“Never Twenty One” la prima nazionale alla Triennale di Milano

Martedì 22 e mercoledì 23 marzo.

1214

Smaïl Kanouté FR/ML

Never Twenty One

 

Coreografia: Smaïl Kanouté

 interpretazione: Aston Bonaparte, Salomon Mpondo­Dicka, Smaïl Kanouté

 pittura corpo: Lorella Disez

 assistente alla coreografia: Moustapha Ziane

 scene, luci: Olivier Brichet

 suono: Paul Lajus

 direzione luci: Josselin Allaire

 costumi: Rachel Boa and Ornella Maris

produzione esecutiva: Compagnie Vivons

coproduzione: Les Ateliers Médicis, Espace 1789 – Scèneconventionnée danse, Les Rencontres Chorégraphiques Internationales de Seine Saint Denis, Le Centquatre, Théâtre de la Ville – Danse élargie 2020 – Fondation d’entreprise Hermès

con il sostegno di: Direction Régionale des Affaires Culturelles Ile de France, Région Ile de France Département de la Seine­Saint­Denis, Ville de Paris, Adami, Spedidam, Caisse des Dépôts

durata 60’

con il supporto della Fondazione Nuovi Mecenati – Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea 

prima italiana

 

Riprendendo l’hashtag #Never21 lanciato dal movimento Black Lives Matter, il lavoro di Smaïl Kanouté – danzatore e coreografo franco-maliano rivelazione della scena transalpina, per la prima volta in Italia – ricorda le vittime della violenza da arma da fuoco a New York, Rio de Janeiro o Johannesburg.

Giovani che non compiranno mai 21 anni: il numero diventa simbolo di queste vite rubate. Coperti di graffiti, i corpi di Aston Bonaparte, Salomon Mpondo­Dicka e dello stesso autore incarnano sulla scena le parole delle vittime e delle loro famiglie, in un’atmosfera urbana infusa di sciamanesimo. Il poliedrico artista modula energie diverse per evocare la presenza invisibile di giovani le cui vite sono state bruscamente interrotte.

In occasione della presenza di Kanouté a Milano, FOG dedica uno speciale approfondimento al suo lavoro lunedì 21 marzo dalle ore 18.00 all’Institut français di Milano presentando in prima italiana tre suoi cortometraggi sul tema del colonialismo e della persistenza di riti ancestrali come affermazione identitaria: Yasuke Kurosan (2020), diretto con Abdou Diouri, ritrae la vita di uno schiavo africano che, approdato in Giappone alla fine del 500, viene elevato al rango di samurai; Never Twenty One (2019-20), diretto con l’ex-collettivo Racine, rende omaggio alle giovani vittime della violenza armata in America, le cui vite sono state rubate prematuramente; So Ava (2021), diretto con Henri Coutant, traccia il percorso degli schiavi che, attraverso il loro esilio forzato, hanno disseminato credenze e riti in tutto il mondo. L’ingresso alle proiezioni è libero previa prenotazione obbligatoria a questo link (o andando su https://triennale.org/whats-on).

Sempre all’interno del Public Program di FOG, mercoledì 23 marzo alle ore 14.00 è in programma un workshop gratuito condotto da Aston Bonaparte, danzatore della compagnia, volto ad affrontare i fondamentali del popping, stile di danza funk e hip hop: tecniche di controllo del corpo, contrazione e rilassamento dei muscoli in ritmo, tecniche di isolamento e mobilità delle articolazioni, così come i movimenti in un approccio di trascrizione e interpretazione musicale. Iscrizioni a questo link (o andando su https://triennale.org/eventi/workshop-con-aston-bonaparte).

Smaïl Kanouté ha studiato grafica e successivamente ha imparato a danzare sulle strade francesi, brasiliane, maliane ed europee. Fondendo la danza con l’arte visiva, il suo lavoro coreografico diventa un dipinto di motivi che si muovono nello spazio. Raccogliendo storie da tutto il mondo e raccontando realtà sociali, la sua arte si ispira a diverse influenze artistiche e multiculturali. Attraverso il suo lavoro, invita il pubblico a intraprendere un viaggio di scoperta di sé stessi, condividendo la sua visione di bellezza e umanità. Kanouté vive e lavora a Parigi, dove ha fondato la compagnia Vivons. I suoi ultimi lavori indagano – utilizzando diversi linguaggi – il tema del colonialismo e della persistenza di riti ancestrali come affermazione identitaria.

 

 

 

 

INFO

 Prezzi

16 euro (intero) – 11 euro (under 30/over 65/gruppi) – 8 euro (studenti)

 

 

Biglietteria

02 72434208/239

e-mail biglietteria@triennale.org

I biglietti si possono acquistare sui siti https://triennale.org e https://www.vivaticket.com/it/venue/triennale-milano/11034050 oppure presso i punti vendita Vivaticket e la biglietteria di Triennale Milano.

Nei giorni di programmazione la biglietteria resta aperta fino all’inizio dello spettacolo.

 

Abbonamenti

FOG 1+1=3
Acquista i biglietti per due spettacoli e ricevi in omaggio un biglietto per un terzo spettacolo a scelta.
44 euro: intero
34 euro: ridotto under 30 / over 65
24 euro: ridotto studenti

FOG Seven
L’abbonamento consente di acquistare il biglietto per 7 spettacoli a scelta.
94 euro: intero
77 euro: ridotto under 30 / over 65
50 euro: ridotto studenti

FOG Ten
L’abbonamento consente di acquistare il biglietto per 10 spettacoli a scelta.
120 euro: intero
100 euro: ridotto under 30 / over 65
80 euro: ridotto studenti

 

PROMOZIONI

Spettacolo + mostra in Triennale Milano

Acquistando un biglietto per uno degli spettacoli inseriti nel programma della stagione hai diritto all’ingresso ridotto per le mostre in Triennale Milano e viceversa. Promozione valida entro 30 giorni dall’acquisto del biglietto e applicabile ai titoli d’ingresso delle singole mostre.

 

 

CONVENZIONI


Per conoscere tutte le convenzioni attive per la stagione teatrale di Triennale Milano, visita il sito https://triennale.org

Triennale Milano Teatro è convenzionato con LEDHA e applica tariffe ridotte a persone con disabilità. È anche convenzionato con 18app e Carta del Docente. Tutte le informazioni sui siti https://www.18app.italia.it/#!/thttps://cartadeldocente.istruzione.it/#/.