La finzione al potere. Shakespeare e Ruzante.

0
352

Nell’ambito della rassegna “In scena a casa di Alvise Cornaro” giovedì 5 agosto 2021 alle ore 21, presso l’Odeo Cornaro di Padova via Cesarotti 37, l’Accademia del teatro in lingua veneta con il sostegno dell’ Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, presenta il reading “La finzione al potere, Shakespeare e Ruzante” Un progetto drammaturgico di Toni Andreetta.
Si tratta di un reading teatrale con Giuseppe Savio e Luisa Baldi che propone una selezione di frammenti, tra i più significativi delle opere di Shakespeare e Ruzante, che mettono in luce, dietro alle azioni, l’ambiguità dei sentimenti e la finzione come potente ordigno necessario per la conquista del potere politico e affettivo. Saranno in scena Riccardo III, Macbeth, Otello, Amleto, La bisbetica domata, Il Parlamento di Ruzante in un vertiginoso percorso di contrasti e tensioni dove ironia e cinismo si fondono e si mescolano nei registri della commedia e della tragedia. I dialoghi serrati e l’intensità dei sentimenti che caratterizzano la performance sono espressione e sintesi della straordinaria modernità di Shakespeare in grado di rappresentare un universo ancora capace di donare sorprendenti emozioni. Pagine immortali che ne tramandano la forza letteraria e la capacità di rappresentare l’umano esaltandone le debolezze, le pulsioni, le incredibili e agghiaccianti potenzialità.
Della biografia di Shakespeare si sa pochissimo. Addirittura alcuni pensano non sia mai esistito, altri dicono che dietro il nome di Shakespeare si nasconda l’italiano Giovanni Florio, o Edward de Vere, conte di Oxford, o il drammaturgo Christopher Marlowe, o Francis Bacon o Sir Henry Neville. Resta comunque il mistero da dove siano nate opere così stupefacenti e con esse la sua figura leggendaria di autore e capocomico.
Giuseppe Savio, diplomato a Firenze presso la «Bottega Teatrale» diretta da Vittorio Gassman, ha recitato nei teatri di tutta Europa tra cui Mosca, Parigi, Oslo, Monaco, Salisburgo, Tampere e Weimar e con registi e attori di importanza internazionale quali Alvaro Piccardi, Walter Pagliaro, Giancarlo Cauteruccio, Antonio Syxsty, Edmonda Aldini, Ariane Mnouchine, Marco Leone, Paolo Giuranna, Nicholas Hytner.
Luisa Baldi, direttore artistico dell’Accademia del teatro in lingua veneta e dello stesso Festival di Serravalle, allieva di Arnoldo Foà, ha lavorato con noti attori del teatro italiano, da Antonio Salines a Giancarlo Zanetti, da Giorgio Albertazzi a Giulio Bosetti, Ugo Pagliai.
Toni Andreetta, regista e produttore teatrale, laureato al Dams di Bologna, ha lavorato con Michele Mirabella, Aroldo Tieri, Elsa Merlini, Lauretta Masiero, Manuel de Sica, Mario Valdemarin, Elsa Vazzoler, Lino Toffolo…autore di una quarantina di documentari sull’arte medievale e rinascimentale, professore a contratto dell’Università di Padova.

Biglietto unico € 10 – ragazzi sotto i 14 anni € 5
Per prenotazioni inviare whatsapp al 3472516398 oppure 3484238334
direzione@accademiateatroveneto.it

 

LEAVE A REPLY