Antonella Ruggiero a Etruria EcoFestival

0
285
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Etruria EcoFestival presenta lunedi 13 agosto al Parco della Legnara di Cerveteri, una raffinata interprete della canzone italiana: Antonella Ruggiero in Trio con Fabio Zeppetella alla chitarra e Ramberto Ciammarughi al pianoforte. Il repertorio presentato spazierà fra le canzoni di alcuni paesi del mondo, in un periodo che va dagli anni ’30 agli anni’50, in pratica il ventennio a cavallo della seconda guerra mondiale. Dal musical di Broadway (in inglese): Over The Rainbow, Summertime, Tonight, Caravan. Dal fado portoghese (in portoghese): Coimbra. Dal tango argentino (in spagnolo): Nostalgias, Vuelvo  Al Sur. Dal repertorio cubano: Perfidia, Amapola. Dalla canzone francese (in italiano): Le Foglie Morte. Della canzone italiana tra le due guerre, Tornerai. Dalla canzone dialettale sull’emigrazione italiana del ‘900, Santa Lucia Lontana e Ma Se Ghe Pensu. Dal  suo repertorio, Vacanze Romane, Amore Lontanissimo, Echi D’Infinito, Ti Sento, Aria Sulla IV Corda. Antonella Ruggiero è la voce indimenticabile che ha fondato e reso famosi i Matia Bazar in Italia e nel mondo. Nell’ottobre del 1989 decide di abbandonare il gruppo e le scene per dedicarsi ai suoi interessi umani ed artistici, dedicando molto tempo ai viaggi, durante i quali ha l’occasione di sperimentare diversi modi di fare e intendere la musica. Con Libera, il suo primo album da solista, pubblicato nel 2006 e registrato fra l’India el’Italia, Antonella Ruggiero si presenta al pubblico innovata: il disco è uno straordinario connubio tra ritmiche occidentali e suoni dell’antico Oriente, frutto di sperimentazioni musicali e di continua ricerca. L’interesse per i nuovi orizzonti sonori proposti dalle giovani band italiane, spinge Antonella e il suo produttore Roberto Colombo, a realizzare nel 1997 registrazioni moderne, un disco dove le canzoni dei Matia Bazar sono riproposte in un diverso contesto musicale. Il 1998 è l’anno di Amore lontanissimo, con cui ottiene l’ovazione della critica e il secondo posto al festival di Sanremo. Nel 1999 Antonella torna a sanremo con un nuovo brano, Non ti dimentico, che apre le porte al successivo lavoro da solista, Sospesa, con due partecipazioni illustri: il maestro Ennio Morricone che firma And will you love me. La curiosità di Antonella per la varietà del “linguaggio” musicale  la vede impegnata, durante il 2000, in un lungo tour dedicato alla musica sacra. Questa esperienza culminerà nella pubblicazione nel novembre del 2001 di Luna crescente [sacrarmonia] dove Antonella affronta per la prima volta il repertorio di musica sacra del mondo. Questi concerti si sono susseguiti per tutto il decennio e ancora oggi vengono realizzati con formazioni diverse e orchestre sinfoniche, in manifestazioni e rassegne dedicate alla musica sacra come il festival di Fes in Marocco. Nel 2002 ripropone in chiave “classica” i temi più importanti dei musical di Broadway (Gershwin, Porter, Bernstein ecc.). Sempre nel 2002, Antonella Ruggiero è protagonista, al teatro La Fenice di Venezia, accompagnata dall’orchestra e dal coro del teatro La Fenice, di “Medea”, opera video in tre parti con musica di adriano guarnieri, uno dei più significativi compositori contemporanei viventi. Ispirata all’omonima tragedia di Euripide, quest’opera-video (per sequenze video, soli, coro, orchestra e live electronics) è un lavoro complesso in cui si rompono i rigidi schemi della vocalità lirico-melodrammatica più legati alla tradizione. Sanremo 2003 vede Antonella Ruggiero tornare al mondo pop, con una canzone magistrale, Di un amore, parte dell’album Antonella Ruggiero. Sempre nel 2003 Antonella partecipa al festival Strade del cinema ad aosta con la sonorizzazione del film muto “broken blossoms” di d.w. griffith. questo lavoro porrà le basi per il futuro progetto discografico pomodoro genetico.nel 2004 esce un cd/dvd dal titolo “sacrarmonia / il viaggio” con  brani sacri dell’area cristiana e brani etnici di varie parti del mondo.nel 2005 antonella partecipa al festival di sanremo con il brano echi d’infinito, di mario venuti e kaballà, ottenendo il primo posto nella categoria “donne”, accompagnata dai virtuosi chitarristi maurizio colonna e frank gambale, con i quali realizza inoltre numerosi concerti.segue l’uscita del nuovo cd “big band”, contenente brani del latino america degli anni ’30 e canzoni dei cantautori degli anni 60 con gli arrangiamenti di davide di gregorio.nello stesso anno l’interesse per la ricerca musicale di antonella vede la realizzazione di altri due progetti molto particolari: un repertorio dedicato esclusivamente alla musica ebraica “lieder ebraici”, una serie di concerti iniziati nel 2004 che toccano location significative come la sinagoga di berlino nel settembre del 2006, in occasione della giornata della memoria; un altro repertorio legato ai canti della montagna “echi d’infinito i canti della montagna”, accompagnata da due cori trentini, ll coro di sant’ilario e il coro valle dei laghi, con i quali oltre alla realizzazione di numerosi live  e rassegne in alta quota, come “i suoni delle dolomiti”, realizza un significativo concerto al teatro strelher di milano nel novembre 2005.nel 2006 antonella partecipa alla realizzazione dello spettacolo-evento l’abitudine della luce ideato da marco goldin in occasione di una grande mostra dedicata agli impressionisti. il tour tocca i teatri di dieci città italiane dove antonella interpreta otto brani inediti di roberto colombo, contenuti nel cd l’abitudine della luce prodotto dallo stesso roberto colombo.a fine 2006 esce l’album, registrato dal vivo, “stralunato recital_live”, dove antonella rilegge, unitamente alle canzoni più rappresentative del suo repertorio, le più belle canzoni italiane (tenco, battisti) e internazionali (monk, cesaria evora, olshanetzky, ecc.) superando ogni divisione di genere ed epoca.nel marzo 2007 esce “souvenir d’italie”, progetto musicale incentrato sulle canzoni italiane composte dal 1915 al 1945. l’album contiene anche il brano canzone fra le guerrepresentato a san remo 2007, con una versione “a cappella” con il coro s. ilario e il coro valle dei laghi.nel giugno dello stesso anno la voce è antonella ruggiero è nuovamente “prestata” all’opera lirica in “pietra di diaspro”, scritta e musicata da adriano guarnieri. la prima assoluta viene rappresentata presso il teatro dell’opera di roma, con due successive repliche al teatro nazionale; “pietra di diaspro” – coproduzione tra il festival di mantova e il teatro dell’opera di roma.- verrà inoltre replicata altre due volte presso il palazzo de andrè di ravenna.nel novembre 2007 esce “genova, la superba”, in cui l’interprete genovese vuole rendere omaggio agli autori della sua città. una città così suggestiva non poteva che dare i natali ad alcuni dei più straordinari autori e musicisti italiani. i brani scelti, sono stati rivisitati con arrangiamenti che uniscono l’utilizzo dell’elettronica sperimentale alla sonorità naturale degli archi e alla morbidezza della sezione ritmica composta da basso, chitarra e batteria.ad ottobre 2008 esce “pomodoro genetico”, progetto di antonella ruggiero e roberto colombo, nel quale la musica elettronica è accompagnata dalle suggestive sonorità  di alcuni elementi dell’orchestra d’archi del maggio musicale fiorentino, arrangiati da francesco santucci e la video art di fabio massimo iaquone.nel 2009 esce il progetto discografico “cjantâ vilotis”, precedentemente preceduto dalla realizzazione di numerosi live: un’altra dimostrazione della curiosità musicale di antonella. il progetto che vede insieme a lei,  destràni taràf, marmar cuisine, loris vescovo e caia grimaz, è dedicato interamente alla lingua e alla cultura ladina.nel 2010 un nuovo progetto musicale “contemporanea tango” vede l’incontro diantonella con il repertorio del tango, musiche di a.piazzolla, c.gardel, a. ramirez, j.c. cobian, s. piana, alexiou/mckennit, l. demare  e  di autori contemporanei, accompagnata da hyperion ensamble, e dai ballerini argentini  patricia carrazco e pablo linares.un incontro che ci svela tutta l’altezza e la profondità di questa musica fatta di materia, di fuoco, di corpo, di canto. il progetto vede anche la realizzazione del cd live “contemporanea tango”.“i regali di natale” è il nuovo album di antonella ruggiero, in uscita nel mese di novembre 2010, prodotto da roberto colombo e interamente dedicato alla rilettura dei brani della tradizione natalizia nazionale e internazionale. la scelta del repertorio, proposto con modernità ed eleganza dalla voce di antonella, spazia dal medioevo al xx secolo, con brani in italiano, latino, ed un omaggio al dialetto sardo. L’album è interamente realizzato in studio ad eccezione di white christmas e stille nacht registrati dal vivo in occasione di due concerti tenuti nel dicembre 2009 a Betlemme e Gerusalemme.

 

INGRESSO GRATUITO

Per maggiori informazioni su EtruriaEcoFestival:

www.etruriaecofestival.it

infoline: 392.6673494

Prevendite biglietti: www.etruriaecofestival.it, circuiti ticketone, greenticket e geticket.

L’Etruria Eco Festival 2012 si terrà, come ogni anno, all’interno del “Parco della Legnara”.

tutte le informazioni per raggiungere EtruriaEcoFestival.

PARCO DELLA LEGNARA

Via Suor A.Landenberg snc, Cerveteri (RM) (ingresso principale)

Via A. Ricci snc, Cerveteri (RM) (ingresso secondario)

 

In automobile

Dal Grande Raccordo Anulare di Roma prendere l’Autostrada Roma-Civitavecchia (A12) e proseguire fino all’uscita di Cerveteri-Ladispoli. Una volta usciti dall’autostrada girare all’incrocio verso sinistra. Oppure da Roma prendere la SS1 Aurelia in direzione Grosseto ed uscire allo svincolo per Cerveteri. Entrare a Cerveteri e proseguite sulla Settevene Palo fino al semaforo e da lì seguire le indicazioni “EtruriaEcoFestival”.

In autobus

Autolinee CO.TRA.L. (fermata Cerveteri – P.zza Aldo Moro). Da Roma il capolinea dell’autobus è in zona Circ.ne Cornelia (per arrivare a Circ.ne Cornelia prendere la linea A della Metropolitana – fermata Cornelia. Il parco della Legnara è antistante a Piazza Aldo Moro.

In treno

F.S. Linea Roma-Civitavecchia. Scendere alla stazione di Marina di Cerveteri oppure di Cerveteri-Ladispoli. A questo punto si prende il taxi o l’autobus per Cerveteri. La fermata è a pochi metri dalla stazione. Per informazioni www.trenitalia.it.

In aereo

Dall’aeroporto di Fiumicino prendere il treno-navetta per la stazione ferroviaria di Roma-Termini. Qui prendere il treno che passa per Marina di Cerveteri. Una volta scesi dal treno seguire le indicazioni sovrastanti alla voce “In Treno”.

 

 

LEAVE A REPLY