Il fu Mattia Pascal

0
252
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoversione teatrale di Tato Russo

dal romanzo di Luigi Pirandello

con Tato Russo, Katia Terlizzi, Renato De Rienzo, Salvatore Esposito, Marina Lorenzi , Giuseppe Mastrocinque, Adriana Ortolani, Carmen Pommella, Francesco Ruotolo,Davide Sacco, Caterina Scalaprice e Massimo Sorrentino

scene Tony Di Ronza

costumi Giusi Giustino

musiche Alessio Vlad

regia Tato Russo

produzione T.T.R. IL TEATRO DI TATO RUSSO

La nuova stagione 2014 /15 del Teatro Parioli Peppino De Filippo si apre dal 13 al 23 novembre con, “Il fu Mattia Pascal” versione teatrale di Tato Russo, dal romanzo di Luigi Pirandello, con Tato Russo, Katia Terlizzi, Renato De Rienzo, Salvatore Esposito, Marina Lorenzi , Giuseppe Mastrocinque, Adriana Ortolani, Carmen Pommella, Francesco Ruotolo,Davide Sacco,,Caterina Scalaprice e Massimo Sorrentino. Scoprire la propria vera identità al di là delle convenzioni che ci hanno formato. Insomma viaggiare a ritroso dei sé o dei risultati di sé abbandonando la scorza delle apparenze per tentare una scoperta definitiva del proprio io. Questo il viaggio di Mattia Pascal, nell’abisso della contraddizione tra essere e apparire. Tato Russo fa propria la materia del testo per riscriverla in commedia nello stesso linguaggio drammaturgico che sarebbe stato di Pirandello nello sforzo palese e riuscito di una costruzione per il teatro, alla maniera insomma che immaginariamente avrebbe operata lo stesso autore del romanzo nel momento in cui avesse scelto di trasferirla in commedia. Il romanzo sembra così recuperato e acquisito al repertorio delle commedie del Nostro in modo definitivo. Mattia Pascal è Tato Russo nel doppio ruolo di Mattia Pascal e di Adriano Meis, ma anche gli altri personaggi che concorrono alla sua vicenda si rincorrono nella storia, interpretata così dagli stessi attori in identità e personaggi diversi, quasi a scegliere di non chiarire affatto, nello spettro delle rassomiglianze, la distinzione tra i vari aspetti della realtà.

“Una delle poche cose, anzi forse la sola ch’io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal. E me ne approfittavo. Ogni qual volta qualcuno de’ miei amici o conoscenti dimostrava d’aver perduto il senno fino al punto di venire da me per qualche consiglio o suggerimento, mi stringevo nelle spalle, socchiudevo gli occhi e gli rispondevo:- Io mi chiamo Mattia Pascal.”

“Ma cosa corrisponde a un semplice nome proprio? È questa la domanda alla quale intende rispondere il protagonista del romanzo di Pirandello che così inizia il suo viaggio attraverso i vari modi d’apparire di se stesso a se stesso e agli altri, il viaggio tra gli intrighi di una vita moltiplicata forse all’infinito che ci impedisce tra convenzioni e compromessi di capire chi siamo veramente. Alla ricerca dell’ ES, dell’altra parte di sé, o della propria vera identità. Morire per vivere una vita diversa. Ritrovare attraverso mille morti la propria unica ragione d’esistere. Scoprire la propria vera identità al di là delle convenzioni che ci hanno formato. Insomma viaggiare a ritroso dei sé o dei risultati di sé abbandonando la scorza delle apparenze per tentare una scoperta definitiva del proprio io. Questo il viaggio di Mattia Pascal, nell’abisso della contraddizione tra essere e apparire. La riduzione in commedia tralascia la tecnica della narrazione propria del romanzo e trasferisce ad una dimensione teatrale il racconto. Insomma liberandosi dalla pesantezza d’una proposta troppo vincolata alla struttura letteraria Tato Russo fa propria la materia del testo per riscriverla in commedia nello stesso linguaggio drammaturgico che sarebbe stato di Pirandello nello sforzo palese e riuscito di una costruzione per il teatro, alla maniera insomma che immaginariamente avrebbe operata lo stesso autore del romanzo nel momento in cui avesse scelto di trasferirla in commedia. Il romanzo sembra così recuperato e acquisito al repertorio delle commedie del Nostro in modo definitivo. Mattia Pascal è Tato Russo nel doppio ruolo di Mattia Pascal e di Adriano Meis, ma anche gli altri personaggi che concorrono alla sua vicenda si rincorrono nella storia, interpretata così dagli stessi attori in identità e personaggi diversi, quasi a scegliere di non chiarire affatto, nello spettro delle rassomiglianze, la distinzione tra i vari aspetti della realtà. Mattia e i suoi coinquilini della storia muoiono tutti per rincontrarsi identici nella storia di Adriano Meis e rivivere poi in quella nuova di Pascal”.

Teatro Parioli Peppino De Filippo

Via Giosuè Borsi 20, 00197 – Roma

tel. 06 8073040

www.teatropariolipeppinodefilippo.it

Prezzi platea 25,00 euro Galleria 20,00 euro

Orario spettacoli:

lo spettacolo andrà in scena dal giovedi alla domenica

giovedi, venerdi e sabato ore 21

domenica ore 17

LEAVE A REPLY