntamenti “Paesaggi letterari” si ampliano su tutto il territorio toscano le passeggiate letterarie, a cura di Serena Jaff e Francesca Ciappi, alla scoperta dei luoghi del festival insieme agli autori che ne hanno scritto o parlato.

Sarà la quarta edizione anche per il “Florence Book Party”, curato da Sara Menichetti del blog “Il bello di esser letti” l’appuntamento firma copie che porta a Firenze, a Villa Bardini, più di 25 autrici e autori amati dai lettori del romance, del genere storico, del click-lit, della narrativa contemporanea e dei romanzi per giovani adulti.

In occasione del festival nascono i progetti “Scuola di lettura”, che vedranno protagonisti le voci letterarie del Novecento che hanno dato ossatura a tutta la letteratura contemporanea, e la “Vetrina degli editori fiorentini”, un luogo di grande visibilità che riunisce gli editori fiorentini con alcuni dei loro titoli più suggestivi.

Oltre a essere uno dei primi eventi letterari italiani plastic free, “La città dei lettori” si tinge di verde con il progetto “La foresta dei Lettori” creato in collaborazione con Treedom, che ha l’obiettivo di abbattere la produzione di CO2.

Il progetto “La città dei lettori” riceve, inoltre, la collaborazione e il contributo del Comune di Firenze nell’ambito dell’Estate Fiorentina, del Comune di Bagno a Ripoli, del Comune di Calenzano e di Civica Biblioteca di Calenzano, del Comune di Montelupo Fiorentino e del Comune di Pontassieve, e la collaborazione della Regione Toscana, del Comune di Grosseto e della Fondazione Grosseto Cultura, del Comune di Sesto Fiorentino e della Biblioteca Ernesto Ragionieri di Sesto Fiorentino, di Casa Museo dell’Antiquariato Ivan Bruschi di Arezzo e del Circolo Arci Villamagna di Villamagna (Volterra – PI).

Per ulteriori informazioni www.lacittadeilettori.it

Su FB: La Città dei Lettori 

Su IG: @lacittadeilettori #lacittadeilettori

LA RIVISTA “LA CITTA’ DEI LETTORI” 

La rivista “La città dei lettori” raddoppia la veste editoriale e il 20 luglio esce in libreria con il primo numero cartaceo. Articoli e approfondimenti a firma degli autori e degli amici de “La città dei lettori” che hanno animato le varie edizioni della rassegna letteraria. Racconti di esperienze di lettura, consigli e aneddoti, tutti da sfogliare. Il nuovo progetto accompagna le pubblicazioni online della rivista, che continua a proporre inediti di numerosi scrittori italiani.

Maggiori informazioni nel comunicato dedicato.

https://www.lacittadeilettori.it/rivista/.

IL CROWDFUNDING

Sulla piattaforma Produzioni dal basso prosegue la campagna per sostenere il festival e i progetti a esso legati. “La città dei lettori” sosterrà, inoltre, con parte dei fondi raccolti, due progetti in ambito solidale e sanitario: quello internazionale di Busajo Onlus, con il suo lavoro di educazione e avvio al lavoro dei ragazzi di strada di Soddo, in Etiopia, e la ricerca scientifica e le attività sanitarie di Geca Onlus – Giovani e cuore aritmico onlus – per tutti coloro che sono affetti da cardiomiopatie genetiche che possono portare a morte improvvisa. Un supporto di grande valore che tocca da vicino i ragazzi, ma anche grandi atleti come Davide Astori. Proprio ricordando il giocatore della Fiorentina, a tre anni dalla scomparsa, Wimbledon vuole sensibilizzare tutto il suo pubblico alle buone pratiche.

 

PROGRAMMA

PONTASSIEVE DEI LETTORI (18 – 19 GIUGNO)

Il progetto “La città dei lettori” parte da Pontassieve con un doppio appuntamento, il 18 e 19 giugno in piazza Vittorio Emanuele II.

Si inizia venerdì 18 con Paesaggi letterari (ore 17:30): l’appuntamento prevede la visita a Palazzo Sansoni Trombetta accompagnata da letture delle storie delle donne eroine, ritratte da Francesco Guerrazzi ne L’assedio di Firenze.

Gli eventi proseguono (ore 18:00) con Francesca Melandri e il suo Sangue Giusto (Bompiani), dove lo sguardo della scrittrice attraversa il Novecento e le sue contraddizioni per raccontare il cuore della nostra identità. Nell’occasione l’autrice dialogherà con Igiaba Scego. Avanti poi con Massimo Carlotto con E verrà un altro inverno (Rizzoli), un romanzo sull’Italia profonda scritto dal maestro del noir, che svela i segreti delle doppie vite e l’inconfessabile ferocia della brava gente (ore 19:00). 

Sabato 19 spazio ai più giovani con Io Leggo! (ore 17:00), momento dedicato ai bambini e ai ragazzi dai 6 agli 11 anni. L’appuntamento, curato da Teresa Porcella, vede al centro la lettura accompagnata dal disegno dal vivo di Una storia senza cliché (Edizioni Clichy), testo nato dalla penna di Davide Calì e con le illustrazioni di Anna Aparicio Català. Si prosegue (ore 17:30) con un nuovo incontro con Paesaggi letterari: l’appuntamento prevede la visita a Palazzo Sansoni Trombetta accompagnata da letture delle storie delle donne eroine, ritratte da Francesco Guerrazzi ne L’assedio di Firenze. Al centro della giornata Laura Imai Messina e Le vite nascoste dei colori (Einaudi): libro dopo libro, l’autrice propone la sua visione unica sul Giappone che ha, come tema centrale, la potenza dell’amore tra due figure indimenticabili, opposte, legate a doppio filo da un nodo di meraviglia che aspetta soltanto di manifestarsi (ore 18:00).

La due giorni si conclude (ore 19:00) con Franco Arminio e Lettera a chi non c’era (Bompiani), dove lo scrittore, partendo dal terremoto del 1980 nella sua Irpinia, recita un rosario della memoria per raccontarci il nostro Paese che trema, si inabissa e sembra non imparare mai dalle proprie fragilità, e che, però, non smette di andare avanti.

GROSSETO DEI LETTORI (25 – 26 GIUGNO)

Due giorni di appuntamenti per il festival “Grosseto dei lettori” in programma il 25 e 26 giugno al Baluardo Mulino a Vento delle Mura Medicee (Via Mulino a Vento). 

Venerdì 25 si parte con Io Leggo! (ore 17:00), spazio dedicato ai bambini e ai ragazzi dai 9 ai 18 anni, e con Dante, l’amore e l’amicizia, a cura di Kleiner Flug, presenti gli autori Alessio D’Uva, Filippo Rossi e l’illustratrice Angelica Regni. 

In programma (ore 17:00) anche Pietro Trellini e il suo Danteide (Bompiani). Il lavoro di Trellini ci porta a Ravenna, nel 1865, quando due manovali trovano una cassetta di legno che presenta sul coperchio la scritta “Dantis Ossa”. La scoperta muove una città intera e un vortice di persone inizia a ruotare attorno a una sola ossessione: la testa di Dante. 

Si prosegue con Paesaggi letterari (ore 17:30): passeggiata con Sacha Naspini e la sua opera Le case del malcontento (Edizioni E/O). Le Case è il nome di un borgo millenario nell’entroterra maremmano, un microcosmo di personaggi che si trascinano in un gorgo di giorni sempre uguali, fino a quando la piccola comunità non viene sconvolta dall’arrivo di Samuele Radi, nato e cresciuto nel cuore del borgo vecchio e poi fuggito nel mondo. Avanti (ore 18:00) Gabriele Sabatini con il suo Numeri uno (Minimum Fax): Buzzati, Pavese, Ginzburg, Morante, Lucentini, De Céspedes, Parise, Cassola sono gli scrittori protagonisti di questo libro. Attraverso le lettere, i diari, gli articoli di giornale, il libro racconta le fonti di ispirazione, il processo di scrittura, le trattative fra editore e autore, ma anche il lavoro di editing, passando così dal tavolo del narratore a quello dell’editore e del critico. La giornata si conclude (ore 19:00) con la Lectio Il lavoro culturale di Nicola Lagioia.

Sabato 26 torna l’appuntamento con Io Leggo! (ore 17:00), spazio dedicato ai bambini e ai ragazzi dai 5 agli 11 anni: al centro dell’incontro la lettura interattiva di Monsieur Magritte (LibriVolanti) di e con Lilith Moscon e Francesco Chiacchio. 

Fra le iniziative (ore 17:00) anche l’incontro dal titolo Il lavoro culturale della casa editrice Effequ: tre autori, tre libri pubblicati dalla casa editrice fiorentina. Fabrizio Acanfora e In altre parole (Effequ), un dizionario emotivo che ha lo scopo non di spiegare il significato letterale di alcuni termini, ma di mostrare le conseguenze che il linguaggio ha sulla visione della diversità. E ancora Vera Gheno e Femminili singolari (Effequ): nel libro la scrittrice affronta e smonta le convinzioni linguistiche degli italiani “rintracciandone l’inclinazione irrimediabilmente maschilista”. Per chiudere con Luca Starita e Canone Ambiguo (Effequ), dove l’autore si serve delle teorie queer per smascherare i lungamente velati silenzi di chi, attraverso i propri testi, e mai in modo esplicito, ha cercato di esprimere l’orientamento sessuale, la libertà di genere, o più semplicemente la possibile esistenza fuori dalla norma

Segue (ore 17:30) Paesaggi letterari: in programma una passeggiata nel centro cittadino in collaborazione con l’Associazione Art C.L.A.N. 

Poi è la volta di Giulia Bignami e il suo La zattera astronomica (ore 18:00), nei ricordi fantastici di una bambina cresciuta al fianco di un padre astrofisico, Andrea Bignami. A seguire (ore 18:30) saranno Massimiliano Parente e Giorgio Vallortigara e Lettere dalla fine del mondo (La Nave di Teseo), dove l’irriverente e disincantato stile di Parente si unisce allo sguardo limpido e pacato del neuroscienziato Vallortigara, arrivando a un dialogo pieno di ironia e di sottigliezze, capace di sollevare domande significative e, al tempo stesso, di lanciare inedite provocazioni al lettore.

MONTELUPO FIORENTINO DEI LETTORI (1 -2 LUGLIO)

Il progetto “La città dei lettori” fa tappa a Montelupo Fiorentino, al Parco dell’Ambrogiana (Viale Umberto I) l’1 e il 2 luglio. 

Primo appuntamento giovedì 1 con Io Leggo! (ore 17:00), spazio dedicato a bambini e ragazzi dai 6 agli 11 anni: al centro dell’incontro la lettura interattiva de Il ragazzo con il mare negli Occhi (Telos) con Lilith Moscon. A questo segue Paesaggi letterari (ore 17:30): passeggiata con Simone Innocenti e il suo libro Vani d’ombra (Edizioni Voland). Avanti (ore 18:00) con la presentazione del libro Ragazze smarrite (Guanda) di Marco Vichi. L’autore ci riporta nella Firenze del 1970 con una nuova avventura del commissario Bordelli. La giornata di giovedì si conclude (ore 19:00) con Nicola Gratteri e il suo Ossigeno illegale (Mondadori), un libro sulle mafie in tempo di pandemia che spiega, dati alla mano, come le mafie saranno in grado di cavalcare questa emergenza per radicarsi ulteriormente sul territorio. 

Venerdì 2 si replica con l’incontro dedicato ai più giovani Io Leggo! (ore 17:00) con Fifa blu storie per allenare la paura…tratte da Le fiabe italiane di Calvino e dai fratelli Grimm e lo spettacolo con Teresa Porcella (ideazione e voce recitante) e Gianni Cammilli (chitarra). E ancora Paesaggi letterari (ore 17:30): passeggiata con storia e storie di Villa Ambrogiana. 

In questa giornata è in programma (ore 18:00) la presentazione del libro di Gigi Paoli Il giorno del sacrificio (Giunti). Un inquietante racconto giallo che parte da un attentato all’Università di Firenze per mano di un terrorista legato all’Isis, che è solo l’inizio di qualcosa di ben più terribile che poi si dipana in mezzo mondo. Gli appuntamenti si concludono con la Lectio Leggere cambia tutto (ore 19:00) tenuta dal filosofo e accademico Umberto Galimberti. 

VILLAMAGNA DEI LETTORI – VOLTERRA, PISA – (10 – 11 LUGLIO)

Il progetto “La città dei lettori” arriva a Villamagna, al Circolo Arci Villamagna (Via S. Giuseppe 14) il 10 e l’11 luglio.

Primo appuntamento sabato 10  (ore 18:00) con Marco Vichi e il suo libro Ragazze smarrite (Guanda), dove nella Firenze del 1970 si svolge una nuova avventura del commissario Bordelli, e con Leonardo Gori e il suo La finale (Tea): sullo sfondo Parigi del giugno 1938, Campionato del mondo di calcio, mentre l’Italia trionfa, il capitano dei Carabinieri Arcieri è coinvolto in una estenuante inchiesta nel mondo sotterraneo dei fuoriusciti, tra figure dell’antifascismo militante ed esponenti di un’ambigua zona d’ombra politica.

Domenica 11 in programma (ore 18:00) l’appuntamento Io Leggo! dedicato ai bambini, ai ragazzi e agli adulti, che vede al centro la lettura accompagnata dal disegno dal vivo di Una storia senza cliché (Edizioni Clichy), testo nato dalla penna di Davide Calì e con le illustrazioni di Anna Aparicio Català.

LA CITTÀ DEI LETTORI – INCONTRI – SESTO FIORENTINO (14 – 15 LUGLIO)

Nell’ambito della manifestazione “La città dei lettori – Incontri – Sesto Fiorentino” è in programma la due giorni, il 14 e 15 luglio, di appuntamenti con il festival “La città dei lettori” alla Biblioteca Ernesto Ragionieri (Piazza della Biblioteca 4) di Sesto Fiorentino (FI). 

Si inizia mercoledì 14 (ore 17:00) con Io Leggo! l’evento dedicato ai più giovani: al centro il volume Danzando con l’arte (Libri Volanti) e lo spettacolo interattivo di e con Teresa Porcella (ideazione, testi, musica e voce), Gianni Cammilli (musica e chitarra) e l’Associazione SciogliLibro (azioni sceniche). Si prosegue con Paesaggi letterari (ore 17:30), passeggiata con Anna Soldani e il suo Il segreto di Pinocchio: la storia della “vera” Fatina e dei luoghi del burattino (Florence Art Edizioni) e letture tratte da Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi. Gli appuntamenti continuano (ore 18:00) con Gaia Manzini e il suo Nessuno dice di noi (Bompiani), dove la scrittrice racconta due grandi amori difficili – tra una madre e una figlia, tra due amici sulla soglia del desiderio – e il cammino avventuroso di chi deve nascere due volte per conoscere se stesso. La giornata si conclude (ore 19:00) con Franco Arminio e Lettera a chi non c’era (Bompiani), dove lo scrittore, partendo dal terremoto del 1980 nella sua Irpinia, recita un rosario della memoria per raccontarci il nostro Paese che trema, che si inabissa, che sembra non imparare mai dalle proprie fragilità eppure non smette di sperare

Giovedì 15 in programma (ore 17:00) l’appuntamento è con Saverio Tommasi e In fondo basta una parola (Feltrinelli). Cinquanta parole per interrogarsi: dalle più disarmanti alle più coraggiose, fino ad arrivare alle fondamentali. Cinquanta parole che portano con sé cinquanta piccole storie di disaffezione quotidiana all’indifferenza. A seguire (ore 17:30) Paesaggi letterari: passeggiata con Anna Soldani e il suo Il segreto di Pinocchio: la storia della “vera” Fatina e dei luoghi del burattino (Florence Art Edizioni) e letture tratte da Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi. 

A seguire (ore 18:00) l’incontro con l’Associazione Zera e il libro La bellezza del tempo (Apice libri), con Andrea Bruni e Alessia De Rosa.

Chiude la due giorni (ore 19:00) Luca Bottura e il suo Manifesto del Partito Impopolare (Einaudi) che a 182 anni dalla nascita di Karl Marx propone un libro satirico e paradossale dal grido “Impopolari di tutto il Paese, unitevi!”. 

AREZZO DEI LETTORI (23 – 24 LUGLIO)

“La città dei lettori” fa tappa ad Arezzo, alla Casa Museo dell’Antiquariato Ivan Bruschi (Corso Italia 14), il 23 e il 24 luglioVenerdì 23 gli appuntamenti iniziano (ore 17:00) con i Paesaggi letterari: passeggiata nel centro cittadino con guida specializzata e letture da Le novelle della nonna di Emma Perodi. A seguire (ore 18:00) l’iniziativa Emma Perodi in Toscana che vede gli interventi di Luca Santini, presidente del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, Annalisa Baracchi,presidente del Parco Letterario Emma Perodi e le Foreste Casentinesi, e Alberta Piroci, responsabile scientifica del Parco Letterario Emma Perodi e le Foreste Casentinesi,  e realizzata in collaborazione con il Parco Emma Perodi e le Foreste Casentinesi.

Nella giornata di venerdi 23 luglio, alle ore 18.30, un ospite “a sorpresa” che verrà comunicato nei prossimi giorni.

Con Io Leggo! lo spazio dedicato ai bambini e ai ragazzi (ore 11:00), si apre la giornata di sabato 24. L’iniziativa vede la lettura interattiva di Monsieur Magritte (LibriVolanti) di e con Lilith Moscon e Francesco Chiacchio. Gli appuntamenti proseguono (ore 17:00) con Paesaggi letterari: passeggiata con letture delle Vite sognate del Vasari di Enzo Fileno Carabba (Bompiani). Piero della Francesca, Cimabue, Bartolomeo della Gatta saranno alcuni dei protagonisti della tour letterario e artistico, che porta i lettori alla scoperta dei luoghi aretini e delle sue bellezze artistiche. Infine appuntamento (ore 18:30) con Ilaria Gaspari e la – Lectio Filosofia come lingua viva. Come le parole degli altri ci aiutano a vivere e a capirci.

IL FESTIVAL A VILLA BARDINI A FIRENZE (26 – 29 AGOSTO)

Dal 26 al 29 agosto la manifestazione fa tappa nel suo cuore pulsante: Villa Bardini (Costa San Giorgio 2) a Firenze. 

La prima giornata, giovedì 26, è dedicata ai festeggiamenti per i 180 anni di attività di Giunti Editore. Si parte (ore 17:30 – Terrazza) con lo spazio dedicato ai giovani con Io Leggo! Mario Pietramala e i ragazzi del laboratorio Diamo corpo alle parole danno voce ai libri più conosciuti del catalogo Giunti di ieri e di oggi e con Paesaggi letterari (sempre ore 17:30): passeggiata con Enzo Fileno Carabba e il suo libro Vite sognate del Vasari (Bompiani)

La manifestazione va avanti (ore 18:30 – Prato) con un nuovo appuntamento di Io Leggo! L’iniziativa curata dall’Associazione SciogliLibro vede al centro Rime tra i rami: poesie per ridere, ballare, cantare, dormire e…sognare sotto gli alberi (#letturaday)

La giornata continua (ore 19:00 – Terrazza) con Fabio Cantelli Anibaldi e il suo Sanpa, madre amorosa e crudele (Giunti): il memoir con una grande profondità di introspezione racconta passione e verità sul mondo talvolta doloroso e tormentato della comunità di San Patrignano e del suo fondatore Vincenzo Muccioli. 

Si chiude (ore 21:00 – Belvedere) con la lettura di Toni Servillo di Baudelaire è vivo di Giuseppe Montesano (Giunti). Nel libro viene spiegato che si può leggere “I fiori del male” come uno specchio in cui conoscere noi stessi, lasciandoci affascinare dalle poesie di Baudelaire.

Venerdì 27 è la giornata dedicata al Premio Strega. Si inizia (ore 17:00 – Terrazza) con l’incontro con i candidati al Premio Strega Ragazze e Ragazzi. A seguire (ore 17.30) appuntamento con Paesaggi letterari: passeggiata con Daniela Cavini e il suo libro Storia di un’altra Firenze (Neri Pozza). Avanti (ore 18:00 – Terrazza) l’incontro con il vincitore del Premio Strega Giovani. Il pomeriggio continua (ore 18:30 – Prato) con Io Leggo! e Leggere il Premio: letture dai libri del Premio Strega a cura dell’Associazione SciogliLibro. 

E ancora (ore 18:30 – Platea Retro Villa) – appuntamento con la presentazione del progetto Ristori Letterari a cura dell’Associazione Murmuris e della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Si prosegue (ore 19:00 – Terrazza) Scuola di lettura e l’incontro Libri da leggere oltre gli scaffali a cura di Alessandro Gnocchi e Simone Innocenti.

La giornata si chiude (ore 21:00 – Terrazza) con l’incontro con il vincitore del Premio Strega.

Sabato 28 si parte dalla mattina (ore 11 – Prato) con Io Leggo! lo spazio dedicato a bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni e agli adulti curiosi. Appuntamento con I Mostri di Dante (Salani) e l’autrice Laura Vaioli e l’illustratore Giacomo Guccinelli. In programma poi (ore 11:00 – Terrazza) la presentazione in anteprima del libro di Alberto Severi Un taglio maschio (Edizioni Clichy). Avanti (ore 11.30) con Paesaggi letterari: passeggiata a Villa Bardini con Francesca Ciappi e il suo libro Pug Tales in Florence (Morphema Editrice). Nuovo appuntamento (ore 12:00 – Bosco) con Io Leggo! per bambini dai 5 agli 8 anni: laboratorio con l’illustratrice Giulia Pastorino e il libro È arrivato un dinosauro (Edizioni Clichy). È in programma anche l’appuntamento (ore 12:00) con Franco Arminio e il suo Lettera a chi non c’era (Bompiani), dove lo scrittore, partendo dal terremoto del 1980 nella sua Irpinia, recita un rosario della memoria per raccontarci il nostro Paese che trema, che si inabissa, che sembra non imparare mai dalle proprie fragilità, eppure non smette di sperare.

Il pomeriggio parte (ore 17:00 – Terrazza) con un nuovo appuntamento con Io Leggo! spazio per ragazzi dagli 11 anni e gli adulti di tutte le età: incontro con disegni dal vivo con Silvia Vecchini e Sualzo, gli autori di Le parole possono tutto (Il Castoro). Avanti (ore 17:30 Belvedere) con Marco Balzano e Quando tornerò (Einaudi), libro che racconta la storia di chi parte e di chi resta, di una madre che va a prendersi cura degli altri, dei suoi figli che rimangono a casa ad aspettarla covando ambizioni, rabbie, attese

I più giovani nuovamente protagonisti (ore 17:30 – Prato) con Io Leggo! incontro pensato per i bambini dai 6 ai 10 anni: lettura-laboratorio sugli esseri fantastici di terra e di mare con Barbàn, Fate, Tritoni e…(Telos) e l’autore Anselmo Roveda e l’illustratrice Giulia Pastorino. Torna nel pomeriggio (ore 17:30) Paesaggi letterari, passeggiata con Marco Vichi e il suo Ragazze smarrite (Guanda), per una nuova avventura del commissario Bordelli ambientata nella Firenze del 1970. 

Si prosegue (ore 18:00 – Terrazza) con Caterina Soffici e Quello che possiedi (Feltrinelli), la scrittrice racconta le ferite e il coraggio di una madre e di una figlia, un’intensa storia di ribellione e riscatto che è anche l’affresco di una città e di una di società che, quanto più vede crollare le proprie certezze, tanto più si abbarbica ai suoi vezzi e alle sue cerimonie. Gli incontri continuano (ore 18:30 – Belvedere) con Ilaria Gaspari che racconta Marcel Proust (Emons).  Fra i protagonisti della giornata (ore 19:00 – Terrazza) anche Mario Desiati e Spatriati (Einaudi): i protagonisti sono due ragazzi che vedremo crescere nel corso del libro fino a diventare adulti, Claudia e Francesco, accumunati dalla condizione di sentirsi esuli. Sabato si chiude (ore 21:00 – Belvedere) con la Lectio Le parole sono un ponte di Michela Murgia.

L’ultima giornata del festival a Villa Bardini, domenica 29, parte (ore 8:30 – Prato) con Yoga Book: appuntamento con Simone Lisi e il suo Padre occidentale. L’ineffabile origine dello yoga (Effequ) e la lezione di yoga il maestro Andrea Lisi. Avanti (ore 11:00) con Florence book party: l’appuntamento firma copie per gli amanti del romance, del genere storico, del click-lit, della narrativa contemporanea e dei romanzi per giovani adulti. Iniziativa a cura di Sara Menichetti del blog Il bello di esser letti. E ancora (ore 11:00 – Prato) Io Leggo! per i bambini dai 5 agli 8 anni: incontro interattivo su Che cosa succede se Tarzan e Anna dai capelli rossi s’incontrano alla fattoria degli animali? (Gallucci) con Lilith Moscon, Teresa Porcella e Cristina Vernizzi.

Torna (ore 11:30) Paesaggi letterari: passeggiata nella storia e nelle storie di Villa Bardini. La mattina si chiude (ore 12:00 – Bosco) con un nuovo appuntamento con Io Leggo! e Il villaggio degli esseri fantastici, a partire da Mani, emozioni, fantasia (Artebambini) e il laboratorio di creazione di un villaggio fantastico con l’artista Fuad Aziz e il libro. Iniziativa indicata per i bambini dai 6 ai 10 anni.

Il pomeriggio inizia con due appuntamenti di Io Leggo! Il primo (ore 17:00 – Terrazza) è Ascoltando con Leo e Lia: a partire dai libri di Laura Orvieto, Leo e Lia e Storia delle storie del mondo (Giunti), l’iniziativa, realizzata in collaborazione con la Fondazione Laura Orvieto – Firenze, vede la partecipazione di Teresa Porcella (regia e voce narrante), Gianni Cammilli (chitarra) e dell’Associazione SciogliLibro (scenografie e illustrazioni dal vivo). Il secondo (ore 17:30 – Prato) è Guardando e disegnando il cupolone! Laboratorio di disegno dal vivo a partire dal La Cupola del Brunelleschi (Kleiner Flug) con Alessio D’uva, Marco Cei e Ylenia Romoli.

Avanti (ore 17:30 – Belvedere) con Emanuele Coccia e La filosofia della casa (Einaudi), dove viene affrontato il tema della casa come luogo che separa noi dal resto del reale. L’autore non mette in gioco solo la filosofia, ma include elementi autobiografici (i suoi trenta traslochi), la psicanalisi, la biologia, l’antropologia, l’attualità. 

Fra le iniziative del pomeriggio (17:30) Paesaggi letterari: passeggiata con Luca Starita e il suo libro Canone ambiguo (Effequ). 

Avanti ancora (ore 18:00 – Terrazza) con Emiliano Gucci e il suo Le anime gemelle (Feltrinelli). Una telefonata interrompe la vacanza isolana di Fausto e Bianca, iniziata nel tentativo di superare la loro crisi di coppia. Lui viene richiamato perché il gemello ha combinato “una cosa brutta, una cosa grave”. Lo scrittore esplora senza paura la doppiezza delle nostre azioni e pulsioni e indaga il mistero della gemellarità. 

La manifestazione prosegue nello stesso giorno (ore 18:30 – Belvedere) con Gianluca Gazzoli e Scosse (Mondadori): la popolare voce di Radio Deejay racconta nel libro la sua storia e le tante aritmie tenute segrete per 17 anni.

Nuovo ospite della giornata (ore 19:00 – Terrazza) Nicola Lagioia con il suo La città dei vivi (Einaudi), libro che costituisce una profonda ricostruzione dell’omicidio di Luca Varani, avvenuto nel marzo del 2016, e compiuto da Manuel Foffo e Marco Prato. Un gesto inspiegabile, inimmaginabile anche per loro stessi pochi giorni prima. La notizia calamita immediatamente l’attenzione della gente, sconvolgendo nel profondo l’opinione pubblica. Chiude la kermesse (ore 21:00 – Belvedere) Roberto Saviano con la Lectio di Gridalo (Bompiani). Nel libro lo scrittore parla a quel ragazzo che è stato lui quando frequentava il liceo Diaz a Caserta, e gli si rivolge come se fosse un altro sé, per metterlo in guardia dai pericoli, dalle trappole.

CALENZANO DEI LETTORI (2 – 3 – 4 SETTEMBRE)

Il 2, 3 e 4 settembre è in programma il festival “Calenzano dei lettori” per una tre giorni all’insegna del libro e della letteratura alla Civica Biblioteca di Calenzano (Via della Conoscenza 11)

Si inizia giovedì 2 (ore 17:00 – Area bambini) con Io Leggo! e Buchi, baci, mani, voci: lo spettacolo di e con Teresa Porcella. L’iniziativa è pensata per i bambini dai 3 ai 6 anni (richiesto l’accompagnamento di un adulto). 

Altro appuntamento (ore 17:00) con protagonista Giulia Caminito e L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani), libro finalista al Premio Campiello e in lizza per la cinquina finale del Premio Strega. Una produzione letteraria con cui la scrittrice è riuscita a scandagliare le brutture e le animosità umane, in particolare quelle riguardanti la giovinezza e la famiglia in tutta la sua ambiguità. Avanti (ore 17:30) con Paesaggi letterari: passeggiata a Calenzano Alta con visita al Museo del Figurino e letture su Castruccio Castracani dal libro Valperga di Mary Shelley.

Le iniziative del giorno proseguono (ore 18:00) con Sabina Colloredo e I giorni del giudizio (Rizzoli), un romanzo che racconta con tenerezza la vita di una generazione che ha attraversato uno dei momenti più complicati della storia recente italiana, e il prezzo che la stessa generazione ha dovuto pagare per aver creduto nei propri ideali. La giornata si conclude (ore 19:00) con Michela Murgia e Stai zitta e altre nove frasi che non vogliamo sentire più (Einaudi), nel quale la scrittrice elenca e scandaglia, passandole al setaccio, le frasi più frequentemente ricorrenti nel quotidiano femminile e i corollari che ne derivano. Il libro evidenzia il legame mortificante che esiste, nello stesso quotidiano, tra le ingiustizie vissute e parole sentite.

Gli appuntamenti riprendono venerdì 3 con Io Leggo! (ore 17:00 – Area bambini) e Scienza rap (Editoriale Scienza): lo spettacolo di e con l’autrice Teresa Porcella. L’iniziativa è dedicata ai bambini e ai ragazzi dai 5 ai 13 anni. La giornata va avanti poi (ore 17:00) con Nicoletta Verna e Il valore affettivo (Enaudi). Bianca è la protagonista del libro esordio in narrativa della Verna: un viaggio dentro al dolore, una battaglia destinata alla sconfitta, che pure mantiene socchiusa la speranza: quella di chi non vuole arrendersi. 

Il programma prosegue (ore 17:30) con Paesaggi letterari: passeggiata con Emiliano Gucci e il suo libro Le anime gemelle (Feltrinelli). E ancora venerdì partecipa (ore 18:00) Ilaria Gaspari e Vita segreta delle emozioni (Einaudi) che racconta un viaggio emotivo per tappe: ricostruendo le vicende delle parole con cui diciamo i nostri stati d’animo e che traccia, un pezzetto alla volta, un autoritratto frammentario, imperfetto.

A chiudere la giornata (ore 19:00) Andrea Vitali con il suo Vivida, mon amour (Einaudi). Ambientato negli anni Ottanta, il racconto si muove in una cittadina sulle rive di un lago del nord Italia, dove un dottorino neolaureato si dedica a un corteggiamento serrato, ma frustrante, della donna dei suoi sogni che è un tipo complesso e benestante, ma poco incline a spendere

Ultimo giorno di incontri a Calenzano sabato 4. Il primo appuntamento (ore 17:00) vede protagonista Ilide Carmignani e il suo Storia di Luis Sepúlveda e del suo gatto Zorba (Salani), il libro racconta in un dialogo tra lo scrittore e il gatto bibliotecario Diderot – uno dei protagonisti del celebre romanzo “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” –  la vita di Lucho, come chiamavano gli amici il celebre autore cileno, e quella del suo gatto Zorba. Nel corso dell’iniziativa l’autrice dialogherà con Lilith Moscon. Accompagnamento di Teresa Porcella (voce) e Gianni Cammilli (chitarra). Anche nella giornata di sabato (ore 17:30) torna l’appuntamento con Paesaggi letterari: passeggiata a Calenzano Alta con visita al Museo del Figurino e letture su Castruccio Castracani dal libro Valperga di Mary Shelley. 

Gli incontri vanno avanti (ore 18:00) con Tommaso Giagni e I tuoni (Ponte alle Grazie). La vicenda descritta si snoda in una periferia romana dove Manuel, Flaviano e Abdou vivono una formazione inquieta e oppressa, hanno origini diverse, diverse aspirazioni, vite precedenti di cui parlano poco; l’amicizia che li lega è l’unico punto fermo, almeno fin quando non arriva l’amore a sparigliare le carte. 

Chiude la tre giorni (ore 19:00) Carlo Verdone e La carezza della memoria (Bompiani). Ogni racconto è un momento di vita vissuta rivisitato dopo tanto tempo: dal legame col padre ai momenti preziosi condivisi con i figli, dai primi viaggi alla scoperta del mondo alle trasferte di lavoro, dalle amicizie romane a un delicato amore di gioventù. Un libro che fa tornare indietro nel tempo dove si incontrano celebrità e persone comuni.

BAGNO A RIPOLI DEI LETTORI (10 — 11 SETTEMBRE)

Il progetto “La città dei lettori” si chiude a Bagno a Ripoli con un doppio appuntamento il 10 e l’11 settembre alla Biblioteca Comunale (Via di Belmonte 38).

Venerdì 10 (ore 17:00) incontro con Dario Cecchini e Alessandro Mauro Rossi e Il mistero della finocchiona a pedali (Giunti). Nella tranquilla vita di provincia, a Panzano in Chianti, irrompe un intrigo internazionale: viene proposto un giallo per immergersi nella campagna del Chianti, grazie ai passaggi meravigliosi, tali da fare sentire al lettore i veri profumi di quella terra di dolci colline verdi.

Avanti (ore 17:30) con Paesaggi letterari: passeggiata con Enzo Fileno Carabba e il suo libro Vite sognate del Vasari (Bompiani). 

Si prosegue (ore 18:00) con Marco Vichi e Ragazze smarrite (Guanda) per una nuova avventura del commissario Bordelli ambientata nella Firenze del 1970. La giornata si chiude (ore 19:00) con Beppe Severgnini e il Talk Chi siamo diventati.

L’edizione 2021 de “La città dei lettori” si conclude sabato 11 settembre a Bagno a Ripoli, iniziando (ore 17:00) con Io Leggo! lo spazio per bambini e ragazzi dai 5 agli 11 anni. Al centro dell’incontro Monsieur Magritte (LibriVolanti) e la lettura interattiva di e con Lilith Moscon e Francesco Chiacchio.

Ancora in programma (ore 17:30) Paesaggi letterari: passeggiata con Enzo Fileno Carabba e il suo libro Vite sognate del Vasari (Bompiani). 

Avanti poi (ore 18:00) con Piergiorgio Paterlini e Stanno smontando il mare e altri racconti (Voland), ventidue racconti molto diversi fra loro, scritti nell’arco di trent’anni, cinque totalmente inediti, raccolti insieme per la prima volta.

Ultimo l’incontro della manifestazione (ore 19:00) vede protagonista Vera Gheno con la Lectio Dante d’oggi. I dantismi che non sappiamo.

LEAVE A REPLY