“Smetti di piangere Penelope!”

0
539
Condividi TeatriOnline sui Social Network

“Smetti di piangere Penelope!”

di Christine Anglio, Juliette Arnaud, Corinne Puget

con Tosca D’Aquino, Roberta Lanfranchi, Samuela Sardo

regia Massimo Romeo Piparo

 

Sarà una spassosa commedia brillante tutta al femminile quella in programma mercoledì 30 novembre e giovedì 1° dicembre 2011 alle 21,00 per la stagione di prosa del Teatro del Popolo di Colle di Val D’Elsa (Siena).

In scena “Smetti di piangere Penelope”. Con Tosca D’Aquino, Roberta Lanfranchi e Samuela Sardo. Regia di Massimo Romeo Piparo. Il testo è delle autrici francesi Christine Anglio, Juliette Arnaud e Corinne Puget.

Dopo il successo ottenuto a Parigi, dove è rimasto in scena per tre anni consecutivi, arriva in Italia un fenomeno in rosa della commedia brillante contemporanea che porta sul palcoscenico uno dei temi più attuali dell’universo femminile: “Il mio orologio biologico ha deciso: io faccio un figlio, chi c’è… c’è!”

Tre ragazze che hanno già superato la soglia dei 30 anni, tre amiche (o almeno tali si  ritenevano), tre compagne di giochi, tre colleghe di liceo, si ritrovano dopo un po’ di tempo per caso. Si confrontano/scontrano sul tema della gravidanza, si azzuffano sull’eros, si scoprono diverse ma sempre tremendamente uguali, si amano nella disperazione.

Francesca (Tosca D’Aquino) è la più tosta delle tre. Non ha concluso molto nella vita ma adesso ha una certezza: vuole un figlio! E infatti. Anna (Roberta Lanfranchi), lei il figlio non lo ha neppure concepito ma sa già che è maschio, come si chiama, il giorno esatto in cui nascerà, il segno zodiacale, cosa farà da grande. Penelope (Samuela Sardo), apparentemente ingenua, mai cresciuta, una sorta di “Alice nel Paese delle meraviglie”, fa la volontaria in un centro sociale ma divora romanzi erotici.
Il racconto è diviso in due parti. Nella prima l’argomento è “trovare un uomo: accontentarsi o puntare in alto?”. Dieci anni dopo, le ragazze, ormai ben oltre la soglia dei fatidici 30 anni, si incontrano nuovamente ma stavolta l’argomento è “fare un figlio, ad ogni costo!”. In sottofondo, una colonna sonora di canzoni famosissime del pop-rock italiano e internazionale renderà la Commedia ancora più vicina al gusto del pubblico italiano.

L’appuntamento fa parte della nuova stagione congiunta di prosa e musica del Teatro del Popolo di Colle di Val d’Elsa e del Teatro Politeama di Poggibonsi (Siena).

Il 30 novembre è aperto agli abbonati del turno A Popolo e alle formule “Oro” e “Rosso” e il primo dicembre agli abbonati del turno “C Popolo e Politeama” e alle formule “Blu” e “Verde”.

Per chi non fosse abbonato ecco invece i prezzi dei biglietti: I settore platea euro 30, II settore platea euro 26, III settore platea e galleria euro 21. Riduzioni: I settore platea euro 26, II settore platea euro 23,  III settore platea e galleria euro 18.

La nuova stagione congiunta è a cura del Comune di Colle di Val d’Elsa, il Comune di Poggibonsi e la Fondazione E.l.s.a.- Culture Comuni. La parte concertistica è programmata dalla Fondazione Orchestra Regionale Toscana. Sponsor ufficiale della rassegna è il gruppo Monte dei Paschi di Siena che anche quest’anno sostiene la stagione con l’obiettivo di rafforzare l’impegno nella promozione e valorizzazione della cultura che costituisce un aspetto fondante del Gruppo stesso. Partner anche la Elsauto Centrocar di Poggibonsi.

Per il nuovo anno, i due teatri, propongono tanti percorsi artistici differenti: dalla prosa (drammi, commedie brillanti, classici, drammaturgie contemporanee) al teatro comico, fino agli appuntamenti delle rassegne dedicate ai nuovi linguaggi teatrali. Il tutto nasce all’insegna di una programmazione unitaria, attenta, tuttavia, alle caratteristiche e le peculiarità di ciascun teatro. Gli spettacoli proposti, prodotti dalle più conosciute ed importanti formazioni nazionali ed internazionali, spazieranno tra i diversi generi teatrali, dal repertorio classico alla drammaturgia contemporanea, dai concerti di musica classica ai nuovi linguaggi artistici di Valdelsa Off.

LEAVE A REPLY