“Brutta novella. Buongiorno, come posso aiutarla?”

Di Francesca Giaconi e Antonella Carrara

231

Il Mondo delle Fiabe non è così semplice come sembra anzi… è complicatissimo! Per questo serve un aiuto e perché no? una visita guidata all’Ufficio Informazioni Fiabe…

Torna, per la gioia dei più piccoli, BRUTTA NOVELLA. Buongiorno, come posso aiutarla?, lo spettacolo di Francesca Giaconi e Antonella Carrara / il Funaro, prodotto dall’Associazione Teatrale Pistoiese, che vede in scena Ornella Esposito, con la partecipazione straordinaria in video di Massimo Grigò (fascia d’età: dai 6 anni – capienza limitata). Gli oggetti di scena sono a cura di Antonella Carrara.

Lo spettacolo, proposto nella rassegna “Vetrina d’autunno”, sarà in scena nel fine settimana (con capienza limitata) al Funaro di Pistoia (30-31 ottobre, 13-14 novembre e 11-12 dicembre, ore 17) e nel Foyer del Teatro Pacini di Pescia (6-7 novembre, ore 16).

Ci sono gli adulti che durante i racconti, si dimenticano continuamente dettagli, non ricordano con precisione certi particolari e ci sono i personaggi delle fiabe che sono sbadati, perdono gli oggetti necessari, si stufano di fare sempre le stesse cose, litigano tra di loro per fare questo o quello… Per rimediare a tutta questa confusione c’è la UIF, l’Ufficio Informazioni Fiabe, un servizio di assistenza a metà tra il Mondo Reale e il Mondo delle Fiabe. La centralinista Novella risolve tutto, le sue linee telefoniche sono continuamente occupate, riceve chiamate da nonni, genitori, zii che si ingarbugliano nei racconti, dimenticano dettagli o non sanno rispondere alle domande dei bambini e riceve anche chiamate dai personaggi delle fiabe che perdono tutto, si confondono e hanno continuamente bisogno dei servizi UIF per mantenere in perfetta funzione il Mondo delle Fiabe (deposito oggetti smarriti, organizzazione eventi e cerimonie reali, noleggio zucche e carrozze, manutenzione castelli, eccetera eccetera eccetera…). Al momento la situazione è davvero critica, il Mondo delle Fiabe sta vivendo una profonda crisi: il lupo cattivo non ha più voglia di essere cattivo e di fare paura a tutti, vuole divertirsi, fare una vita normale come tutti gli altri personaggi, conoscere l’amore e la felicità. Sembra impossibile ma ha deciso di licenziarsi. Questo è inaccettabile, la paura è necessaria, fa parte del bagaglio di emozioni che i bambini hanno bisogno di sperimentare in compagnia degli adulti, com’è possibile? Cosa fare? Come convincere il lupo a tornare sui suoi passi?

Tutto questo accade proprio la mattina della visita guidata dei bambini alla U.I.F e così tra telefonate ansiose dei 7 nani, mele perdute, principi ritrovati, nonne scordone e adulti che si addormentano, Novella deve convincere il lupo che il suo personaggio è fondamentale, che i bambini lo amano allo stesso modo di Biancaneve e Cappuccetto rosso e che la sua presenza è necessaria a mantenere in piedi il Mondo delle Fiabe. Dopo varie peripezie e con l’aiuto fondamentale dei bambini, Novella riuscirà a convincere il lupo a ritornare al lavoro. Siamo in un piccolo ufficio d’altri tempi, oltre a un videocitofono e un attaccapanni, è presente una lunga e stretta scrivania sulla quale si trovano diversi telefoni che durante lo spettacolo aiuteranno Novella ad animare l’immaginario dei bambini attraverso conversazioni surreali con personaggi diversi / voci registrate / personaggi videoproiettati.

UN PROGETTO ATP / FUNARO

La produzione nasce al Funaro grazie alla collaborazione tra gli insegnanti e gli attori storici del Centro culturale pistoiese. Il Funaro è un Teatro, una Residenza, un Centro di Formazione per professionisti e non, una Biblioteca. Le numerose attività conciliano uno sguardo e contenuti internazionali con un forte radicamento sul territorio. Dalla sua fondazione ha svolto in forma continuativa, un’attività formativa sul territorio articolata in laboratori annuali di recitazione, regia, scrittura, drammaturgia e dizione, rivolti a bambini, ragazzi e adulti. A questi si affiancano laboratori di teatro integrato che coniugano l’approccio teatrale ad una sensibilità psico-sociale. Francesca Giaconi e Antonella Carrara sono fondatrici del Funaro insieme Lisa Cantini e Mirella Corso. Francesca Giaconi è anche insegnante di teatro ragazzi, Ornella Esposito e Massimo Grigò tengono regolarmente i laboratori per ragazzi, adulti e over 60.

_____________________________________________________________

PREVENDITA BIGLIETTI

posto unico non numerato: 7,00 adulti – 5,00 bambini under14

per le date di Pistoia: > Biglietteria Teatro Manzoni Pistoia (0573 991609 – 27112: dal martedì al giovedì ore 16/19 e venerdì-sabato ore 11/13 – 16/19)

on line su www.bigliettoveloce.it

per le date di Pescia: > Biglietteria Teatro Pacini 0572495161 il giorno prima e il giorno stesso dello spettacolo ore 16/19 (se sabato, ore 11/13 e 16/19)

Il giorno dello spettacolo la biglietteria aprirà anche un’ora prima dello spettacolo

presso la sede della rappresentazione.