2599 – Giuditta e Oloferne di Mario Chiarenza

0
280
Condividi TeatriOnline sui Social Network

L’apogeo della vendetta femminile sull’uomo. E della fede che guida la mano contro il tiranno. Il tema di “Giuditta e Oloferne” si trova al confine che separa il mito dalla storia. Tema ispiratore per centinaia di scritti, quadri e statue per i suoi intensi significati e la potenza della figura femminile in rivolta.

Mario Chiarenza,Psicologo, Psichiatra e Dottore in Lettere Classiche, prende spunto da un archetipo lo rielabora in un linguaggio di ardori e paure, un intreccio di amore e odio, uno scontro tra fisicità violenta e fluire occulto dei turbamenti dell’anima.

Giuditta vuole salvare la sua città dall’invasione decisa dal terribile generale Oloferne. Ella sa che è un valoroso soldato. Ma sa anche che è un uomo. Dell’uomo ha la fragile e indifesa arroganza, la baldanza dell’eroe che desidera annientare il nemico affrontandolo nella tragica solitudine che la gloria impone.

Affronterà la sua violenza senza armi, solo con la certezza di vincere. Ogni frase, ogni parola di Giuditta apre un varco nell’anima di Oloferne, e ne prepara la disfatta, perché le parole di Giuditta non sono anatemi e non minacciano condanne. Mentre Giuditta parla, offre il riposo, la quiete, la nostalgia; accarezza i più teneri desideri, e i sogni evocati dai fumi del vino e dai fantasmi dell’amore.

Silvia Guidi e Alessandro Riccioper la prima volta sulla scena assieme in una mise-en-espace nella quale mito e storia s’intrecciano, terreno ideale per il sorgere delle arti. Ancora Amore e Morte, eterna dialettica immune da banalità grazie alle sue infinite manifestazioni lungo il fluire del tempo.

2599” è un titolo criptico: l’anno prossimo, nel 2013, saranno trascorsi 26 secoli dal giorno in cui Nabucodonosor II conquistò Gerusalemme e deportò i suoi abitanti sulle rive dell’Eufrate. La storia di Betulia fa parte della stessa vicenda militare. Quindi siamo sulla vigilia di un grande evento.

 

 

Sant’Alessandro a Giogoli

Via di Sant’Alessandro, Scandicci (FI)

INGRESSO: € 10

INFO e PRENOTAZIONI

055.61.20.205 – 328.93.78.077

Casa di produzione TEDAVI ’98
Via Campana, 6
50135 Firenze
www.tedavi98.it

LEAVE A REPLY