“Bar”, Scimone Sframeli in scena a Torino

Andato in scena al Teatro bellArte di Torino il 14 aprile 2018

0
54
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Daniela Capalbo

Al Teatro bellArte di Torino va in scena “Bar”, uno spettacolo storico della Compagnia Scimone Sframeli, del 1997, ma ancora attuale, misurato, amaro e divertente. Spiro Scimone e Francesco Sframeli sono diventati un punto di riferimento per la nuova drammaturgia italiana con il loro dialetto messinese ed i testi tradotti in più di 10 paesi nel mondo e tournée internazionali continue. “Bar” spia i quattro giorni cruciali della vita di due uomini, il barista Nino e il disoccupato Petru,
nascosti nel retro di un bar, in attesa dei loro destino di perdenti, della svolta che non arriva mai. Per l’uno è il sogno di preparare gli aperitivi in un locale dove si suona musica americana, un posto di classe. Per l’altro quello di un lavoro stabile, che rimedi a quel suo vivere di espedienti. Ma il barista Nino deve intanto fare i conti con la convivenza di una madre oppressiva, che a ogni compleanno gli regala una sgargiante giacca da lavoro di un colore diverso. E il disoccupato Petru con un boss locale che lo taglieggia con pretese di doni, vuole anche l’orologio e gli ori di famiglia, e pretende tangenti sullo stipendio futuro. Lo spettacolo vive di attimi beckettiami, relazioni congelate e tempi reattivi vivi e concreti, fatti di un’atmosfera siciliana unica e commovente. La recitazione cantilenata, con viaggi d’intonazione tipici della provincia messinese, le costruzioni fisiche ingessate e precise di persone vere, ritratti viventi d’umanità strappate dai muri di una provincia che lotta per sogni forse irrealizzabili, ma per i quali lottare fino all’ultimo respiro. Uno spettacolo divertente, a tratti comico, altre crudo, ma sempre misurato sul filo della realtà e della rappresentazione per restituirci un teatro artigianale di grande profondità.

———-

BAR
di Spiro Scimone
interpreti: Francesco Sframeli e Spiro Scimone
regia: Valerio Binasco
scenografia e costumi: Titina Maselli
produzione: Compagnia Scimone Sframeli

LEAVE A REPLY