Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Kirill Petrenko torna a Roma

Il Direttore Principale dei Berliner Philharmoniker torna per tre concerti esclusivi con Boris Giltburg al pianoforte nel Concerto per pianoforte n. 2 di Brahms, il 13 ottobre alle ore 19.30, venerdì 15 alle ore 20.30 e sabato 16 alle ore 18 a Roma

172

Un attesissimo ritorno quello di Kirill Petrenko, Direttore Principale dei Berliner Philharmoniker, che mercoledì 13 ottobre alle ore 19.30 (repliche venerdì 15 alle ore 20.30 e sabato 16 alle ore 18) sale sul podio dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Petrenko, che dirige pochissime orchestre oltre ai Berliner e in Italia ha un rapporto quasi esclusivo con l’Orchestra ceciliana, torna per il terzo anno consecutivo a Roma per un concerto che impagina nella prima parte Calma di mare e viaggio felice di Mendelssohn, una ouverture ispirata da due poemi di Goethe dai quali trasse piuttosto la lirica intonazione e il sentimento della natura che non la drammaticità dell’invenzione fantastica e il Concerto per pianoforte n. 2 di Brahms. Solista d’eccezione, al suo debutto a Santa Cecilia, il pianista israeliano nato a Mosca Boris Giltburg. Apprezzato in tutto il mondo come un interprete profondamente sensibile e convincente è stato elogiato dalla critica per la sua “linea di canto, la varietà di tocco e l’ampia tavolozza dinamica capace di grandi esplosioni di energia” (Washington Post). Il Concerto per pianoforte, eseguito per la prima volta nel 1881 a Budapest con il compositore al pianoforte e l’orchestra diretta da Sándor Erkel, ottenne fin da subito un grande successo. È uno dei capolavori di Brahms in cui solista e orchestra sono intimamente legati e dialogano insieme in un crescendo profondamente romantico, teso ed espressivo dove il pianista deve superare alcune delle difficoltà più ardue che si conoscano nella letteratura pianistica. Inoltre, il Concerto rompe con la tradizionale struttura tipica del genere ed è articolato in quattro movimenti invece dei canonici tre tanto che alcuni critici lo hanno definito una “sinfonia concertante”.  Completa il programma La Merdi Debussy, tra le più innovative, intime e introspettive composizioni del compositore francese.

Boris Giltburg pianoforte

Pianista israeliano nato a Mosca, Boris Giltburg padroneggia un vasto repertorio ed è considerato come uno dei principali interpreti di Rachmaninoff.

Per celebrare l’anniversario di Beethoven nel 2020, Giltburg ha deciso di registrare e filmare tutte le 32 sonate, documentando la sua impresa sul suo blog. Il ciclo è uscito per Naxos. Sempre per omaggiare l’anniversario di Beethoven ha inciso i Concerti per pianoforte (esecuzione integrale con la Royal Liverpool Filarmonica e Vasily Petrenko), e li ha eseguiti in tre serate consecutive con la Filarmonica di Bruxelles al Flagey Piano Festival 2020; inoltre è apparso nella serie TV della BBC “Being Beethoven”.

Suona regolarmente in recital nelle sale più prestigiose del mondo, in particolare l’Amsterdam Concertgebouw, Carnegie Hall, Elbphilharmonie di Amburgo, Londra Southbank Centre, Auditorium Radio France, Bozar Bruxelles, Teatro Colon, Shanghai Oriental Arts Centre, Tokyo Toppan Hall e Wiener Konzerthaus. Ha collaborato con i maggiori direttori e orchestre di tutto il mondo, tra cui la Philharmonia Orchestra, London Philharmonic, Czech Philharmonic, Deutsche Kammerphilharmonie, WDR, Filarmonica di Rotterdam, Filarmonica di Oslo, Israel Philharmonic, NHK Symphony ed è stato ospite ai Proms della BBC.

In campo discografico ha iniziato nel 2015 una proficua collaborazione con Naxos Records, pubblicando opere di Beethoven, Schumann, Liszt, Rachmaninoff e Šostakovič. Il suo album War Sonatas di Prokof’ev è stato nominato per un Classical Brits Award e inoltre recentemente ha vinto un Opus Klassik per il suo cd di Rachmaninov (Concerti ed Etudes Tableaux); un Diapason d’Or (concerti di Šostakovič) e un Gramophone Award per il Dvorak Piano Quintet (Supraphon) con il Pavel Haas Quartet.

Il suo blog “Musica classica per tutti” si rivolge a un pubblico non specializzato; inoltre pubblica articoli sulle riviste Gramophone, BBC Music Magazine, Guardian, Tempi e Fono Forum. Durante il periodo di lockdown nella primavera del 2020, Giltburg ha eseguito regolarmente spettacoli dal vivo e masterclass in streaming da casa, totalizzando oltre un milione di visualizzazioni.

Mercoledì 13 ottobre ore 18, venerdì 15 ore 20.30 e sabato 16 ore 18

Auditorium Parco della Musica di Roma – Sala Santa Cecilia

 

Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Kirill Petrenko direttore

Boris Giltburg pianoforte

 

Mendelssohn, Calma di mare e viaggio felice

Brahms, Concerto per pianoforte n. 2

Debussy, La Mer

biglietti da 22 a 60