Love – L’amore ai tempi della ragione permanente

0
226
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoOmaggio a Ingmar Bergman

di Leonardo Ferrari Carissimi e Fabio Morgan

regia Leonardo Ferrari Carissimi

con Marco Cocci, Anna Favella, Chiara Mancuso, Gabriele Paolocà

musiche originali The Niro

scene e costumi Alessandra Muschella

luci e fonica Marco Scattolini,

grafica Martin Emanuel Palma

produzione Ass. Cult. Progetto Goldstein

Dopo il successo dello scorso anno torna al Teatro Orologio di Roma, in sala Orfeo, dal 7 al 15 maggio, la nuova versione di LOVE dal sottotitolo L’amore ai tempi della ragione permanente, ideato da Fabio Morgan e Leonardo Ferrari Carissimi che ne firma anche la regia. Nella nuova edizione viene proposta una riscrittura in chiave noir del film “Scene da un matrimonio” del regista svedese Ingmar Bergman. Il cast, per metà rinnovato, vede in scena ancora Marco Cocci nel ruolo di Davide, Anna Favella in Virginia, sua moglie,insieme ai giovanissimi e nuovi attori Chiara Mancuso e Gabriele Paolocà. Le musiche originali sono a cura del cantautoreromano The Niro.

Accade tutto durante una cena. Davide, psichiatra disilluso e caustico, decide di festeggiare i suoi quarant’anni faccia a faccia, come in un duello, con sua moglie Virginia, avvocato di buona famiglia. I due scompongono ed analizzano il loro rapporto quasi avessero a che fare con un teorema la cui applicazione reale risulta impossibile. Il tutto si svolge durante una cena fra portate servite dai due domestici di famiglia, Fortunato (Gabriele Paolocà) ed Angela (Chiara Mancuso), che da anni si trovano a loro servizio. Fortunato ed Angela stanno per avere un bambino e, nonostante condividano lo stesso interno, il mondo a cui appartengono è profondamente diverso da quello dei loro padroni: per loro l’amore è una pratica naturale da vivere al di là del pensiero, senza illusioni né pretese. Ciò nonostante anche loro, in un impetuoso colpo di scena finale, verranno travolti dall’assurda ed implacabile macchina infernale della ragione. Il dramma riscrive in chiave noir alcuni dei temi portanti della filmografia Bergmaniana e li riattualizza nella nostra epoca, l’epoca della ragione permanente.

Teatro dell’Orologio

Via de Filippini 17/A

orari: tutte le sere ore 21.00 – domenica ore17.30 mb: 339.8142317

biglietti: € 13 + tessera associativa

tel: 066875550

email: teatroorologio@gmail.com

LEAVE A REPLY