Entre chien et loup – Festival “Presente indicativo” Milano

18 maggio - 20 maggio 2022 - Teatro Strehler Uno spettacolo che seziona le sorgenti della violenza sociale trasformando la vita in scena in un laboratorio umano

259

C’è ancora tempo per fermarsi? Possiamo ancora cambiare? Questa sono le domande che Christiane Jatahy stimola nel pubblico, attraverso la messa in scena di una collettività che ci permette di riflettere sul tema dell’accoglienza de “l’Altro”.

18 maggio – 20 maggio 2022
Piccolo Teatro Strehler

Ispirato a Dogville, il film di Lars Von Trier uscito nel 2003, lo spettacolo di Christiane Jatahy mette in scena una nuova collettività, con lo scopo di studiare come oggi, nel 2022, in Europa si accolga il cosiddetto “Altro”. Entre chien et loup (premiato al Festival di Avignone nel 2021) è la prima parte della “Trilogia degli orrori”, e racconta la storia della giovane Graça che, fuggendo da una dittatura latinoamericana, trova accoglienza in una piccola comunità di “gente per bene”. Il suo arrivo però ben presto polarizzerà i sentimenti verso di lei, facendo scaturire gelosie e frustrazioni che renderanno i cittadini complici di un malsano ingranaggio. La vita in scena diventa così un vero e proprio laboratorio umano, un luogo immaginario che si avvicina terribilmente alla realtà. Come in Lars von Trier, assistiamo a torture psicologiche, ricatti, diffidenza paranoica, fino ad arrivare alla violenza fisica. La regista, sezionando le sorgenti della violenza sociale, ci porta così a domandarci se ci sia ancora tempo per fermarsi a riflettere e per cambiare.
Durata: 120′ senza intervallo