giovedì, Febbraio 29, 2024

Area Riservata

HomeSenza categoriaLeo Bassì in "Bob Best of Bassì"

Leo Bassì in “Bob Best of Bassì”

fotoCircense di tradizione, comico sovversivo per vocazione

 

Assistere agli spettacoli di Leo Bassì è sempre un’esperienza particolare. Questo giocoliere, clown, affabulatore, provocatore, con una coerenza politica che si esprime in ogni suo intervento, crea con il pubblico un particolare rapporto che a volte rasenta l’idolatria. Niente in ciò che si vede è casuale, dalla prima immagine che si ha entrando in sala, in questo caso una grande scalinata che porta ad una poltrona/trono, il tutto sormontato da un enorme dipinto che ricorda le immagini degli eroi del comunismo, ritraente Leo Bassì, all’entrata rumorosa e provocatoria. Dalla sua parlata che sembra continuamente inciampare in un italiano stentato, le pose, le finte aggressioni verbali. Si mette continuamente in gioco, è orgoglioso di appartenere al mondo del circo da generazioni, ricorda aneddoti della sua infanzia, piange e ride contemporaneamente e porta sul palco spettatori apparentemente terrorizzati, a cui propone assurdi esperimenti. Lo conosco da più di 30 anni, e ritengo non sia azzardato parlare di lui come di un poeta che ha usato la sua vita per mostrare a tutti che è necessario non prendersi troppo sul serio. È un mito insuperabile, ha 62 anni, si comporta come un monello di 9 e c’é una saggezza in lui che si percepisce dallo sguardo. È anche noioso ripetitivo e volgare, ma è sopratutto Leo Bassì.

Previous article
Next article
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular