Viaggio al termine della notte

Andato in scena al Teatro Romano di Fiesole (FI) nell'ambito dell'Estate Fiesolana 2018

0
530
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Viaggio al termine della notteViaggio al termine della notte” è frutto della cooperazione tra l’attore Elio Germano e il musicista Teho Teardo. Non è un semplice spettacolo, ma un prodotto artistico complesso e molto sofisticato e questa complessità, nel senso positivo di serietà di intenti e di rievocazione di momenti sensibili, viene collocata in uno spazio scarno, il palco è pressoché vuoto, solo un tavolino per la scenografia. La musica riempie lo spazio, si erge in alto, fino al cielo stellato che predomina il Teatro Romano di Fiesole. La musica riempie ogni angolo, ogni spazio vuoto, i sensi dello spettatore. Qui la musica è potenza ipnotica realizzata grazie alla combinazione di tre archi, chitarra e live eletronics.

Il sodalizio tra i due artisti è iniziato nel 2012 e questo spettacolo è frutto di una rielaborazione continua che viene portata avanti da molti anni. Teardo ha composto le musiche, non di accompagnamento, ma “parola” viva che si interseca con quella di Elio Germano che porta in scena parti del romanzo “Viaggio al termine della notte” del grande scrittore novecentesco Louis-Ferdinand Céline. Questi descrive la sofferenza dell’uomo attraverso le sue esperienze personali che lo hanno costretto a vivere la Grande Guerra e il trauma della trincea nelle Fiandre. Ma anche le sue avventure; la sua fu una vita da ramingo nelle grandi città, abbandonò la famiglia, lavorò nella neo fondata Società delle Nazioni, andò a Detroit ad analizzare la condizione di vita degli operai della Ford e proprio grazie a questa esperienza scaturì una riflessione sull’alienazione del lavoratore causata dalla catena di montaggio. Nello spettacolo c’è tutto questo e al centro l’idea che l’uomo è soltanto una creatura fragile, indifesa, la cui vita viene manovrata dai pochi potenti della Terra: si sta in una galera e l’uomo rema per arricchire coloro che stanno al timone della nave.

Elio Germano, come in tutte le sue interpretazioni, riesce in modo magistrale a portarci il messaggio racchiuso nel romanzo di Céline, cattura lo spettatore senza dargli possibilità di perdersi ed uscire dalla narrazione.

Per info: www.estatefiesolana.it

LEAVE A REPLY