Il geco

0
199
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Gianni (Carlo Cinque), squattrinato e senza casa, decide di ricominciare da zero, anzi, da sottozero, e si ritrova a condividere uno squallido seminterrato con un personaggio surreale , Paride (Danilo Zuliani), un posteggiatore abusivo che come unica compagnia ha…un calzino e la musica rock infernale proveniente dalla villa soprastante. Gianni nella sua misera valigia nasconde i fantasmi del passato, che non tarderanno a riaffacciarsi ostacolando la sua voglia di rinascita.
Nina (Sara Andreoli) è da tanti anni su una sedia a rotelle in seguito ad un incidente involontario provocato da sua sorella Giulia (Barbara Russo) che, per sopperire ai sensi di colpa, la accudisce fino quasi a diventare una vera e propria infermiera personale. Quando Giulia decide di rialzare la testa e tornare a vivere, Nina si oppone a questa rivoluzione familiare che la porterebbe a dover fare a meno dell’assistenzialismo a cui è ormai abituata. Nel momento in cui Giulia, dopo tanti anni, si innamora e decide di invitare a cena il suo nuovo fidanzato, Nina è pronta alla sua controrivoluzione.
Paolo (Mario Lucarelli) e Marta (Valeria De Angelis) sono una coppia che, dopo dodici anni, non ha più nulla da dirsi. Le malattie psicosomatiche di Paolo ne rivelano il disagio, ma la paura di dover ricominciare e di rimettersi in gioco spinge entrambi a trovare delle “cure” temporanee, una sorta di accanimento sentimentale che non ha ragione di esistere. E pur di non staccare la spina a quel rapporto oramai alla deriva, praticano le soluzioni più estreme, che li porteranno, inevitabilmente, a estreme conseguenze.

Cosimo (Francesco D’Ignazio) ha un dono, quello di prevedere la morte improvvisa e incidentale delle persone. Germano (Fabrizio Ripesi), suo fratello, ha cinicamente messo a frutto questa qualità. Quando improvvisamente Cosimo sembra aver perso il fiuto, Germano va in crisi e le prova tutte pur di tornare a “lavorare”. La verità verrà presto a galla, e lo scontro tra i due stimolerà l’ingegnosità e l’arte dell’arrangiarsi di Germano.

LEAVE A REPLY