Omissis. Festival dello spettacolo contemporaneo

0
295
Condividi TeatriOnline sui Social Network

NOVAE EXPERIENTIAE è il titolo dell’edizione 2012 di Omissis Festival dello spettacolo contemporaneo: 14 eventi in 3 giorni, 7 spazi cittadini riscoperti come luoghi di spettacolo, tutti gli eventi live in prima assoluta, prima nazionale o anteprima regionale. La nuova esperienza della scena artistica nazionale ed internazionale farà di Gradisca d’Isonzo il centro dell’avanguardia performativa del XXI secolo, accogliendo compagnie ed artisti provenienti da Spagna, Olanda, Inghilterra, Germania, Ungheria e Italia. Nuove esperienze proveranno gli spettatori, invitati a partecipare in forma attiva, complice, a condividere in modo diretto, fisico, emotivo l’idea artistica e la sua realizzazione scenica. Ad Omissis per vivere nuove esperienze: emotive e tattili, sonore e visive, presenti e visionarie, intime e viscerali.

OMISSIS, il Festival dello Spettacolo Contemporaneo, torna per l’VIII edizione ad animare la città di Gradisca d’Isonzo (Gorizia) con una ricca vetrina di spettacoli provenienti da Italia, Spagna, Olanda, Germania, Ungheria e Inghilterra caratterizzati da linguaggi nuovi ed eterogenei che costituiranno il presupposto dal quale partire per una più ampia indagine sul tema portante di quest’edizione: le nuove esperienze dello spettacolo.

Organizzato dall’Associazione Culturale Mattatoioscenico, OMISSIS si svolgerà da giovedì 28 a sabato 30 giugno, con un cartellone che vedrà alternarsi performance, teatro, video, danza nelle varie location naturali e storiche che la città della Fortezza ha suggerito come sede degli eventi.Nella ormai consueta ottica di promozione e divulgazione delle forme di innovazione e sperimentazione di alto livello, ilFestival opererà anche in fase di produzione supportando il lavoro di giovani talentidel Friuli Venezia Giulia.

Luogo privilegiato d’incontro e scambio tra compagnie e addetti ai lavori ormai ampiamente radicato sul territorio regionale, OMISSIS assolve altresì ad un’altra determinante funzione, quella della formazione di un nuovo pubblico, educandolo alla trasversalità dei linguaggi e alle vitali tensioni che attraversano le dinamiche del contemporaneo.

Anche quest’anno l’attivazione del Media Center, ideato allo scopo di seguire passo dopo passo tutti gli eventi in calendario ed amplificarne la fruizione mediante la realizzazione di video pubblicati on-line sul sito del festival (www.omissisfestival.it) e l’uso dei social network permetteranno di proiettare il festival OMISSIS e la città di Gradisca d’Isonzo su uno scenario internazionale sfruttando il web come piattaforma.

Il festival OMISSIS è realizzato con il contributo dell’Assessorato alla Cultura della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Gorizia, del Comune di Gradisca d’Isonzo, della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, del Credito Cooperativo di Lucinico, Farra e Capriva, con la collaborazione dell’Ass. Cult. Arterrante, dell’Ass. Cult. Etrarte, di Studio14, del Gruppo Area di Ricerca Dobia.lab.

Il Festival dello spettacolo contemporaneo OMISSIS inizia ufficialmente giovedì 28 giugno alle 18.00 nella cornice della rinnovata Enoteca Regionale La Serenissima di Gradisca d’Isonzo, con un brindisi inaugurale; l’inizio degli spettacoli in cartellone è prevista per le 18.30, quando prenderà il via uno spettacolo unico in tutti i sensi, presentato in prima nazionale dal gruppo inglese Me and the Machine: un progetto multimediale dal titolo When we meet again per uno spettatore alla volta (obbligatoria la prenotazione), coinvolto in un’esperienza che sarà insieme fisica, estetica e atmosferica, dato che lo spettacolo si svolge nella cornice originale del Bastione di San Giorgio, luogo storico della fortezza di Gradisca che da solo vale il prezzo del biglietto. Un luogo che respira storia e uno spettatore che vede ricrearsi la realtà attraverso un visore: uno spettacolo che preannuncia, forse, la dimensione futura dello spettacolo dal vivo.

A seguire, alle 20.00 presso la Loggia dei Mercanti (Lapidario civico) il monologo a più voci ideato dal duo Giulio Morgan (voce) e Giorgio Pacorig (piano fender rhodes, suoni, effetti), Labor (posti limitati), prima nazionale ideata esclusivamente per Omissis: dedicata all’attualissimo tema del lavoro, la performance si presenta come un esperimento di rinnovamento del genere del teatro sociale, destrutturando la drammaturgia che sarà ricostruita dagli spettatori. Il Festival decolla alle ore 21.00 presso il Nuovo Teatro Comunale, dove il giovane collettivo internazionale di danza Bloom!, formato da cinque danzatori provenienti da Italia, Ungheria, Inghilterra, Spagna e Slovacchia, presenta in anteprima regionaleCity, uno spettacolo ironico, libero e coinvolgente. A seguire un altro luogo storico della città di Gradisca, il ‘600esco Palazzo Monte di Pietà, ospiterà un attesissimo ritorno ad Omissis: il duo italo/tedesco VestAndPage con la performance Terra nova (posti limitati) in anteprima mondiale: ispirata dall’esperienza compiuta in Antartide da Verena Stenke e Andrea Pagnes, prende spunto dalle storie degli esploratori antartici d’inizio ‘900. Il ghiaccio, l’isolamento, la luce e il buio, la passione e la disperazione, la vita e la morte sono gli elementi di questa nuova esperienza perfomativa di VestAndPage creata in esclusiva per Omissis.

Il percorso artistico di Me and the machine inaugura la giornata di venerdì 29 giugno con la performance (per uno spettatore alla volta, obbligatoria la prenotazione) When we meet again, che andrà in scena al Bastione di San Giorgio continuativamente dalle 18.00 e 21.30.

Alle 20 presso il Palazzo Monte di Pietà in anteprima regionale la giovane compagnia italiana Three minutes ago / Quiet ensemble presenta La carezza del vetro (posti limitati), in cui gli spettatori si raduneranno a 360° attorno a una teca che contiene la performer, sul corpo della quale vengono proiettati dei video: uno spettacolo suggestivo che unisce danza, video, tecnica scenografica, musica nella ricerca di un’armonia tra due corpi, quello reale e quello virtuale.

Alle 21 spazio ad un’esperienza teatrale estrema, fisica e poetica, con la prima nazionaleLesiones incompatibles con la vida (consigliato ad un pubblico adulto) della nuova enfant prodige del teatro internazionale, Angelica Liddell, dove il corpo dell’attrice e regista spagnola, si trasforma in un atto di protesta, di disobbedienza, contro l’incivilimento sociale, una vera e propria aggressione contro la società.

La giornata di venerdì 29 giugno prosegue alle 22 con la replica al Palazzo Monte di Pietà di La carezza del vetro (posti limitati) dei Three minutes ago / Quiet ensemble. Alle 23 chiude il programma giornaliero una seconda azione scenica di Angelica Liddell, la prima nazionaleBroken Blossoms, una nuova tappa nel suo processo di autodistruzione nella quale l’attrice/perfomer riflette, con il coinvolgimento del pubblico, sul valore dell’intelligenza come qualità dell’essere umano.

Sabato 30 giugno il Festival inizia al Bastione di San Giorgio con la terza sessione della performance multimediale degli artisti inglesi Me and the machine, When we meet again(per uno spettatore alla volta, obbligatoria la prenotazione), in programma consecutivamente dalle 18 alle 21.30 per permettere al maggior numero possibile di persone di vivere per 8 minuti l’esperienza del vedere attraverso un visore multimediale le nuove possibilità estetiche dello spettacolo dal vivo.

Alle 20.30 al Palazzo Monte di Pietà (posti limitati) VestAndPage presenta il progetto Terra nova, prima tappa di una serata speciale per il gruppo e corollario del progetto video che sarà l’evento conclusivo dell’intero Festival: la performance è ispirata dall’esperienza in Antartide compiuta dal duo di performers ad inizio 2012.

Alle 21.30 al Nuovo Teatro Comunale il secondo spettacolo di danza presentato nel cartellone, l’attesissimo progetto del gruppo olandese United-C, la prima nazionaleNude studies: in uno spazio asettico e artificiale, la compagnia propone ad Omissis quattro assoli di danza, un’esperienza poetica ed estetica mozzafiato. Gli spettatori saranno concentrati solo sul fenomeno naturale, silenzioso ed elegante dei corpi delle danzatrici. Il progetto è ispirato dalla fascinazione degli antichi greci per il corpo umano, la sua bellezza, la sua grazia, la sua forza, in contrapposizione alla moderna mercificazione della nudità.

Chiude la programmazione del Festival alle 23.00 alla Sala Bergamas un evento speciale: l’anteprima nazionale del film Sin Fin di VestAndPage, una produzione internazionalerealizzata nel programma culturale in Antartide nel gennaio-febbraio 2012, indetto dalla Direzione Nazionale dell’Antartico (Argentina). VestAndPageesaminano la sfera che ingloba l’universo e l’ambiente, sviscerandone la complessità nell’incontro-collisione con la sfera dell’umano: creazione e distruzione non sono che prove evidenti dei processi dinamici di trasformazione e impermanenza. Tra le vastità ghiacciate e desertiche di una terra onirica, visioni e miraggi riflettono un senso dell’assoluto.

Info

www.omissisfestival.it

www.facebook.it/omissisfestival

www.youtube.com/mattatoioscenico

www.mattatoioscenico.com

Contatti

mattatoioscenico@gmail.com

+39 0481 961345

+39 347 6960758

LEAVE A REPLY