OPS! One Parents Show

0
178
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi Alessandro Errico

regia Ettore Nigro e Alessandro Errico

con Maria Luisa Coletta, Silvio De Luca, Angela Garofalo, Raimonda Maraviglia, Monica Palomby, Elisabetta Bevilacqua, Giorgio Sorrentino

produzione Teen Thèâtre

————————————————

Venerdì 16 e sabato 17 maggio, alle 21, negli spazi di Interno 5, in via San Biagio dei Librai 121, va in scena “OPS! One Parents Show” di Alessandro Errico. Gli attori – diretti da Ettore Nigro e dall’autore – prendono parte a un gruppo di auto aiuto che affronta le problematiche della genitorialità al singolare. I genitori singolari cominciano a raccontare le proprie storie e attraverso un percorso strutturato con la metodologia dei passi ricordi e pensieri dei partecipanti prendono vita. Le storie raccontate sono la rielaborazione delle tragedie greche: Medea, Orestea ed Edipo re. Dunque, ascrivere lo spettacolo a un unico genere teatrale risulta difficile: la rappresentazione riproduce, seppur a suo modo, il senso tragico di questi classici senza esaurirsi in esso; così come l’ironia non fa della comicità l’unica cifra stilistica. Info www.tuttoilteatro.it

Ingresso 10 euro intero | 6 euro ridotto con la CARD POLITEATRO
Prenotazione obbligatoria: interno5start@gmail.com | 081 551 4981 | 349 8773881


Note di regia

Cosa ci spinge a continuare a sbirciare tra i classici? Perché restiamo indifferenti dinnanzi ad avvenimenti che dovrebbero invece travolgerci? Quando una storia può definirsi tragedia? In una riunione di auto aiuto, in un cerchio di sedie, tre persone si ritrovano a condividere le proprie storie. Li accomuna l’incapacità di avvertire il senso tragico e l’essere inciampati nelle classiche tragedie per disattenzione, desiderio o sbadataggine. Gli spettatori, seduti nel medesimo spazio, ognuno protagonista della propria vicenda, ascoltano le altrui storie aspettando il proprio turno. Anche io sono caduto in una tragedia e non me ne sono accorto? Ettore Nigro

——————-

«All’insegna della commistione, della contaminazione e del sincretismo nasce OPS! One Parent Show, creazione originale di Alessandro Errico, acutamente diretta da Ettore Nigro e Alessandro Errico che, simulando le dinamiche relazionali di un gruppo di auto aiuto, proietta gli spettatori in una dimensione inedita per la scena, a metà strada tra un’esperienza meta-teatralmente post-moderna e una variazione raffinatamente consapevole di teatroterapia collettiva». Claudio Finelli per Teatro.org

——————-

«Un’intelligente rilettura dei classici greci in cui il senso della tragedia e della comicità si alternano e si mescolano  in un sapiente mix capace di regalare momenti di intensa emozione e di ilare divertimento».  Alessandra Staiano per Metropolis Web

——————–

«Alla fine le tragedie, diventate arme di irriverente ed intelligente umorismo, si mescolano generando scenari atipici. Uno spettacolo divertente ed inaspettato, che stupisce per l’alternanza di momenti di vero humour con altrettanti momenti di profonda emozione». Francesca Bianco per Teatrionline

——————–

«[…] chi allestisce, cura, recita, o a qualsiasi titolo partecipa ad OPS! One Parent Showlo fa interpretando la propria partecipazione come un divertissement. E chi vi assiste se ne accorge, lo percepisce e ne resta segnato in positivo portandosi dietro una traccia sul viso sotto forma di bonario sorriso. Sorriso che nasce dalla nobiltà dell’intento perseguito: assumere qualche classico greco come punto di partenza e su innervarvi drammaturgia d’ordito originale che, riproponendo la mitopoiesi propria dei tragici greci – Euripide, Eschilo, Sofocle – ne germina con creazione sui generis in cui la tragedia si ammanta di grottesco, s’intride di comico e ciononostante non rinuncia mai del tutto al senso del tragico.» Michele Di Donato per Il Pickwick

——————–

«Cos’è? Un Superlapsus in storie piene di lapsus, un “ops!”, uno slittamento continuo dal piano del mito a quello del reale con tratti che vanno dal plebeo al caricaturale al fumetto al nonsense.  L’azione parte con un gruppo di autocoscienza che coinvolge il pubblico, chiamato con un criterio di gioco, a raccontarsi. Dietro le storie di ordinaria follia si nascondono i grandi miti. Medea, Edipo, Oreste ma è chiaro che sono i grandi miti a essere proiezione di piccoli  quotidiani i cui “attori senza parte” sono “personae” del popolo, il vicino di casa, l’analfabeta e il dottore, ciascuno  ignaro di aver compiuto (subìto) lo stesso destino degli eroi tragici. Ad Aristofane la cosa sarebbe piaciuta.» Mimmo Grasso per Saperincampania.it

 

LEAVE A REPLY