Il Don Chisciotte di Stefano Massini in scena al Teatro De LiNUTILE per Top Teatri Off Padova

0
369
Condividi TeatriOnline sui Social Network

logo Top

Venerdì 27 e sabato 28 febbraio in scena al Teatro De LiNUTILE “Gioco di Specchi”, testo di Stefano Massini scritto appositamente per Ciro Masella, regista e interprete insieme a Marco Brinzi.

Gioco di specchi
Gioco di specchi

Un irresistibile duello teatrale fra due figure leggendarie, quella di Don Chisciotte e di Sancho Panza, alle prese con il segreto dell’esistenza e le domande che attanagliano ogni essere umano nel suo misterioso e meraviglioso viaggio sulla terra.

Questo il punto di partenza di “Gioco di Specchi”, pièce teatrale, scritta da Stefano Massini, uno dei più grandi e premiati autori del nostro teatro (premio UBU nel 2013), per il regista e attore Ciro Masella, che, dopo la felice esperienza de “La fine di Shavuoth” e de “L’Italia s’è desta”, torna ad immergersi nel mondo poetico di Stefano Massini, abitato stavolta da una coppia di personaggi immortali e irresistibili. L’opera andrà in scena venerdì 27 e sabato 28 febbraio, alle 21.00, al Teatro De LiNUTILE nell’ambito della rassegna teatrale della Cooperativa di Impresa Sociale “Top-Teatri Off Padova”. Lo spettacolo è organizzato da T.P.R. Teatro Popolare di Ricerca

Lo spettacolo, produzione Uthopia/tra Cielo e Terra, diretto e interpretato da Ciro Masella e da Marco Brinzi parte dal Don Chisciotte di Cervantes, per costruire un duetto/duello verbale ed emotivo ad altissima tensione, un gioco di identità celate e dissimulate, di nascondimenti e svelamenti, di segreti e confessioni.

Un incubo strano apre questo duello teatrale fra don Chisciotte e Sancho Panza. E’ un incubo che parla di morte, di un albero e di un’alba. Nasce da qui, da questo presagio, il terrore di come occupare una notte che potrebbe essere l’ultima. Irrimediabilmente. Forse le ultime ore si potrebbero riempire litigando. O forse chiarendo chi si è davvero. O forse, ancora, togliendo dalle reciproche scarpe i sassi di un’esistenza fitta di dubbi. E ignorare così il conto alla rovescia di un sole che quando nascerà potrebbe spegnere ogni cosa. Sospesi fra Beckett e due clown, i nostri due leggendari figuri erranti d’una Spagna inquieta si aprono l’uno all’altro, camminando in bilico sul precipizio della vita. Solo l’alba, all’ombra di un albero nefasto, darà il suo verdetto.

Sul filo tra drammatica comicità e comica tragicità, il dialogo concepito da Massini porta lo spettatore nei meandri più oscuri e profondi dell’anima di due piccoli grandi uomini, lo accompagna nei territori più intimi del sentire umano, fra i rovi e gli sterpi delle nostre esistenze continuamente alla ricerca di sole, di luce, di infinito.

Biglietti: Intero: 10 €
Adulti e bambini superiori ai 12 anni; Ridotto: 8 €
Studenti con “Studiare a Padova Card”, corsisti TOP, fino ai 12 anni; Gratuito: Bambini fino a 3 anni
Carnet TOP 5: 40€. Acquistando il Carnet TOP 5 al prezzo di 40€ puoi vedere 5 spettacoli delle Rassegne TOP al prezzo di 4.

La rassegna di “Top-Teatri Off Padova” è realizzata con il Patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia e del Comune di Padova.

Per informazioni
info@teatrioffpadova.com
www.teatrioffpadova.com

Previous articleLed Zeppelin – 7a puntata
Next article“Mantecato reading” al Teatro San Clemente di Padova
Giuseppe Bettiol
Laureato in filosofia all’Università degli Studi di Padova, collaboro con lo Studio Pierrepi dal 2009. Appassionato comunicazione digitale, ho concentrato la mia attività nelle Digital PR, nei rapporti con le testate e gli influencer digitali, seguendo corsi ad hoc. Dal 2010 sono consulente di media & public relation per la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari di Padova, per il Circolo Tralaltro Arcigay Padova e la Società Dante Alighieri sezione di Padova. Dal 2011 sono responsabile dell’ufficio stampa della manifestazione “Padova Pride Village” alla Fiera di Padova. Attualmente sto inoltre collaborando con il Teatro de LiNUTILE di Padova, il Padova Pride 2018 e l’agenzia di comunicazione We-Go.

LEAVE A REPLY