14 C
Firenze, IT
martedì 23 gennaio 2018

Teatro di Cestello – Firenze

Piazza di Cestello, 4
Firenze
Tel.: 055 294609
Mail: prenotazioni@teatrocestello.it

Sito ufficiale: www.teatrodicestello.it

Nato agli inizi del secolo scorso come piccola sala parrocchiale e chiuso durante la guerra, riaprirà solamente alla fine degli anni cinquanta con la sala ingrandita e dotata all’epoca di confortevoli poltroncine in metallo e legno, tuttora esistenti come reperti nel foyer del teatro. Riaperto per dare spazio alle compagnie di teatro vernacolare del quartiere, viene devastato durante l’alluvione del 1966 e rimarrà chiuso per quasi 20 anni. Nel 1985, per volontà di Vittorio Nardini, riapre sotto la direzione di Valentino Signori, e dal 2008 si rinnova completamente negli arredi di sala e del foyer. Oggi dispone di 140 comode e moderne poltroncine imbottite. I lavori di restaturo sono stati curati e portanti avanti dai volontari della stessa Compagnia Cenacolo di Giovani che ne gestisce la programmazione.
Questo piccolo teatro è l’unico teatro stabile del quartiere Oltrarno (e tra i pochi stabili di Firenze). Deve parte della sua notorietà alla cura e salvaguardia del teatro fiorentino di tradizione. Gestito oggi dalla compagnia teatrale Cenacolo dei Giovani , il teatro riprende la sua forza artistica tra l’inizio e la fine degli anni novanta, sotto la direzione dello scomparso drammaturgo e regista Oreste Pelagatti e della compagnia “Cenacolo delle follie”, di cui l’attuale gestione è diretta erede. La sala ospita ancora e regolarmente spettacoli la cui creazione e produzione è curata dalla compagnia di cui è direttore artistico Marcello Ancillotti. Tra le produzioni figura un’attenta ricerca sui classici della tradizionale drammaturgia fiorentina, sui quali viene fatto un lavoro di riscoperta e valorizzazione, attraverso anche una ripulitura filologica di copioni che a volte sono impoveriti da trite sovrascritture stratificatesi nel tempo. Parte significativa della programmazione è comunque dedicate a opere in lingua, scelte sia nel repertorio classico che contemporaneo, con incursioni nell’avanspettacolo, rivista e altre forme di spettacolo che per vari motivi tendono a scomparire. Il Teatro di Cestello che in passato ha ospitato produzioni in lingua inglese della Florence International Theatre Company, è oggi aperto a ospitalità significative di compagnie e artisti professionisti della scena nazionale italiana, nonché a concerti e rassegne cinematografiche.
Nel 1999 presso il Teatro di Cestello diretta da Manuelita Baylon e Remo Masini nasce la prima Scuola di teatro fiorentino della città frequentata con molto successo dagli amatori del genere, poi negli anni seguenti altri corsi troveranno ospitalità presso il teatro, come quello di Teatro per bambini, l’Officina permanente di Commedia dell’ Arte o il Laboratorio di Teatro Nuvole in Viaggio.
Questo variegato programma fa del Teatro di Cestello un punto di riferimento culturale molto attivo per tutta l’area di San Frediano e per la stessa città. Ha fatto da esempio e scuola negli ultimi vent’anni per il teatro in lingua fiorentina. Il Teatro di Cestello è socio fondatore dell’associazione di categoria Firenze dei Teatri.

Cartellone: www.teatrodicestello.it

Eventi consigliati dalla Redazione

No events

I nostri amici

Articoli/Recensioni

Teatro dell’Opera di Roma, “Soirée Française” con Suite en Blanc e...

La danza pura di Suite en blanc, uno dei più balletti più belli di Serge Lifar e l'energia fisica Pink Floyd Ballet del balletto...

Teatro Argentina, “Il nome della rosa” di Umberto Eco

Il capolavoro di Eco a teatro nella versione di Stefano Massini con la regia di Leo Muscato. Dal 23 gennaio al 4 febbraio a Roma

Michele Olivieri intervista RICCARDO BUSCARINI

Intervista esclusiva a Riccardo Buscarini, coreografo vincitore di numerosi premi in Italia e all’estero. Candidato con la creazione SILK a due nomination per la Golden Mask di Mosca (miglior produzione e migliore coreografo) che si svolgerà il 14 aprile al Nuovo Bolshoi di Mosca

Tristan und Isolde

Il 18, 22, 25, 30 gennaio; 4, 7, 10, 14 febbraio al Stopera, Amsterdam

IUC, Fazil Say suona Chopin, Beethoven (e Say)

Il ritorno del pianista turco nella Capitale con l’Appassionata di Beethoven e la prima italiana di sua composizione dedicata ad Atatürk. Il 23 gennaio alle 20.30 a Roma

INTERVISTE

Michele Olivieri intervista RICCARDO BUSCARINI

Coreografo vincitore di numerosi premi in Italia e all’estero, Riccardo Buscarini (Piacenza, 1985) è un artista che si concentra sul cambiamento costante del suo...

Tra la scuola di teatro e il teatro a scuola

Il Direttore Artistico della Casa Teatro Ragazzi di Torino, Graziano Melano, intervistato sul teatro, la formazione e l'infanzia

Film/Cinema