“Traslazioni” è il nuovo disco di Alberto Nemo 

Esce a Natale il nuovo album del Cantautore di Rovigo.

277
Ispirato dalla traslazione della Santa Casa di Loreto 
In uscita anche la sua prima opera letteraria Nemusico, L’Incanto essenziale

E’ Translazioni  il nuovo disco del cantautore veneto Alberto Nemo pubblicato per il Natale 2021 

L’album prende spunto dalla traslazione della Santa Casa di Loreto riportata con un’immagine allegorica nella copertina realizzata dall’artista Mauro Mazziero.

Secondo la tradizione popolare, la casa dove ha vissuto la Sacra Famiglia è volata fino alla costa marchigiana dove si è depositata su un colle ricco di alberi di alloro.

Nel disco il tema della traslazione è uno degli elementi caratteristici dell’opera musicale di Alberto Nemo ed è maggiormente evidente nelle sue rivisitazioni. I brani che l’artista  rielabora vengono trasportati nello spazio celeste e poi adagiati in una dimensione amena dalla quale risaltano nella loro purezza. 

L’album contiene 9 tracce: quattro brani di musica essenziale tra cui “112527 Panarese” dedicato alla giornalista scientifica Rossella Panarese; una ballata della tradizione inglese con testo inedito “Canta con me (Scarborough Fair)”; la reinterpretazione di “Zitti e buoni” dei Maneskin; “Mudah” realizzato in collaborazione con Maurizio Maranto; “Vado”, l’ultimo brano, in collaborazione con la sassofonista inglese Chloe Cardin-Stewart.

Traslazioni è il sessantanovesimo disco di Nemo, famoso per la sua voce angelica e le sue composizioni con l’accordatura aurea, pubblicato da Mayday e distribuito da Mugellini Dischi, verrà stampato esclusivamente in vinile su ordinazione e la copertina di ogni singola copia verrà dipinta a mano da Mauro Mazziero.

Parallelamente Alberto Nemo ha pubblicato la sua prima opera letteraria 

Nemusico, L’Incanto essenziale,  stampata e distribuita da Arcana Edizioni, casa editrice musicale attiva dagli anni ’70 che annovera tra le sue pubblicazioni artisti del calibro di Allen Ginsberg e Jack Kerouac. 

In questo breve trattato sul suono e sul “corpo strumento” Nemo descrive con lucidità ed estrema sincerità il suo essere musica e l’impossibilità di rendere tutto questo trasmissibile attraverso un insegnamento.

Nell’incipit della prefazione si legge:

«Tutti i corpi suonano e risuonano ma, così come non tutti gli abeti diventano violini, anche per gli uomini c’è una storia che fa solo di alcuni uno strumento musicale».

È proprio questa storia che Alberto ha ricostruito ascoltandosi e mettendosi alla prova ogni giorno, facendosi male nelle grida di disappunto e accogliendo poi ogni minimo respiro.

Didì Gallese firma le illustrazioni che accompagnano quest’opera e sembra quasi che la grafite leggera del suo carboncino sia stata mossa dal “suono pensiero” di Nemo, come se la voce dell’artista  avesse alzato mulinelli di polvere nera che poi si è adagiata sulla carta.

Dalla lettura di queste pagine non s’impara qualcosa ma si scopre se siamo anche noi  quell’albero nel bosco che la natura ha fatto per riempire il silenzio.

La copertina del nuovo disco di Nemo Traslazioni realizzata dall’artista Mauro Mazziero