12 C
Firenze, IT
sabato 23 settembre 2017

Salone Margherita – Roma

Via dei due macelli, 75
Roma
Tel.: 06/6791439 06/6798269 fax: 06/48976294
Mail: info@salonemargherita.com promozione@salonemargherita.com

Il Salone Margherita viene inaugurato a Roma nel 1898, inizialmente sotto il nome di teatro delle varietà, nome presto modificato in Salone Margherita, in omaggio alla Regina Margherita di Savoia. Nasce come café chantant, luogo riservato in cui consumare una cena assistendo ad uno spettacolo di varietà. È l’unico teatro dotato di cucine sin dalla sua fondazione.

Accogliente ed elegante, in ogni angolo vi si respira una seducente e calda atmosfera teatrale.

Vera e propria quinta naturale per un affascinante viaggio nel tempo e nelle arti, il Salone è stato ristrutturato nel 2014, riportando agli antichi splendori i prestigiosi palchetti, le barcacce e le affascinanti salette Belle Epoque che lo abbracciano.

Tra velluti e stucchi, cristalli, vetri dipinti a mano e ferri battuti dorati, il Salone Margherita si propone oggi non solo come teatro, ma come un vero e proprio club, un salotto in cui vivere al meglio le emozioni del palcoscenico.

In omaggio al rinnovato concept di cafè chantant 2.0 ogni spettacolo viene accompagnato da una cena degustazione esclusiva ed intima a lume di candela, servita nei dodici palchi privati al piano superiore.

Cartellone: http://www.salonemargherita.com/?post_type=spettacoli

Eventi in Programma

No events

I nostri amici

Film/Cinema

INTERVISTE

A colloquio con Mattia Berto – 5 giugno 2017

È un pomeriggio d’inizio estate. Ho appuntamento a Venezia al Teatrino Groggia per incontrare una delle figure più poliedriche nel panorama veneziano dello spettacolo,...

Intervista a Daniele Petricciuolo, la vita di uno yogi moderno

Intervista a cura di Michele Olivieri

Intervista a Gabriele Vacis

Intervista a cura di Francesco Roma

Due chiacchiere con Raphael Gualazzi ospite di Kilowatt Festival

Intervista a cura di Erika Di Bennardo

Leonardo Manetti, un artista tra terra e poesia

Intervista a cura di Emanuele Martinuzzi