La guardiana del faro di Francesco Scotto

0
197
Condividi TeatriOnline sui Social Network

spettacolo con musiche originali di Nicola Piovani, la regia di Norma Martelli, con Angela Pagano

ispirato alla storia vera di Maria Soccorsa, detta Sesella

unica donna in italia guardiana di un faro prima della loro automatizzazione

 

Accolto con grande successo fin dal suo debutto al Festival Città Spettacolo di Benevento nel 2009, fa tappa a Napoli al Teatro San Ferdinando dal 27 marzo al 1 aprile lo spettacolo interpretato da Angela Pagano, La guardiana del faro, testo dello scrittore pugliese Francesco Scotto vincitore del Premio Scrittori in Città 2008, con la regia di Norma Martelli e le musiche originali di Nicola Piovani.

La guardiana del faro è un testo liberamente ispirato alla storia vera dell’unica donna che in Italia sia stata guardiana di un faro. Si tratta di Maria Soccorsa, detta Sesella, che trascorse molti anni della sua vita in completa solitudine come guardiana di un faro sulla costa del Gargano, in Puglia. Appagata dalla convivenza con la natura e con qualche animale domestico, nell’habitat da lei scelto e strenuamente difeso, figure familiari e personaggi mitici diventano i compagni di conversazione a cui la donna confida i suoi pensieri e i suoi sogni. Mentre il mondo esterno è sempre più lontano e indecifrabile, Sesella trascorre i suoi giorni in compagnia del canarino Procopio e della gatta Principessa, ma anche con le carte da gioco napoletane, con quel re di coppe identico al padre defunto. Ma a tutto questo e all’equilibrio del suo piccolo universo la donna dovrà rinunciare quando la Marina Militare le comunica di lasciare il faro in ragione della sua automatizzazione. Per lei significa dover ritornare in quel mondo dal quale si era volontariamente alllontanata e che non le mancava affatto, anzi: ce la farà Sesella?

La vicenda è affidata alle straordinarie doti interpretative di una grande Angela Pagano accompagnata in scena dalla fisarmonica di Eduarda Iscaro per le musiche originali composte da Nicola Piovani, che risuonano di tango, tammorre e atmosfere da fiera. La scena e i costumi sono di Silvia Polidori; il disegno luci di Danilo Facco.

Lo spettacolo – che viene presentato in sostituzione del previsto La iena di Sara Sole Notarbartolo – è una produzione Casa Editrice Alba/Compagnia della Luna.

 

Teatro San Ferdinando

Piazza Eduardo De Filippo 20

Informazioni tel. 081.5524214 | www. teatrostabilenapoli.it

Orario spettacoli martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 21.00 | mercoledì e domenica ore 18.00

LEAVE A REPLY