Festival di Nuova Consonanza, La scoperta dell’America

Domenica 14 novembre alle ore 20.30 al Teatro Palladium di Roma

284

Il 14 novembre al Teatro Palladium per il Festival di Nuova Consonanza La scoperta dell’America e altri sonetti

Massimo Wertmüller legge i sonetti in romanesco di Cesare Pascarella nella nuova azione musicale per attore, clarinetto e pianoforte del compositore Fabrizio de Rossi Re, in prima esecuzione assoluta. Al pianoforte lo stesso de Rossi Re, clarinetto Fabio Battistelli

È una prima assoluta per il 58° Festival di Nuova Consonanza La scoperta dell’America in programma al Teatro Palladium domenica 14 novembre (ore 20.30), musica di Fabrizio de Rossi Re su testi di Cesare Pascarella. Azione musicale per attore, clarinetto e pianoforte, affidata per l’occasione all’estro dell’attore romano Massimo Wertmüller, con lo stesso de Rossi Re al pianoforte e Fabio Battistelli clarinetto, l’opera prende spunto dalla celebre raccolta di sonetti in romanesco del Pascarella pubblicata nel 1894, in cui viene ripercorsa la vicenda di Colombo, narrata attraverso la voce di un cliente di un’osteria, che tra una bevuta di vino e l’altra, racconta ciò che ha letto su un libro di storia, interrompendo la narrazione con commenti personali spesso molto coloriti.

Cesare Pascarella, vissuto a cavallo tra XIX e XX secolo, fu autore di poesie in romanesco, in prevalenza sonetti. Al contrario di altri poeti dialettali, egli riuscì a impiegare il dialetto senza privare di intensità lirica i propri versi. Protagonisti dei suoi sonetti sono sempre personaggi del popolo di Roma, che attraverso la loro lingua straordinariamente espressiva, nonché l’ironia e la schiettezza che caratterizzano i romani, coinvolgono il lettore nella propria realtà. L’opera che sancì la fama di Pascarella è La scoperta de l’America, pubblicato a Roma nel 1894. Si tratta di un poema articolato in 50 sonetti in cui viene ripercorsa la vicenda di Colombo, narrata attraverso la voce di un cliente di un’osteria. Tra una bevuta di vino e l’altra, l’uomo racconta ai compagni ciò che ha letto su un libro di storia, interrompendo la narrazione con commenti personali spesso molto coloriti. Il risultato è chiaramente un racconto pieno di paradossi: Colombo che si reca «dal re de Spagna portoghese proclamando la sua intenzione de scoprì l’America»; Colombo che chiede alla regina tre caravelle sul genere «de quelli che porteno er marsala a Ripa granne» (cioè come le imbarcazioni che trasportano il Marsala sul Tevere); il famoso indigeno che si presenta ai navigatori dicendo «E chi ho da esse? Sò un servaggio». Su tutto il racconto campeggia comunque la figura di Colombo, rappresentato come un uomo tenace ed emblema delle virtù italiche, che sarebbe stato rovinato dagli invidiosi e, secondo il narratore, arrestato al suo rientro. Altri meravigliosi sonetti introducono «la scoperta dell’America». Sono altri sonetti che raccontano con un gusto scanzonato i personaggi di Roma attraverso il Trionfo della Morte. Il dramma violento dell’omicidio con il coltello nei vicoli della città diventa occasione per la Morte a Roma di diventare cinica, violenta, strafottente e perfino spiritosa e tragicomica.

Il 58° Festival di Nuova Consonanza è realizzato con il contributo del Ministero della Cultura – Direzione generale Spettacolo e Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali, della Regione Lazio con il Fondo Unico 2021 sullo Spettacolo dal Vivo. Il Festival, promosso da Roma Culture, è vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020 – 2021 –2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

Il Festival è realizzato in collaborazione con Accademia Filarmonica Romana, Accademia Materiaviva di Roma, Associazione InCanto, Azienda Speciale Palaexpo – Il Mattatoio di Roma, Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma, Conservatorio Musica G.B Pergolesi di Fermo, Cultural Endowment of Estonia, Divisione Culturale dell’Ufficio di Rappresentanza di Taipei in Italia, Edizione Suvini Zerboni, Europäische Akademie für Musik und Darstellende Kunst – Palazzo Ricci di Montepulciano (SI), Kunststiftung Nordrhein-Westfalen, Fondazione Roma Tre – Teatro Palladium, Teatro di Roma, Orchestra Filarmonica Vittorio Calamani.

Biglietti: da 15 a 8 euro
Per accedere agli eventi è necessario esibire il Green Pass nel rispetto della normativa vigente.
La certificazione dovrà essere mostrata insieme ad un documento di identità valido per opportuna verifica.
Info Nuova Consonanza, tel: 06 3700323 / www.nuovaconsonanza.it
fb- ins Youtube
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::

domenica 14 novembre ǀ ore 20.30
Teatro Palladium

La scoperta dell’America e altri sonetti *
azione musicale per attore, clarinetto e pianoforte (2020)
testi di Cesare Pascarella (1858-1940)
musica di Fabrizio de Rossi Re (1960)

Massimo Wertmüller attore
Fabrizio de Rossi Re pianoforte
Fabio Battistelli clarinetto

*prima esecuzione assoluta
in collaborazione con Fondazione Roma Tre – Teatro Palladium
Fabrizio de Rossi Re. La sua vasta produzione comprende numerose opere di teatro musicale, tra cui Biancaneve ovvero il perfido candore (1993, libretto proprio); Cesare Lombroso o il corpo come principio morale (libretto A. Vianello); Musica senza cuore (libretto di F. Angeli, con P. Cortellesi); Alatiel (melologo erotico-sentimentale dal Decamerone di G. Boccaccio – Centro Pietà dei Turchini di Napoli); Songs and memories (ISME International Society for Music Education – Bologna 2008); King Kong, amore mio, opera grottesca e sentimentale (libretto L. G. Santiago). Molti i lavori sinfonico-corali e cameristici tra cui il Ricercare per clavicembalo e archi, scritto per il quartetto d’archi dei Berliner Philharmoniker. Numerose sono le sue opere radiofoniche prodotte da Rai Radio 3: Terranera, radiofilm su testo di V. Magrelli (regia G. Pressburger); Orti di guerra su testi di E. Albinati; Tre per una (per non dire l’Ernani) su libretto di V. Sermonti; Canti di cielo e terra (Londra 2009, Roma 2010, Helsinki 2011, Parigi 2012). Eseguito in festivals e stagioni di tutto il mondo, la sua produzione è fortemente caratterizzata da un’esplorazione che accoglie e coniuga varie esperienze stilisticamente multiformi, sempre in bilico tra una diretta comunicazione e l’eredità linguistica della sperimentazione. Le sue composizioni sono pubblicate da Rai com.
Massimo Wertmüller. Rinomato e stimato attore romano, ha all’attivo collaborazioni decennali con i più grandi esponenti del panorama cinematografico e teatrale italiano. Debutta al cinema nel 1983 con Scherzo di L. Wertmüller e da quel momento prende parte a numerose produzioni: Sotto sotto, Night Club di S. Corbucci, Le finte bionde di C. Vanzina, Il viaggio di Capitan Fracassa di E. Scola, In nome del popolo sovrano di L. Magni, La fine è nota della Comencini, La versione di Barney prodotto dalla Fandango, fino ad arrivare a Orecchie di A. Aronadio e Che vuoi che sia di E. Leo. A teatro è diretto, negli anni, da G. Lavia, P. Quartullo, D. Camerini, Ennio Coltorti, A. Corsini, M. Panici e tanti altri. Infine, appare spesso in produzioni televisive, come in L’avvocato delle donne dei fratelli Frazzi, Pane e libertà prodotto dalla Palomar, È arrivata la pubblicità diretto da R. Milani e Linea verticale con la regia di M. Torre.
Fabio Battistelli. Si propone al pubblico indifferentemente quale solista o come membro di gruppi cameristici e ha svolto attività concertistica in alcune fra le più prestigiose sale da concerto del territorio nazionale ed europeo, oltre che in Sud America, Stati Uniti, Canada e Nord Africa. Ha inciso per la Fonit-Cetra Rai Trade e ha partecipato a diverse trasmissioni televisive e radiofoniche della Rai. Profondo conoscitore della musica contemporanea, ha suscitato molto interesse da parte di alcuni tra i più autorevoli compositori del nostro tempo, che hanno voluto dedicare al musicista alcune opere. Ha collaborato con importanti compositori tra cui B. Ferneyough, S. Bussotti, F. de Rossi Re, A. Sbordoni, N. Sani, V. Palumbo, A. Gentile, G. Battistelli, A. Guarnieri, C. Crivelli, A. Clementi, F. Festa, S. Bollani, M. dall’Ongaro. Ha suonato in alcuni fra i più importanti Festival di Musica Contemporanea. Insegna presso il Conservatorio L. Cherubini di Firenze. È impegnato in produzioni di musica e poesia e collabora stabilmente con i più importanti attori italiani tra i quali M. Wertmuller, S. Bergamasco, M. Massironi, D. Vergassola, D. Riondino, A. Sandrelli, B. Roca-Rey, L. Savino, P. Bessegato, Elio delle Storie Tese, L. Sastri, P. Pitagora, I. Monti, V. Gravina, E. Siravo, P. Micol, P. degli Esposti, A. Foà, N. Gazzolo, A. Haber, P. Minaccioni, C. Lucarelli, P. Gassman, U. Pagliai, L. Lante della Rovere.