Al via gli spettacoli all’aperto all’Anconella Garden

Sei appuntamenti a cadenza settimanale con l'APS Echoes, da domani 28 luglio fino al 31 agosto sul palco immerso nel verde di Firenze Sud

400

Il teatro trasloca nel verde: una volta alla settimana, da domani al 31 agosto, l’APS Echoes porta sul palco di Anconella Garden sei spettacoli diversi da godere nel fresco del parco di Firenze Sud. La rassegna Street Theatre fa parte della programmazione culturale dello spazio estivo, a cura di Diramazioni Festival: ogni sera un evento diverso, sempre a ingresso libero (accesso da via di Villamagna 39/d).

Si comincia domani, mercoledì 28 luglio, con “Psicosi“, spettacolo di e con Lorenzo Berti, liberamente ispirato al Macbeth di Shakespeare. Cedere a facili illusioni e inseguire mete inesistenti oggi è più facile che mai; anche nei confronti di noi stessi mentiamo, ci tradiamo in un’esasperata ricerca di un modello di vita che ci viene cucito addosso, non richiesto, da una società sempre più alla deriva, cattiva, esclusiva e meschina. Stiamo contribuendo ed alimentando questa società che non pare neanche una società. Forse siamo più schizofrenici di Macbeth.

Domenica 4 agosto sarà la volta di “Toscanar Cantando”, spettacolo musicale di e con Luigi Gagliardi, che percorre le vie della musica in Toscana dal medioevo ad oggi avvalendosi anche della proiezione di iconografie e di lettura di testi. Un racconto musicale in cui attorno ai brani musicali ruotano le storie degli interpreti, degli autori delle musiche e dei testi e dell’ambiente storico dove le canzoni nascono e iniziano a diffondersi. Un viaggio attraverso la musica popolare di ignoto e quella colta di autori come Lorenzo de Medici, Poliziano, Francesco Landini, Odoardo Spadaro e anche di musicisti che dalla Toscana o da Firenze sono transitati portando il loro contributo artistico. Toscanar Cantando prende il nome, quasi parodiandolo, dal Recitar Cantando, lo stile che si diffonde nel 1500 ad opera della Camerata de’ Bardi e del suo teorico musicale Vincenzo Galilei, liutista, compositore, e padre di Galileo, da cui poi si svilupperà il melodramma e l’opera lirica. Vengono proposti anche brani di autori contemporanei legati alla cultura toscana per nascita o per passione.

Mercoledì 11 agosto sale sul palco il gruppo musicale Super Cereal per lo spettacolo “Poesie Libere“: da Emily Dickinson ad Alda Merini, leggere una poesia porta in un tempo senza età, descrivibile solo dalla musica. Per leggere una poesia basta sentirla, non è necessario aver fatto un corso di dizione o di lettura. Ecco il perché di questa formula nuova: sul palco dell’Anconella Garden saranno presenti vari leggii con, appoggiate, le raccolte di poesia più disparate. Sullo sfondo, i Super Cereal, con la loro musica improvvisata, potranno cogliere ed esprimere le emozioni suscitate dai testi, aiutando il lettore nel suo viaggio e trascinando l’ascoltatore su quel veliero. Chiunque potrà fare qualche passo per salire sul palco e leggere una poesia, chiunque potrà voltarsi per guardare i musicisti che lo seguono con le loro note, chiunque potrà ascoltarli e godere della poesia.

Mercoledì 18 agosto sarà la volta di “Uomini e corpi”, di Emiliano Vizzi e Costanza Mascilli M. e con Emiliano Vizzi. Thomas e Savigny. Il marinaio e lo scienziato. Uomo del popolo il primo e uomo dell’élite l’altro. Due visioni della vita e del suo valore diametralmente opposte, due modi di viverla opposti. L’eterno dualismo tra sentimento e ragione, tra spiritualità e scienza, tra calore e freddezza. Rivivono sullo sfondo dei fatti storici realmente avvenuti il 2 Luglio 1816, con l’incagliamento della fregata francese Méduse, sulle secche del banco di Arguin, al largo dell’attuale Mauritania e il successivo tragico allestimento della zattera dove moriranno 140 persone. Tra le 10 che si salvarono c’erano Savigny e Thomas. Attraverso lo scontro di questi due personaggi estrapolati dal romanzo “Oceano Mare” di Baricco e reinseriti nel loro reale contesto storico, Emiliano Vizzi scava e consegna al pubblico l’approfondimento psicologico e filosofico di questi due archetipi, all’alba di una tragedia consumata in 13 giorni, in un viaggio ai confini dell’umano.

Mercoledì 25 agosto Giacomo De Rose porta in scena “Vicolo Ceco”. Siamo nel 1952 in Cecoslovacchia. Dagmar è una ragazza bella, sveglia, con due occhi che se vogliono ti bruciano la pelle. Contro il regime come la maggior parte dei suoi amici, viene arrestata quando aiuta due di loro a disertare ed entra nel carcere femminile di Brno. Qui si scontra violentemente con la grigia realtà di un ambiente disumano ed opprimente che la vuole china, muta e in trappola; ma le donne in carcere non hanno niente delle sante martiri, queste donne nidificano, rodono, strappano. Nessun bravo aguzzino è al sicuro.

Chiude la rassegna martedì 31 agosto Luisa Noli con “A teatro ancora”. L’incessante lotta tra ragione e sentimento, riferita alle scelte di vita di chi ha intrapreso la carriera artistica come lavoro. Un’attrice in crisi esistenziale dopo avere visto il proprio nome in graduatoria ATA: personale Amministrativo Tecnico Ausiliario della scuola. I ricordi, i sentimenti contrastanti, la nostalgia del palco mentre si trova tra scatole di cartone contenenti i suoi vecchi costumi, copioni e oggetti di scena. Un piccolo viaggio in un particolare momento di vita del personaggio che, per portarci nel suo mondo, utilizza la musica e alcuni pezzi teatrali del repertorio di grandi autori e interpreti italiani.

Tutti gli spettacoli della rassegna sono in programma alle ore 21, salvo cambiamenti dovuti a particolari condizioni meteo. Ogni giorno, dalle ore 16.00 fino a tarda serata, sarà inoltre possibile fare una sosta al punto ristoro di Anconella Garden. Tra le proposte gli aperitivi alcolici e analcolici creati ad hoc dai bartender, accompagnati da hummus, guacamole e tacos, best seller nelle passate stagioni. Tra gli special drink della stagione la linea Spritz a basso tenore alcolico, in cui campeggiano i coloratissimi Violet Spritz, con sciroppo alla violetta, l’Apple Spritz, con succo di mela, cetriolo e sambuco, e lo Spritz alla Rosa. Il menu della cena si presenta ancora più ricco: oltre ai grandi classici come frittura di pesce, hamburger e pizza, quest’anno lo chef Alexandro Sala e il suo fidato staff propongono gustosi appetizer come la tostada di tonno, con avocado e mayo di Chiplote, o il carpaccio di zucchine profumato alla menta, primi piatti freschi – linguine alle vongole, paccheri zucchine e burrata, paccheri al ragù di polpo – secondi più sostanziosi – filetto di branzino dello chef, pollo kaarage – e alternative veg come la Quinoa in salsa Giapponese, oltre a tante crudité di verdure con cui combattere la calura estiva. New entry: le pizze gourmet con impasto lievitato 30 ore, come la Marinara con Burrata, la bianca con pistacchi e pesto di zucchine e la ‘Nduja e Friarielli.