Con “Arsenico e vecchi merletti” al via la grande prosa al Politeama

Sabato 9 ottobre, ore 21 Domenica 10 ottobre, ore 16

231

Due regine del teatro per la prima volta insieme a Prato.
Anna Maria Guarnieri e Giulia Lazzarini protagoniste di Arsenico e vecchi merletti
per inaugurare la stagione della grande prosa al Politeama

Sabato 9 ottobre, ore 21
Domenica 10 ottobre, ore 16
Gitiesse Artisti Riuniti
ARSENICO E VECCHI MERLETTI
di Joseph Kesselring
regia di Geppy Gleijeses liberamente ispirata a Mario Monicelli
con Anna Maria Guarnieri e Giulia Lazzarini

 

L’omaggio al grande schermo e l’interpretazione magistrale di due regine del teatro italiano per un debutto di stagione “stellare”. Con questi due ingredienti si aprono le danze della grande prosa del Politeama che ha intitolato la stagione 2021/2022 A riveder le stelle! Due grandi signore della scena sul palco sabato 9 e domenica 10 ottobre (alle 21 e alle 16), Anna Maria Guarnieri e Giulia Lazzarini, saranno dirette da Geppy Gleijeses nella rivisitazione teatrale di Arsenico e vecchi merletti di Joseph Kesserling: è uno dei capolavori  più indiscussi della comicità teatrale e cinematografica, definita dal New York Times una commedia “così divertente che nessuno la dimenticherà mai”.Se il titolo è universalmente noto, soprattutto grazie al film di Frank Capra risalente al 1944 e interpretato da Cary Grant, indimenticabile fu anche l’allestimento del grande Mario Monicelli (1992) cui è liberamente ispirata la regia di Gleijeses.

«Non vedevo l’ora di portare in città due straordinarie interpreti come Giulia Lazzarini e Anna Maria Guarnieri, per la prima volta insieme su un palcoscenico pratese – sottolinea Beatrice Magnolfi, presidente del Teatro Politeama Pratese – Si può affermare che avremo nel nostro teatro le due protagoniste femminili più importanti del teatro italiano, viste negli anni passati negli spettacoli di Strehler e Ronconi ma anche al cinema: come non ricordare, ad esempio, l’apparizione di Giulia Lazzarini nel film “Mia  madre” di Nanni Moretti che le valse il David di Donatello nel 2015. Due grandi attrici per interpretare in maniera profonda ed elegante il filo dell’ironia e del paradosso, in uno spettacolo molto atteso che era stato riprogrammato a causa della pandemia».

Due ore e quindici minuti di spettacolo alle tinte noir e grottesche intrecciando paradossi e tipi umani grotteschi a partire dalle zie Abby, apparentemente due amabili vecchiette. La vicenda vede come protagonista Mortimer Brewster, ex scapolo convinto che nella pellicola cinematografica ha il volto di Cary Grant, alle prese con una famiglia di pazzi assassini: due anziane zie che uccidono i coinquilini con un liquore di sambuco corretto con arsenico, un vecchio zio convinto di essere Theodore Roosevelt, che cerca di scavare il canale di Panama in cantina (dove sono sepolte le vittime delle sorelle), un fratello assassino che ha in carico un cadavere da nascondere in cantina.

Così Gleijeses presenta le due protagoniste di Arsenico e vecchi merletti nelle sue note di regia: «Ho la fortuna di dirigere due tra le più grandi attrici italiane: Annamaria Guarnieri e Giulia Lazzarini. Annamaria, straordinaria attrice prevalentemente drammatica, primadonna prediletta di Zeffirelli, Missiroli, Ronconi, si è prestata al gioco comico con una sapienza scenica ineguagliabile e Giulia, l’immensa Giulia, la musa di Strehler, raggiunge il sublime calandosi nei panni di Abby. Ci danno entrambe una lezione di stile e di gioco scenico a cui è pressoché impossibile trovare un paragone verosimile».

Lo spettacolo si svolgerà nel rispetto delle norme anti-Covid con obbligo del green pass all’ingresso. Il costo del biglietto è di 35 euro in platea, 20 in galleria; riduzioni previste per gli spettatori under 25 in galleria (15 euro), 10 per cento di sconto per i soci Unicoop Firenze. È possibile acquistare i biglietti attraverso il circuito Ticketone o Boxoffice oppure direttamente in biglietteria, aperta da martedì a sabato dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19. Informazioni: www.politeamapratese.it