Il festival Teatro a Corte in scena nelle dimore sabaude

0
207
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Il meglio della vetrina inglese:

Claire Cunningham, il “Pistorius” della danza

Tim Rushton che guida il Danish Dance Theatre nei territori del jazz

Gandini Juggling in un omaggio a Pina Baush con 80 mele rosse e 9 giocolieri

Billy Cowie e il suo poetico mondo di video in 3D

DV8 e il loro dance film “The costo 0f living”

e poi Balletto dell’Esperia in site specific a Rivoli

il circo di Circocentrique e Chloé Moglia, Casarsa Teatro e la disabilità

 

 

Il festival Teatro a Corte arriva al suo ultimo week end di programmazione e da giovedì 19 a domenica 22 luglio presenta una variegata offerta di spettacoli.

In particolare la giornata di giovedì 19 è dedicata al tema della disabilità con tre appuntamenti:

Casarsa Teatro e Balletto Civile presentano in prima assoluta “Generale!! O l’azione di un fucile” (Torino, Cavallerizza Reale ore 19) vincitore del premio My Dream promosso dalla Fondazione CRT, nato in seno al percorso Teatro e Disabilità – Le forme del corpo nascosto, svolto da Michela Lucenti e Balletto Civile con persone disabili. Lo spettacolo indaga il tema del potere e dell’autoritarismo ora rompendo la convenzione del teatro ora accentuandola con disarmanti momenti di teatro danza di umanissima ruvidezza.

Claire Cunningham in “Me (Mobile/Evolution)”(Torino, Cavallerizza Reale, il 19 luglio alle ore 21 e il 20 luglio alle ore 21.30). Special guest nell’ultima edizione del prestigioso festival inglese Dance Umbrella, la coreografa scozzese ha fatto scuola per la capacità di trasformare la propria disabilità fisica in potenza del corpo allo stato puro. In tutu nero danza con le stampelle sulle musiche di Singing in the Rain, regalando una delle più insolite e toccanti versioni dopo quella che fu di Gene Kelly.

DV8 Physical Theatre presenta il film “The cost of living” (Torino, Cavallerizza Reale ore 22.30). Qual è il prezzo dell’esistenza? Basato sull’omonimo spettacolo teatrale dei DV8, questo film si interroga sul valore che la nostra società dà all’apparenza e alle convenzioni. Ambientato sulla costa di Norfolk, ha per protagonisti due artisti di strada, Eddie e David, e li osserva fare incontri toccanti, buffi e sorprendenti.

Made in UK”, la vetrina inglese di Teatro a Corte, prosegue in questo terzo week end con il lavoro di:

Tim Rushton, coreografo del Danish Dance Theatre in prima nazionale con “Love Songs” (Torino, Teatro Astra, il 20 luglio alle 19.30 e il 21 luglio alle 21.30). La voce calda di Caroline Henderson, la più amata cantante jazz della Danimarca, il talento raffinato di Tim Rushton, coreografo inglese nominato dalla Regina Elisabetta “Member of the Order of British Empire” e la classe del Danish Dance Theatre sono gli elementi di forza di “Love Songs” che fonde con sensualità trascinante il jazz e la danza, accendendo l’entusiasmo del pubblico e della critica.

Gandini Juggling il 22 luglio in “Smashed” (Castello di Rivoli, ore 18 e ore 20). La storica compagnia inglese, con all’attivo 18 anni di carriera, presenta un omaggio a Pina Baush e al suo Tanztheater attraverso un Tanzjonglage per 9 incredibili giocolieri che ricreano una serie di immagini dal sapore cinematografico ispirate alle coreografie della Baush. Con 80 mele rosse usate come palline, Smashed ricorda l’immaginario di una delle coreografe più geniali di tutti i tempi.

Billy Cowie, compositore e video maker scozzese già ospite del Festival, Cowie torna con 3 nuovi lavori e a Torino il 20 e 21 luglio presenta in Piazzetta Reale dalle 22.30 “Tango de Soledad” e “T’es pas la seule”. Nel primo, che critica americana lo ha definito: “semplicemente splendido”, emerge la seduzione del tango che racconta un amore finito, nel secondo è in campo l’infanzia con una bizzarra filastrocca sugli animali che si rivela incredibile metafora del presente. La domenica 22 luglio al Castello di Rivoli Cowie presenta la nuovissima creazione site specific “Jenseits”, ispirata alle fughe di Bach e che ha per protagonisti due danzatori e una scala.

Tra i protagonisti di questo ultimo week end di festival ricordiamo anche il Balletto dell’Esperia che a Rivoli il 22 luglio realizza una creazione site specific dal titolo “Tracce I/II”, un percorso ispirato dalle architetture del castello oggi museo d’arte contemporanea. Da non perdere anche il gruppo belga Circocentrique, sabato 21 a Torino in Cavallerizza Reale alle ore 19.30 con “Respire”, Chloe Moglia al Castello di Rivoli il 22 (ore 18 e ore 20) con “Rhizikon” sul tema del piacere del rischio e Itaca Teatro il 21 luglio a Torino in Cavallerizza Reale ore 18 in “Le intermittenze della morte” tratto dal romanzo di Saramago.

Informazioni per il pubblico:

tel. +39 011.5119409 – info@teatroacorte.itwww.teatroacorte.it

 

UFFICIO STAMPA NAZIONALE

iagostudio

Mara Serina cell. +39 338.3246269 e-mail: maraiagostudio@gmail.com

Silvia Coggiola cell. +39 347.1308271 e-mail: silvia.coggiola@gmail.com

 

LEAVE A REPLY