-0.8 C
Firenze, IT
lunedì 19 febbraio 2018

Sala Umberto- Roma

Via della Mercede,50
Roma
Tel.:  06.6794753
Mail: prenotazioni@salaumberto.com

Il Teatro Sala Umberto, progettato dall’Arch. Andrea Busiri Vici con decorazioni del rinomato scenografo Alessandro Bazzani, inaugura nel 1882 come sala concerto con il nome di Teatro della Piccola Borsa.

Nel 1890 l’intervento dell’Arch. Giulio Podesti amplia la capienza della sala a 650 posti e intorno al 1900 è ridenominata con il nome attuale. Nel 1906 viene anche adibita a Cinemofono. Dopo il debutto di Petrolini il 25 maggio 1911, furono eseguite una serie di sistemazioni della sala in occasione dell’Esposizione Universale per i 50 anni dall’Unità d’Italia, ad opera di Attilio Spaccarelli e Arnaldo Foschini, che terminarono nel 1913. Nel 1928 fu ulteriormente ristrutturato, dotato di un ampio palcoscenico con boccascena di 12 metri e di moderne attrezzature per la proiezione di film.

Nella sua storia artistica si distingue tra gli anni Dieci e Quaranta come Tempio del Varietà e della Rivista italiana. Calcano il suo palcoscenico Ettore Petrolini, Raffaele Viviani, Nicola Maldacea, Totò, Aldo Fabrizi, i fratelli De Filippo, Anna Fougez, Odoardo Spadaro, i fratelli De Rege, Lydia Johnson, Riviera Five, Renato Rascel, Rossano Brazzi, i tre fratelli Bonos, Cuttica, Alfredo Bambi, i fratelli De Vico, Michele Galdieri, la compagnia Isa Lysette, Libero Bovio, Anna Magnani e Walter Chiari. Negli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, la Sala Umberto viene destinata ad attività cinematografica. Nel 1980 viene completamente ristrutturata e nel 1981 torna a essere un teatro a tutti gli effetti. La prima stagione diretta da Luigi Longobardi viene inaugurata dal grande Domenico Modugno in L’uomo che incontrò se stesso di Luigi Antonelli, con la regia di Edmo Fenoglio. Dal 1983 al 1991 la programmazione artistica viene assunta dall’ETI (Ente Teatrale Italiano) guidato dallo stimato Bruno D’Alessandro. Dal 1991 al 2001 la struttura torna a essere un cinema d’essai programmato dall’Istituto Luce, e in seguito da Medusa.

Nel settembre 2002, dopo un’ulteriore ristrutturazione, riprende la sua attività teatrale sotto la direzione artistica di Alessandro Longobardi che inaugura la stagione con lo spettacolo di Maddalena Crippa in Femmine fatali, ideato e diretto da Peter Stein, e apporta alle stagioni di prosa una serie di iniziative parallele tra cui: l’apertura di un’intensa attività di formazione con il Teatro Ragazzi diretto da Livia Clementi, alcuni progetti culturali che vanno dal teatro contemporaneo alla danza, dai recital ai concerti e l’apertura del sUeat, uno spazio dedicato alla ristorazione.

È anche grazie a questa complessità di iniziative che la Sala Umberto è ormai una realtà consolidata nel panorma dei teatri romani, sia per quanto riguarda la qualità degli spettacoli sia in termini di grande affluenza di pubblico, che con la sua presenza conferma in modo positivo le scelte fatte in questa direzione.

Cartellone: http://www.salaumberto.com/stagione/stagione-teatrale-2016-2017.html

Eventi consigliati dalla Redazione

No events

I nostri amici

Articoli/Recensioni

Il vero Colpo di Scena

A inizio anno la Casa Teatro Ragazzi e Giovani di Torino ha presentato al mondo la sua ultima e spiazzante produzione: la web-serie Colpo...

Prigionia di Alekos

In scena fino al 18 febbraio 2018 al Teatro Niccolini, Firenze

The Winter’s tale

Andato in scena il 13 febbraio 2018 alla Royal Opera House, Londra

Accademia di Santa Cecilia, Leonard Bernstein at 100

L’integrale delle Sinfonie, la mostra e West Side Story: l’omaggio di Santa Cecilia a Lenny Bernstein per il centenario della nascita, il 15, 16, 17 e il 22, 23, 24 febbraio a Roma

Made in Italy

Dopo vent'anni da "Radiofreccia", Luciano Ligabue torna alla regia cinematografica. Protagonisti del suo nuovo film Stefano Accorsi e Kasia Smutniak

INTERVISTE

Intervista: il tenore Celso Albelo torna a Firenze con “La Favorite”...

So che hai studiato storia dell’arte e questa è l’ennesima collaborazione con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, ormai quindi conosci bene Firenze, hai qualche...

Hugolini: una scintilla musicale tra immaginario e realtà

Ecco una bella intervista al musicista e cantautore fiorentino già noto al pubblico appassionato del genere folk pop per la sua carriera con il gruppo Martinicca Boison. Intervista a cura di Costanza Bruscella

Film/Cinema