Il Messiah di Händel a Verona

Al Teatro Filarmonico di Verona venerdì 17 e sabato 18 dicembre.

471
Marie Lys, Sara Mingardo, Steve Davislim a Christian Senn sono i quattro solisti del grande oratorio in tre parti di Georg Friedrich Händel, che torna in tutto il suo splendore settecentesco dopo dieci anni esatti dall’ultima esecuzione al Teatro Filarmonico. Il M° Prandi, specialista del repertorio richiesto in tutto il mondo, guida l’Orchestra e il Coro preparato dal nuovo direttore. 

Ulisse Trabacchin è il nuovo Maestro del Coro della Fondazione Arena di Verona per il prossimo triennio. Veneziano, ha studiato pianoforte, organo e composizione organistica al Conservatorio Tartini di Trieste, dove si è brillantemente diplomato nel 1993. Maestro collaboratore e assistente presso i teatri di Treviso, Verona e presso La Fenice di Venezia, ha effettuato numerose tournée in Asia e in Europa. Musicista versatile, esperto e docente di arte organaria e didattica strumentale, la sua attività spazia dalla musica da camera alla coralità sacra e profana, dalla vocalità alla musica organistica, esibendosi in concerti solistici o in ensemble cameristici e orchestrali. 

Il cimento con il grande oratorio di Händel, contenente alcune delle pagine corali più celebri di sempre, giunge come propizio battesimo per il nuovo maestro, soprattutto perché a dirigere l’Orchestra e il Coro della Fondazione c’è uno dei massimi esperti di oggi del repertorio vocale e sacro del Settecento: Giulio Prandi, musicista, matematico, studioso, filologo e divulgatore, fondatore di Orchestra, Coro e Centro Studi Ghislieri, nonché direttore di prestigio, forte di importanti incisioni discografiche, tournée internazionali e riconoscimenti. A Verona è già stato sul podio dell’appuntamento lirico dedicato alla regina Didone lo scorso marzo, con la rara cantata di Jommelli e l’opera Dido and Aeneas di Purcell, con numerosi apprezzamenti da parte della critica nazionale: uno spettacolo trasmesso in streaming e ancora disponibile sulla webtv e i canali social della Fondazione Arena di Verona. 

Händel (1685-1759), coevo di Bach, Vivaldi e Scarlatti, si specializzò nella musica vocale sacra e profana fondendo le tradizioni luterana della madrepatria, l’opera e l’oratorio italiano a lungo frequentati fino alla stagione della maturità e infine la tradizione corale innodica inglese, sua terra adottiva a cui è tuttora legata la sua fama. Il primo esempio di grande oratorio inglese è proprio costituito dal Messiah, composto in poche settimane nel 1741 e revisionato a più riprese per un decennio. Il testo proviene interamente da passi biblici dell’Antico e del Nuovo Testamento, tradotti in inglese e solo in minima parte modificati, in una combinazione assolutamente originale creata da Charles Jennens. La prima parte annuncia con ponderata suspense l’avvento del Salvatore, culminando nell’episodio della Natività. La seconda e la terza parte, attraversando riferimenti e salmi sulla passione, morte e resurrezione di Cristo, culminano nell’annuncio della sua seconda e ultima venuta. 

Tra i momenti corali, giustamente famosi, si stagliano alcune delle arie melodicamente più felici del compositore di Halle: ad interpretarle sono chiamati alcuni dei più richiesti interpreti al mondo in questo repertorio. Fanno il loro debutto a Verona il soprano svizzero Marie Lys, vincitrice dei più prestigiosi concorsi vocali dedicati alla musica antica e al Belcanto, e il tenore australiano Steve Davislim, poliedrico artista votato anche alla musica del ‘900 e contemporanea, mentre fanno il loro graditissimo ritorno l’acclamato contralto veneziano Sara Mingardo e il baritono d’origine cilena ma italiano d’adozione Christian Senn, qui impegnato nelle pagine del basso. 

Ascoltare il più atteso cimento sinfonico-corale di Händel in forma pressoché integrale con raffinati interpreti al Teatro Filarmonico è un’occasione imperdibile nonché perfetta preparazione alle sorprese delle feste, culminanti con il Gala di San Silvestro con Josè Carreras il 31 dicembre, già in vendita. 

Tra la prima e la seconda parte del concerto è previsto un intervallo. La durata complessiva del programma musicale è di 120 minuti circa. 

Si ricorda che, a partire dal 6 dicembre 2021 e fino al 15 gennaio 2022, per accedere agli spettacoli in Teatro sarà obbligatorio esibire, insieme al biglietto, anche il green pass cosiddetto ‘rafforzato’ ovverossia di certificazione verde COVID-19 di avvenuta vaccinazione o di avvenuta guarigione (decreto-legge 26 novembre 2021, n. 172). Resta in vigore l’obbligo di indossare la mascherina chirurgica per tutta la durata dello spettacolo. Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina web   https://www.arena.it/it/teatro-filarmonico/info-covid. 

È possibile acquistare il proprio biglietto per lo spettacolo secondo le tariffe 2020, sia online che presso la Biglietteria centrale di via Dietro Anfiteatro. Nei giorni di spettacolo è inoltre attiva la Biglietteria di via Mutilati a partire da due ore prima dell’inizio del concerto.

 

Fondazione Arena è orgogliosa di riaprire allo spettacolo dal vivo e ringrazia gli sponsor ufficiali della Stagione Artistica 2021: Banco BPM e METINVEST. Banco BPM da dodici anni con il suo sostegno consente di offrire alla città occasioni di cultura e svago; sostenere la Fondazione Arena, significa infatti dare continuità alle proprie radici solidaristiche e promuovere la cultura in tutte le sue espressioni. Anche quest’anno ha scelto di essere al fianco di Fondazione Arena il gruppo METINVEST, multinazionale del settore minerario e dell’acciaio, che, attraverso la sua controllata Ferriera Valsider, sostiene la programmazione artistica del Teatro Filarmonico.

 

Biglietti e prezzi STAGIONE SINFONICA 2021: Posto unico numerato

INTERO € 26,00

RIDOTTO € 22,00

RIDOTTO OVER 65 € 17,00

RIDOTTO UNDER 30 € 10,00

I possessori di voucher relativi alla Stagione 2020 potranno riscattarli presso la Biglietteria centrale.

INFORMAZIONI:

Biglietteria Arena di Verona

Via Dietro Anfiteatro 6/b, 37121 Verona 

Tel. 045 596517 – Fax 045 8013287

Call center 045 8005151 – Punti di prevendita   Geticket

Orari

da lunedì a venerdì 10:30-16:00 

sabato 09:15-12:45

  biglietteria@arenadiverona.it   www.arena.it

Biglietteria Teatro Filarmonico 

Via dei Mutilati 4/k, 37121 Verona 

Tel. 045 8002880 – Fax 045 8013266 

Apertura due ore prima dello spettacolo

biglietteria@arenadiverona.itwww.arena.it

Punti di prevendita Geticket