Una divina commedia

Dall'8 al 20 giugno al Piccolo Teatro Grassi, Milano

221

riduzione e adattamento per marionette su appunti di Eugenio Monti Colla

tratta da La Divina Commedia di Dante Alighieri

musica di Danilo Lorenzini

scene, sculture e luci di Franco Citterio

costumi di Cecilia Di Marco e Maria Grazia Citterio

realizzati dalla Sartoria della Compagnia

direzione tecnica di Tiziano Marcolegio

regia di Franco Citterio e Giovanni Schiavolin

i marionettisti

Franco Citterio, Maria Grazia Citterio, Piero Corbella, Camillo Cosulich, Debora Coviello, Carlo Decio, Cecilia Di Marco, Tiziano Marcolegio, Pietro Monti, Giovanni Schiavolin, Paolo Sette

apprendiste marionettiste Veronica Lattuada, Michela Mantegazza

voci recitanti

Loredana Alfieri, Marco Balbi, Carlo Decio, Lisa Mazzotti, Riccardo Peroni,

Gianni Quillico, Franco Sangermano

Fiando Ensemble diretto da Marco Seco

direzione artistica musicale: Daniele Sozzani Desperati

strumentisti

flauto/ottavino, Ilaria Ronchi; clarinetto primo, Filipe Esteves; clarinetto secondo/clarinetto basso, Flavio Fazio; sassofono tenore, Luca Volontè; tromba, Daniele Moretto; corno, Ezio Rovetta; pianoforte, Luca Esposito; soprano, Rosy Anoush Svazlian; theremin, Daniele Sozzani Desperati; violoncello, Fabio Moreddu

tecnico del suono Paolo Sportelli – Il Borgo della Musica – Milano

registrazione effettuata presso Palazzina Liberty “Dario Fo e Franca Rame” di Milano

Nuova produzione 2021

ASSOCIAZIONE GRUPPORIANI – Comune di Milano – Teatro Convenzionato

Next Laboratorio delle Idee – Regione Lombardia

Realizzato con il sostegno del Comitato Nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri

—–

al Piccolo Teatro Grassi

via Rovello, 2 Milano

da martedì 8 a domenica 20 giugno 2021

feriali ore 19.30

domenica ore 16

lunedì riposo

———

durata

110 minuti senza intervallo

prezzi

intero platea 25€

intero balconata 22€

informazioni e prenotazioni 0242411889 – www.piccoloteatro.org

news, trailer, interviste ai protagonisti su www.piccoloteatro.tv

———-

L’idea di affiancare la marionetta al verso e all’immaginario dantesco risale ad alcuni decenni fa, quando Eugenio Monti Colla, già alla fine degli anni Ottanta, diede incarico agli allora giovani laboratori di ideare e realizzare i primi materiali per un eventuale allestimento. Oggi, a quattro anni dalla sua scomparsa, la Compagnia Carlo Colla & Figli realizza finalmente questo progetto. Come affrontare un’opera di una immensità tale e di una grandezza spropositata rispetto alla dimensione della marionetta?

La Carlo Colla & Figli parte da questa particolare dimensione: la marionetta come unità di misura, non solo per le proporzioni dimensionali, ma anche e soprattutto per la capacità evocativa e metaforica del piccolo attore di legno, mosso a distanza dal marionettista e dall’autore che risultano essere i veri demiurghi di un’azione che vive e si articola in un’empatia che permette di leggere le “nostre” realtà a debita distanza.

La “marionetta” è divenuta quindi il metronomo per comprendere come ripercorrere il viaggio del Sommo Poeta, come ridurre i versi originali, per capire quali episodi rappresentare e quali situazioni potessero essere messe in rilievo da un linguaggio teatrale tanto particolare nella sua forma.

Le marionette porteranno per mano lo spettatore a ripercorrere i momenti dell’Inferno, ad assaporare alcune delle atmosfere del Purgatorio sino a compiere un salto nel Paradiso, inteso come una delle “Apoteosi” tipiche degli spettacoli marionettistici della più radicata tradizione.

Il nuovo allestimento prevede, oltre alla stesura del copione a partire dagli appunti di Eugenio Monti Colla e la composizione della musica di scena, la realizzazione delle nuove sculture e delle nuove marionette (circa 180 comprese le sagome), dei nuovi costumi, lo studio e la realizzazione dell’impianto scenico, per questa particolare occasione pensato come un’unica soluzione di continuità, come una scenografia dinamica che prevede più di venti ambienti e infine, lo studio sulla trasposizione e interpretazione del verso dantesco.

Lo spettacolo è sostenuto dal Comitato Nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, nell’ambito del progetto “Dante delle Marionette”, che prevede anche l’allestimento della mostra Le figure di Dante presso il MUTEF, Museo del Teatro di Figura di Milano e della rassegna di Teatro di Figura Dante in baracca, organizzata nei mesi di giugno/luglio presso Stabilimento BASE, negli spazi dell’Ex Ansaldo.