“Intese”:La Stagione 2011/2012 del Mancinelli di Orvieto

0
209
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Un ventaglio di appuntamenti tra testi classici,
autori contemporanei, danza, musical, cabaret


Carlo Giuffrè, Monica Guerritore, Silvio Orlando, Alba Rohrwacher, Elio Germano, Paola Gassman, Edoardo Siravo, Luciano Virgilio, Pamela Villoresi, Emma Dante, Toni Servillo sono solo alcuni dei protagonisti della Stagione Teatrale 2011/2012 del Teatro Mancinelli di Orvieto, presentata ufficialmente in conferenza stampa stamattina (23 settembre). Erano presenti il Sindaco di Orvieto Antonio Concina, il Presidente dell’Associazioe TeMa Marco Marino, Il Direttore Artistico del Teatro Mancinelli Enrico Paolini, il Direttore Artistico di ArTè Maurizio Panici, il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto.
Articolato in una ventina di appuntamenti, il cartellone, come sempre ricco e diversificato per andare incontro ai gusti del pubblico, porta come titolo “INTESE”.
La Stagione, che per eccellenza e varietà conferma il prestigio culturale del Mancinelli in un ambito non solo locale, è ancora più ricca grazie al nuovo organismo teatrale ArTè (formato dal Teatro Mancinelli e dalla Coop. Argot di Roma), recentemente riconosciuto dal Ministero come Teatro Stabile d’Innovazione. Il cartellone, con le sue accurate e particolari proposte, vedrà alternarsi sul palcoscenico un’ampia carrellata di nomi molto amati dal pubblico, protagonisti di allestimenti che spazieranno da testi classici ad autori  contemporanei, da divertenti commedie brillanti ad emozionanti registri drammatici, da grandi classici della danza  ad esilaranti appuntamenti di cabaret.
Dopo Madama Buttefly, anteprima della Stagione messa in scena dall’Orchestra e dal Coro del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto, l’apertura è affidata a Edipo, con Paola Gassman, Edoardo Siravo e la partecipazione straordinaria di Luciano Virgilio, mentre adattamento e regia sono firmati da Maurizio Panici. Presentato da Tuscia Film Fest, è poi ospite del Teatro Mancinelli Toni Servillo in Toni Servillo legge Napoli, un excursus attraverso gli scritti di poeti e grandi uomini di teatro in una lingua estremamente viva.
La Compagnia Attori & Tecnici porta in scena Trappola per topi, insuperabile giallo di Agatha Christie in cui si fondono ironia e suspence, mentre uno dei testi più divertenti e brillanti del Settecento francese, Il nipote di Rameau di Denis Diderot, ha come protagonista Silvio Orlando, già applaudito al Mancinelli in altri ruoli altrettanto interessanti.
Vincitore della Palma d’Oro al Festival di Cannes nel 2010, Elio Germano torna a calcare le scene con il monologo Thom Pain, finalista nel 2005 del Premio Pulitzer per la sezione Teatro.
Paola Gassman e Pietro Longhi sono gli interpreti di un intramontabile successo di umorismo raffinato e di sensualità discreta, Una dozzina di rose scarlatte, con la regia di Maurizio Panici.
Immancabile, la commedia napoletana di Eduardo De Filippo rivive invece in Questi fantasmi, interpretato e diretto dal grande Carlo Giuffrè, già tante volte applaudito al Mancinelli.
In cartellone anche le coppie artistiche Pamela Villoresi – David Sebasti interpreti di Medea, tragedia di Euripide messa in scena da Maurizio Panici, e Giampiero Ingrassia – Simona Samarelli protagonisti di Stanno suonando la nostra canzone, commedia musicale di Neil Simon diretta da Gianluca Guidi ed accompagnata dalle bellissime musiche di Hamlish.
A dare voce e corpo ad Oriana Fallaci in Mi chiedete di parlare è un’intensa Monica Guerritore (che ne firma anche testo e regia), interprete appassionata della forza, della rabbia e del dolore che hanno permeato la vita della Fallaci.
Un’altra intensa interpretazione è quella di Alba Rohrwacher in E’ stato così di Natalia Ginzburg – regia Valerio Binasco – il racconto di un amore disperato, la confessione dolorosa di una moglie che ha sopportato la relazione extraconiugale del marito.
Dopo anni di assenza, torna al Mancinelli Emma Dante con lo spettacolo da lei scritto e diretto La trilogia degli occhiali, composto da tre capitoli autonomi ma legati da temi comuni come la povertà, la malattia, la vecchiaia.
Per gli amanti della danza la Stagione propone il Ballet de Cuba in Havana de Hoy, il balletto classico Giselle nell’interpretazione della celebre e prestigiosa formazione Slovak National Theatre. Segue il Balletto di Roma protagonista di Contemporary tango, mentre la Compagnia Mvula Sungani, capitanata da Emanuela Bianchini, presenta Italia, la mia Africa.
Gli spettacoli fuori abbonamento proposti dal cartellone sono invece il musical Mamma mia! di Catherine Johanson messo in scena dalla Compagnia Mastrotitta, Canto di Natale con Renato Campese diretto da Tiziano Panici, Cantata per la festa dei bambini morti di mafia di Luciano Violante a cura di Maurizio Panici e il balletto classico Il lago dei cigni presentato dal Rostov State Opera Ballet. Sempre fuori abbonamento, la Stagione propone due grandi appuntamenti con il cabaret, Maurizio Battista con Il mio secondo matrimonio e l’imperdibile Serata Zelig con gli Emo, il Signor Verducci e Rocco il gigolò.

La campagna abbonamenti inizia giovedì 29 settembre. Per informazioni Tel. 0763.340493 (il botteghino del Mancinelli è aperto dal martedì al sabato ore 10-13 e 16-18 e due ore prima di ogni spettacolo).

Orvieto, 23/09/2011

Ufficio Stampa Teatro Mancinelli
Addetto Stampa Rita Provenzani
0763.340422 promozione@teatromancinelli.it
www.teatromancinelli.it <http://www.teatromancinelli.it>

LEAVE A REPLY