Teatro dell’Opera di Roma, Notre-Dame de Paris di Petit per Torniamo a Caracalla

Il capolavoro di Petit con Susanna Salvi nel ruolo di Esmeralda. Dal 21 luglio al 3 agosto in scena alle Terme di Caracalla

1546

Susanna Salvi è Esmeralda in Notre-Dame de Paris, balletto in due atti dall’omonimo romanzo di Victor Hugo, capolavoro di Roland Petit, in scena dal 21 luglio, poi per tre repliche fino al 3 agosto, per Torniamo a Caracalla, la stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma.
La Salvi torna in scena proprio nel ruolo con cui è stata nominata étoile del Teatro dell’Opera di Roma lo scorso 17 settembre 2021 in occasione della straordinaria preapertura di stagione 2021/2022 al Costanzi che sta segnato il debutto del capolavoro di Petit nella Capitale con il Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma diretto da Eleonora Abbagnato, ripreso da Luigi Bonino Direttore Artistico del Repertorio Roland Petit.
Notre-Dame debutta ora nei monumentali spazi delle Terme di Caracalla sempre nell’allestimento dell’Opéra National de Bordeaux e Opéra de Paris della prima assoluta del 1965, con i bellissimi costumi originali creati dal couturier Yves Saint Laurent in contrasto con le severe e monumentali scene di René Allio e le luci di Jean-Michel Désiré.
Racconta una bella e grande storia – commentava Petit a proposito del suo Notre-Dame de Paris – Deliberatamente ne ho espunto l’aneddoto e la pantomima: mi auguro che svanisca il medioevo alla Viollet-le-Duc e che, per lo spettatore, resti soltanto la tensione tragica del capolavoro di Victor Hugo”.
Il balletto di Petit è straordinario nell’attualizzare la nota storia della gitana Esmeralda, contesa da Phoebus, l’arciprete Frollo e il deforme campanaro Quasimodo: il coreografo racconta di un mondo popolato da individui esclusi, per un motivo o per un altro, dalla società.
Oltre al Corpo di Ballo, vero protagonista dell’opera nel ruolo del popolo francese che rappresenta il reale collante per i protagonisti della vicenda, accanto a Susanna Salvi si alterneranno il 21 e 22 luglio l’ospite Bakhtiyar Adamzhan, Principal Dancer dell’Astana Opera (Quasimodo), Giacomo Castellana (Phoebus) e Alessio Rezza (Frollo), che torna in scena per la prima volta da étoile dopo la nomina dello scorso maggio al termine de Il Corsaro;
In scena il 27 luglio e il 3 agosto ci saranno Michele Satriano (Quasimodo), ancora nel ruolo che gli ha regalato la nomina a primo ballerino della Fondazione Capitolina il 17 settembre 2021, Simone Agrò (Phoebus) e il primo ballerino Claudio Cocino (Frollo).
La musica incalzante è di Maurice Jarre, tre volte premio Oscar per le musiche dei film Lawrence d’Arabia (1962), Il dottor Zivago (1965) e Passaggio in India (1984): su base registrata, è stata eseguita dall’Orchestra e dal Coro del Teatro dell’Opera di Roma nel concerto del 17 marzo 2021 diretto dal maestro Kevin Rhodes durante la chiusura al pubblico e poi trasmesso in diretta su Rai Radio3.
Dopo la “prima” di giovedì 21 luglio, Notre-Dame de Paris torna in scena venerdì 22, mercoledì 27 luglio e mercoledì 3 agosto. Tutti gli spettacoli cominciano alle ore 21.00. Biglietti in vendita su operaroma.it e presso la Biglietteria del Teatro in Piazza Beniamino Gigli, solo nei giorni di spettacolo e per la recita della stessa sera, al botteghino delle Terme di Caracalla dalle 19.30. Info e dettagli su operaroma.it

Fabiana Raponi