La sagra della primavera di Stravinskij e I pini di Roma di Respighi

Mercoledì 17 novembre nell'Auditorium "E. Morricone" dell'Università di Roma

328

Per la stagione concertistica di Roma Sinfonietta nell’Auditorium “E. Morricone” dell’Università di Roma “Tor Vergata” (Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1) mercoledì 17 novembre alle 18.00 il duo pianistico Michelangelo Carbonara – Giuliana Soscia esegue musiche di due grandi compositori del primo Novecento: Respighi e Stravinskij.

Ma prima si ascolteranno le Melodie popolari finlandesi op. 27, del loro quasi coetaneo Ferruccio Busoni, uno dei più grandi pianisti di ogni epoca e compositore originale e visionario: ebbe grande influenza sugli sviluppi della musica dei primi anni del Novecento, ma questo suo brano giovanile per pianoforte a quattro mani, composto nel 1889, è ancora legato all’amore dei romantici per la musica popolare. Di Ottorino Respighi sarà eseguito I pini di Roma (1924), uno dei suoi tre famosissimi poemi sinfonici dedicati alla città eterna, che descrive in quattro quadri i pini di Villa Borghese, i pini presso una catacomba, i pini del Gianicolo e i pini della via Appia, creando meravigliosi effetti sonori e suggestive atmosfere. In conclusione La sagra della primavera di Igor Stravinskij, che alla prima esecuzione a Parigi nel 1913 provocò uno scandalo memorabile per il suo carattere primitivo e i suoi ritmi ossessivi. Il pubblico si divise in due partiti ferocemente contrapposti: una parte fischiò e gridò dall’inizio alla fine, tanto da impedire l’ascolto all’altra parte. Ma dopo pochi anni la Sagra era già un capolavoro freneticamente applaudito ad ogni esecuzione. I brani di Respighi e Stravinskij saranno eseguiti nelle versioni per pianoforte a quattro mani realizzate dagli autori stessi.

Michelangelo Carbonara, nato a Salerno nel 1979, ha vinto 17 premi in concorsi internazionali, ha suonato a Pechino e New York e in altre città cinesi e americane, così come in Francia, Svizzera, Germania, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Croazia, Romania, Malta, Corea del Sud, Giappone, Canada, Brasile, Argentina, Cile e Uruguay. Ha inciso per Tactus, Suonare Records, Brilliant Classics.

Giuliana Soccia, nata a Latina, è pianista, compositrice, arrangiatore e direttore d’orchestra. Ha conseguito numerosi premi e riconoscimenti sia come strumentista che compositrice, è stata premiata in vari concorsi pianistici, ha realizzato numerosi lavori discografici come solista e compositrice nella popular music e nel jazz. Come pianista si esibisce in importanti festival e teatri, tra cui Teatro San Carlo di Napoli, Teatro dell’Opera di Ankara, Experimental Theatre dell’NCPA Mumbai, Queen’s Hall di Edinburgh, Sesc Campinas Saõ Paulo, IIC di Marsiglia e di Addis Abeba, Auditorium Parco della Musica di Roma, Sala Verdi di Milano, Teatro Menotti di Spoleto, Teatro Lirico G.Verdi di Trieste e tanti altri.

 Biglietti: intero € 12,00. Ridotto docenti, personale amministrativo e tecnico dell’Università € 8,00. Ridotto studenti € 5,00.