Il cassone nuziale o sempre lì si cade

In uscita l'opera teatrale di Svara

256
L’anonimo autore ci presenta un’opera che dialoga intimamente con la Commedia rinascimentale, in particolare con l’arte comica di Ludovico Ariosto e Nicolò Machiavelli. La contaminatio del Cassone si avvale della Cassaria e soprattutto della Mandragola, che a loro volta devono molto a Plauto. I personaggi e gli intrecci, inclusi quelli dell’antica Commedia latina, sono continuamente ripresi e rimestati e il brillante ricorso a battute e citazioni del volgare cinquecentesco (commentato in nota di Apparato). Mette in scena un tale sfoggio della Lingua da costituire una inaspettata e ardita sintesi di antico e moderno. Ma queste sono ragnatele, fumisterie da letterati, il succo della commedia è un altro: fa ridere.
L’autore
È buona usanza far cenno alla biografia dell’autore. La vita conta, come l’arte. Ma in questo caso l’artista intende conservare l’incognito. Svara. Il termine trova riscontro nel sanscrito antico. Svara è il Suono, Svar è la Luce, rimandano alla creazione, all’origine dell’universo, e svara, isvara, declinato significa ‘signore’, ‘il signore di’, attribuito anche alle figure divine. La parola viaggia verso occidente, la sua densità di significati lungo le strade e i millenni si perde, rimane la voce, che raggiunge le lande scandinave mutando di senso e attraversa le terre slave, giungendo fino alle sponde del mare Adriatico come un semplice cognome, asciutto, di virtù sonore. Di imminente pubblicazione “Racconti di viaggio e di pietra”.