12 C
Firenze, IT
sabato 23 settembre 2017

Opera di Firenze

Piazza Vittorio Gui, 1
Firenze
Tel.: 055/2779309
Mail: promozioneculturale@maggiofiorentino.com

L’inaugurazione è avvenuta il 21 dicembre 2011 con la Nona sinfonia di Beethoven diretta dal maestro Zubin Mehta. In seguito l’edificio fu chiuso per consentire, grazie a finanziamenti aggiuntivi, la realizzazione della macchina scenica. In corso d’opera i costi di realizzazione sono notevolmente lievitati (oltre 260 milioni di euro).
L’Opera di Firenze sostituisce il precedente e poco distante Teatro comunale, dismesso nel 2014. Il teatro lirico è stato inaugurato, in assetto concertistico, il 21 dicembre 2011, in occasione del termine dei lavori di realizzazione di tutte le volumetrie architettoniche. Il progetto è firmato dallo studio ABDR Maria Laura Arlotti, Michele Beccu, Paolo Desideri, Filippo Raimondo[2], la consulenza scenotecnica e multimediale da Enrico Moretti e Maria Cairoli (Biobyte) e realizzato dall’Impresa SAC in 23 mesi di cantierizzazione.

Sala
Con il Gala di apertura del 10 maggio 2014 la struttura è stata definitivamente aperta al pubblico insieme alla piazza antistante, intitolata a Vittorio Gui, fondatore della Stabile Orchestrale Fiorentina.
Il primo cartellone completo delle opere riguarda la stagione operistica 2014-2015 che è iniziata il 25 settembre con Il Campiello (Wolf-Ferrari) con Luca Canonici[3].

Cartellone: http://www.operadifirenze.it/stagione/stagione-2016-17/

Eventi in Programma

No events

I nostri amici

Film/Cinema

INTERVISTE

A colloquio con Mattia Berto – 5 giugno 2017

È un pomeriggio d’inizio estate. Ho appuntamento a Venezia al Teatrino Groggia per incontrare una delle figure più poliedriche nel panorama veneziano dello spettacolo,...

Intervista a Daniele Petricciuolo, la vita di uno yogi moderno

Intervista a cura di Michele Olivieri

Intervista a Gabriele Vacis

Intervista a cura di Francesco Roma

Due chiacchiere con Raphael Gualazzi ospite di Kilowatt Festival

Intervista a cura di Erika Di Bennardo

Leonardo Manetti, un artista tra terra e poesia

Intervista a cura di Emanuele Martinuzzi