Romaeuropa, Fabrizio Ottaviucci interpreta Cornelius Cardew

Il pianista in concerto il 10 novembre al Mattatoio a Roma

249

Il compositore e pianista Fabrizio Ottaviucci torna al Romaeuropa Festival mercoledì 10 novembre al Mattatoio per proseguire il suo percorso intornoalla Treatise di Cornelius Cardew: una partitura grafica di 193 pagine realizzata tra il 1963 e il 1968 che stimola l’interprete a concepire idee e forme musicali nuove.

Quarto appuntamento di sei, il concerto è accompagnato dall’esecuzione di brani attinenti alle sperimentazioni di Cardew scelti dallo stesso compositore e musicista: se il concerto si apre con una selezione di “Stanze” del compositore e poeta Osvaldo Coluccino sarà l’esecuzione di Concetto Spaziale, attese, brano per Nastro e Piano Forte del musicista, compositore e direttore artistico Nicola Sani a chiudere questo nuovo percorso musicale.

Fabrizio Ottaviucci è conosciuto soprattutto per la sua attività di interprete nella musica contemporanea, per le sue prestigiose e durature collaborazioni con maestri del calibro di Markus Stockhausen e Stefano Scodanibbio, per le sue interpretazioni di Scelsi, Stockhausen, Cage, Riley, Curran. Diplomato in Pianoforte presso il Conservatorio di Pesaro, sotto la guida di Paola Mariotti, ha studiato Composizione e Musica Elettronica. Ha tenuto centinaia di concerti nelle maggiori città italiane e tedesche, tournée in Spagna, Austria, Inghilterra, Messico, Stati Uniti, Canada, Iran, India, Corea del sud. Ha collaborato con prestigiosi partner quali Rohan De Saram, Stefano Scodanibbio, Mike Svoboda, Markus Stockhausen, Daniele Roccato, Gianni Trovalusci, Antonio Caggiano. Ha studiato l’opera pianistica di Giacinto Scelsi con l’autore; ha eseguito prime assolute di Ivan Vandor, Fabrizio De Rossi Re, Gilberto Cappelli, Fernando Mencherini, Tonino Tesei e l’intera opera pianistica di Stefano Scodanibbio. Ha collaborato con Terry Riley partecipando ad esecuzioni dirette dal compositore e realizzando una versione inedita, pubblicata da Stradivarius, dei due Keyboard Studies e di Tread on the Trail (prima versione per pianoforte dell’opera). Ha collaborato intensamente dal 2011 al 2014 con la Societas Raffaello Sanzio. Nel campo dell’improvvisazione collabora dal 2017 con l’artista poeta Jim Dine. Attualmente è impegnato in un percorso intorno alla monumentale ‘opera grafica Treatise di Cornelius Cardew. Diversi concerti di Fabrizio Ottaviucci sono stati registrati e trasmessi da Rai Radio 3. Ha registrato per la Stradivarius e per la Wergo.Crediti

Osvaldo Coluccino
Stanza n.1
Stanza n.6

Cornelius Cardew
Treatise             /     pag  75-110
con la collaborazione elettronica di Narciso Arasce Ottaviucci

Nicola Sani
Concetto Spaziale, Attese per nastro e pianoforte

Fabrizio Ottaviucci

torna a Romaeuropa

con

Treatise (n.4) / Concetto Spaziale, Attese / Stanze n.1-6

di

Cornelius Cardew – Nicola Sani – Osvaldo Coluccino

Mercoledì 10 Novembre 2021 Mattatoio / Teatro 1

ore 21

Biglietto 12 euro