laVerdi: Sogni spagnoli

Il 7 e 8 luglio, ore 19.39, al Teatro degli Arcimboldi, Milano

0
180
Foto di Carlos Diaz

mercoledì 7 luglio 2021 ore 19.30

giovedì 8 luglio 2021 ore 19.30

Teatro degli Arcimboldi, Viale dell’Innovazione, 20

———–

Joaquin Turina Sinfonia Sevillana op.23

Georges Bizet Carmen Suite

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Manuel Coves

Danzatore Jesús Carmona

———

La stagione “Dal Vivo!”, l’imperdibile programmazione estiva dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, dopo sette appuntamenti “domestici” tenutisi all’Auditorium di Milano, la casa dell’orchestra, va in trasferta, e trova ospitalità fra le mura di un’istituzione che ha scritto la storia della cultura milanese: il Teatro degli Arcimboldi.

Una collaborazione, potrebbe dirsi, emblematica, tra due punti di riferimento della produzione culturale meneghina.

Il Teatro di Viale dell’Innovazione vedrà protagonista Manuel Coves, mercoledì 7 e giovedì 8 luglio alle ore 19.30, in un programma intitolato Sogni spagnoli. Come suggerisce il titolo, sono le suggestioni del mondo iberico a essere il trait d’union di questo interessante programma bipartito: la Sinfonia Sevillana di Joaquín Turina, datata 1920, e la Carmen Suite di Georges Bizet, la raccolta delle musiche orchestrali tratte dall’omonima opera.

Sulle note di Turina e di Bizet, il talentuoso danzatore Jesús Carmona, uno dei più brillanti ballerini di flamenco del panorama coreutico dei nostri giorni. Si compie così un appassionante commistione tra danza e musica, due muse che, in questo caso, si arricchiscono vicendevolmente. Jesús Carmona danza sulle note della Suite dalla Carmen, opera datata 1875, da cui Ernest Guiraud, grande amico di Bizet, estrapola la selezione delle più emblematiche pagine dell’opera che narra le gesta di un’eroina senza tempo, scandite dall’iconica Habanera, ormai diventata parte del nostro tessuto culturale, dalle note del famosissimo preludio al primo atto, e il vigoroso e risoluto tema dei Toreri. Quella che Manuel Coves dirigerà al Teatro degli Arcimboldi sarà una selezione dalle due Suite (la prima datata 1882, la seconda datata 1887).

Reminiscenze e fantasie che ci proiettano immediatamente nel cuore della cultura iberica, nel fascino di quel mondo appassionato, focoso, e a tratti malinconico. Scandita anch’essa dai passi del funambolico Jesús Carmona, completa il programma un gioiello della cultura spagnola firmato Joaquín Turina: la Sinfonia Sevillana op.23, lavoro orchestrale composto nel 1921, un piccolo affresco tripartito dello spirito spagnolo che affonda le sue radici nelle acque di quello che il poeta Luis de Góngora chiamava “il grande re dell’Andalusia”, il fiume Guadalquivir, il protagonista del secondo movimento, su cui si specchia il comune di San Juan de Aznalfarache, teatro della pittoresca festa che Turina dipinge musicalmente nel terzo movimento, e che ci proietta nel più spiccato clima iberico.

———-

Biglietti

I biglietti (euro 18-45+diritti di prevendita) sono acquistabili su

https://ticket.teatroarcimboldi.it, sul circuito TicketOne online (http://www.ticketone.it) e ai punti vendita TicketOne (consultabili al link https://www.ticketone.it/help/outlets/).

———

Prossimi appuntamenti:

Titolo: La Nona

Mercoledì 14 luglio 2021, ore 19.30

Giovedì 15 luglio 2021, ore 19.30

Teatro degli Arcimboldi, Viale dell’Innovazione, 20

Ludwig van Beethoven Sinfonia n. 9 in Re minore, op.125 “Corale”

Soprano Johanna Winkel

Mezzosoprano Bettina Ranch

Tenore Moritz Kallenberg

Bass-baritono Oliver Zwarg

Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi

Maestro del Coro Dario Grandini

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Krzysztof Urbański

———–

Manuel Coves direttore

Nato a Linares (città che ha dato i natali anche a Andrés Segovia) in Spagna, Manuel Coves ha studiato pianoforte, musica da camera e direzione d’orchestra.

E’ stato Co-coordinatore e poi Coordinatore musicale del Teatro della Zarzuela a Madrid tra gli anni 2000-2014. La sua carriera spazia dal balletto all’opera e alla zarzuela.

Nel campo della lirica ha diretto Don Carlo, Otello, La Sonnambula, Bohème, Carmen, Candide tra le altre, al Teatro Real, al Liceo di Barcellona, ​​al Palau de les Arts, al Teatro del Canal, al Festival de El Escorial, al Teatro de la Zarzuela in Spagna, al Teatro Mayor di Bogotá, al Teatro de la Plata di Buenos Aires. Ha diretto in teatri come Dresden Semperoper, Il Gran Teatro di Genova, Teatro Real, Teatro di Cagliari, Festpielhaus St. Polten, Teatre del Liceu e collaborato con compagnie di danza come il Ballet Nacional de España, la Compañía Nacional de Danza e il Ballet del Sodre. E’ considerato anche un grande esperto di Zarzuela (tipico genere lirico-drammatico spagnolo, in cui si alternano scene parlate, altre cantate e balli concertati) e questo lo ha portato a dirigere al Teatro Mayor di Bogotá, alla Royal Opera House dell’Oman, al Teatro della Zarzuela, al Teatro del Canal, a Pamplona, ​​a Bilbao e all’Opera di Oviedo. Si è esibito al Semperoper di Dresda, al Teatro Colón di Buenos Aires, al Teatro de la Maestranza, al Teatro Real, all’Opera di Oviedo e Pamplona e al Festival Internacional de Teatro Romano de Mérida. I suoi prossimi appuntamenti includono un concerto al Teatro San Carlo di Napoli, un concerto al Teatro Real, un concerto nell’ambito del Festival di San Lorenzo de El Escorial, un concerto con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, e molti altri. Manuel Coves ha collaborato con orchestre come Staatskapelle Dresden, Tonklünster Orchester, Orquesta Sinfónica de Madrid, Orquesta de la Comunidad Valenciana, Orquesta del Teatro Lírico de Cagliari, Orquesta Sinfónica de Sevilla, Orquesta Sinfónica de Bilbao, Orquesta Sinfonica del Gran Teatro del Liceo, Oviedo Filarmonía, Orquesta Filarmónica de Málaga, Orquesta Estable del Teatro Argentino e Orquestra Sinfonica del Teatro Nacional de Brasília. Tra le sue incisioni, la Naxos Chamber Music di R. Halffter con l’Orchestra della Comunità di Madrid e La Verbena de la Paloma la musica del compositore valenciano Juan José Colomer, le Sonate di Alfredo Aracil e l’integrale dei concerti per chitarra e orchestra di Federico Moreno Torroba (con i chitarristi Pepe Romero e Vicente Coves) per Naxos.

————

Jesús Carmona danzatore

Nato nel 1985, Jesús Carmona ha iniziato i suoi studi all’età di 7 anni in “La Macarena y El Niño de Morón”. Si è diplomato in danza spagnola e flamenco dall’Istituto di teatro e danza spagnola a Barcellona nel 2004. Ha anche seguito diversi corsi con maestri come Bárbara Kasprovich, Rodolfo Castellanos, Ion Garnica, Carmen Huguet e Ion Beitia nella danza classica, Escuela Bolera con César Casares, Pilar Cambra, Rosa Alba e Montse Lloret, con Gilberto Ruiz-Lang, Elisenda Castells e Avelina Arguelles Danza Contemporánea, e flamenco con Sonia Poveda, Nacho Blanco, Antonio Canales, Maria Magdalena, Domingo Ortega, Eva Yerbabuena, Belén Fernández, Ángel Rojas, Juana Amaya, Rafaela Carrasco tra gli altri. Il suo esordio professionale è stato al Teatro Zorrilla con l’Orchestra del Teatro Liceo di Barcellona all’età di 16 anni. Da quel momento ha iniziato la sua carriera professionale entrando nel New Spanish Ballet e in altre compagnie come Carmen Cortés, El Güito, Esther Carrasco, Antonio Canales, La Truco e Mónica Fernández. L’anno 2006 è stato un anno molto importante per la sua carriera professionale perché ha pubblicato lo spettacolo El Silencio de La Luna che è stato molto acclamato dal pubblico e dal critico. Nello stesso anno i suoi sforzi, la sua dedizione e il suo talento sono stati riconosciuti per essere stato eletto come ballerino nel National Spanish Ballet e, un anno dopo, come ballerino principale nella compagnia in cui si è esibito in opere come Albarada del Gracioso di Il Maestro Granero, Golpes de la Vida di Rojas y Rodríguez, o Ritmos di Alberto Lorca, si distingue per il suo lavoro, la tecnica, lo stile e il talento artistico. Nel 2010 ha partecipato come artista ospite nel tour di Rojas y Rodríguez attraverso l’Asia, con il National Spanish Ballet nello spettacolo Corazón de Piedra Verde e insegnando diversi corsi e masterclass in diversi paesi come India, Paesi Bassi, Francia o Italia. La sua preoccupazione e il suo entusiasmo nello sviluppare il suo talento artistico e la sua carriera lo portarono a lasciare il National Spanish Ballet e intraprendere una nuova avventura con Cuna Negra y Blanca. Nel 2012 ha preso parte alla Compagnia di Pastora Galván, ha collaborato allo spettacolo Duquende come ballerino principale e ha vinto il Premio Desplante al 52º Festival Internazionale Sing di Las Minas de La Unión. Nel 2015 ha presentato il suo nuovo spettacolo “IMPETU’S” al Teatro Nuevo Apolo di Madrid. Nel 2016 ha portato questo spettacolo al Festival de Flamenco de Jerez e nel 2017 in vari luoghi del mondo come Miami, Albuquerque, Santiago del Cile e Los Angeles. Nel 2017 ha anche fatto un tour in America (Nord e Sud) con una masterclass e conferenze sulla danza spagnola e flamenco. Sempre nel 2017 ha partecipato al Flamenco Gala prodotto dal Flamenco Festival a Londra, Miami e New York, alla Suma Flamenca di Madrid e al Festival de Mont de Marsan, in Francia. Nel corso del 2017 continua a tenere corsi di perfezionamento in Giappone. Negli Stati Uniti, a Miami, Boston, Albuquerque, San Francisco e San Diego. In Brasile. In Cile. In Argentina e in Spagna. Come culmine del suo prolifico 2017 troviamo il suo debutto in Australia. Durante i mesi successivi e all’interno del Flamenco Festival ha partecipato con IMPETU’S a Londra, Manchester, Boston, New York e Portland, ricevendo le migliori recensioni dalla stampa internazionale e un grande riconoscimento da parte del pubblico, apparendo in copertina e in diversi articoli in tre occasioni in una sola settimana al The New York Times, e chiamato dal giornale “Un fenomeno del mondo del Flamenco”. Durante questo stesso periodo ha collaborato con Chano Domínguez al Jazz at Lincoln Center, condividendo il palco con grandi artisti come Dick Hyman, Sullivan Fortner, Joey Alexander, Eddie Tarres Jr. e Jared Grines.

LEAVE A REPLY