12 C
Firenze, IT
sabato 23 settembre 2017

Teatro Verdi – Pisa

Via Palestro, 40
Pisa
Tel.: 050/941111
Mail: info@teatrodipisa.pi.it pressoff@teatrodipisa.pi.it

Inaugurato nel 1867 (arch. Andrea Scala) e sottoposto, tra il 1985 e il 1989, a una capillare opera di conservazione, adeguamento e restauro (arch. Massimo Carmassi), il Teatro Verdi di Pisa è annoverato fra i più bei teatri storici dell’Italia centrale.
Dotato di 888 posti, suddivisi tra platea e cinque ordini di palchi, è corredato di efficienti servizi al pubblico e agli artisti, presenta ottime caratteristiche acustiche, vanta uno dei palcoscenici più grandi del nostro Paese ed è attrezzato secondo le più moderne tecnologie.
Il Teatro Verdi, già Regio Teatro Nuovo (fu intitolato a Giuseppe Verdi nel 1904, dopo la morte del compositore), si colloca al centro dell’ottocentesco sventramento attuato nel quartiere San Francesco, caratterizzato fino ad allora da un fitto tessuto medioevale. Fu eretto sia per l’inadeguatezza del settecentesco Teatro Rossi a fronte delle crescenti esigenze di pubblico che come simbolo del rinnovamento e del benessere economico della città. I lavori iniziarono nel 1867 dopo che un’apposita commissione aveva scelto su concorso il progetto dell’architetto Andrea Scala. In soli quindici mesi furono completate le opere murarie sotto la direzione dei lavori dell’arch. Andrea Scala, con il concorso dell’ing. Ranieri Simonelli. Di particolare pregio (oltre alle decorazioni della sala ad  opera dei modellatori Bernasconi e Quadri per gli stucchi e degli artisti Andreotti e Mancini per gli abbellimenti pittorici) l’affresco sul soffitto del Ridotto (oggi Sala “Titta Ruffo”) e il sipario storico, entrambi del forlivese Annibale Gatti: il primo raffigurante il Trionfo dell’Amore; il secondo Goldoni al Giardino Scotto di Pisa intento a leggere una sua commedia ai membri della Colonia Alfea.
Il Teatro ospita infine la Collezione Titta Ruffo: rimossi dalla collocazione originaria nel 1985, dal 1999 i preziosi costumi del celebre baritono, catalogati e restaurati, ed alcuni cimeli sono esposti nell’ampio corridoio della 2^ galleria.
Dal 1979 il Teatro Verdi, di proprietà pubblica, è gestito dall’Associazione Teatro di Pisa, trasformata nel 2002 in Fondazione.
Opened in 1867 (architect Andrea Scala) and subjected, between 1985 and 1989, for an extensive work of conservation, restoration and adaptation (architect Massimo Carmassi ), the Verdi Theater in Pisa is counted among the most beautiful historic theaters of central Italy. With 888 seats , divided between stalls and five tiers of boxes, is equipped with efficient services to the public and artists, has excellent acoustic characteristics , boasts one of the biggest stages of our country and is equipped with the most modern technologies. The Verdi Theater, formerly the Royal New Theater, is at the heart nineteenth gutting implemented in the district San Francesco, characterized by a dense medieval buildings.  In the Verdi Theater have particular value (in addition to the decorations of the hall at the hands of modelers Bernasconi and pictures for the stucco and artists Andreotti and Mancini pictorial embellishments ), the fresco on the ceiling of the Sala “Titta Ruffo” and the historical curtain , both of Annibale Gatti: the first depicting the Triumph of Love , and the Goldoni in the Garden “Scotto” in Pisa intent to read one of his plays to the members of the colony Alfea . The Theater also hosts the Titta Ruffo Collection : removed from the original location in 1985, since 1999 the precious costumes of the famous baritone, cataloged and restored , and some relics are displayed in the large hall of the 2nd gallery.
Since 1979, the Verdi Theatre , publicly owned, is run by the “Teatro di Pisa Association”, transformed in 2002 into “Teatro di Pisa Foundation” .

 

Eventi in Programma

No events

I nostri amici

Film/Cinema

INTERVISTE

A colloquio con Mattia Berto – 5 giugno 2017

È un pomeriggio d’inizio estate. Ho appuntamento a Venezia al Teatrino Groggia per incontrare una delle figure più poliedriche nel panorama veneziano dello spettacolo,...

Intervista a Daniele Petricciuolo, la vita di uno yogi moderno

Intervista a cura di Michele Olivieri

Intervista a Gabriele Vacis

Intervista a cura di Francesco Roma

Due chiacchiere con Raphael Gualazzi ospite di Kilowatt Festival

Intervista a cura di Erika Di Bennardo

Leonardo Manetti, un artista tra terra e poesia

Intervista a cura di Emanuele Martinuzzi