Clarel – Poema e pellegrinaggio in Terra Santa

0
206
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi Herman Melville

concerto per voce, oud, chitarre e live electronics

interpretazione e regia Valter Malosti

suono e live electronics G.u.p. Alcaro – oud e chitarre Lucia D’Errico

musiche originali Carlo Boccadoro – luci Francesco Dell’Elba

consulenza scientifica Ruggiero Bianchi – assistente alla regia Elena Serra

produzione Teatro di Dioniso, I Teatri del Sacro

———-

Venerdì 27 marzo (ore 21) al Teatro India va in scena CLAREL_ poema e pellegrinaggio in Terra Santa, una delle opere meno conosciute ma più appassionanti di Herman Melville, che Valter Malosti trasforma in un sorprendente “concerto” per voce e musica elettronica. Un piccolo poemetto che riesce a toccare le corde profonde della spiritualità attraverso il racconto del pellegrinaggio in Palestina di un giovane studente americano.

Uno scosceso massiccio poetico, come dice Elemire Zolla, dove si perdono i confini tra viaggio reale e spirituale, alle fonti del Cristianesimo e dei suoi luoghi d’elezione: Clarel, studente di teologia, insoddisfatto degli insegnamenti dogmatici ricevuti in patria, decide di recarsi in Palestina alla ricerca del senso profondo dell’esistenza in un cammino di fede e di scoperta. Come i grandi eroi dei romanzi melvilliani, Clarel tenterà di superare le soglie dell’esperienza e della conoscenza, e proverà a dare risposta alle grandi questioni del sapere e dell’amore, del rapporto tra il fisico e il metafisico, della verità e del senso ultimo della vita.

Scritto da Herman Melville dopo Moby Dick, Clarel (Poema e pellegrinaggio in Terrasanta), pubblicato nel 1876 in forma privata, fu stampato postumo solo nel 1924. Il poema-diario venne ispirato da un viaggio in Palestina compiuto da Melville vent’anni prima, fra il 1856 e il ’57, concepito dalla famiglia anche come possibile terapia per uno stato di prostrazione fisica e psicologica che aveva colpito l’autore durante e dopo l’immane sforzo profuso in soli tre anni nella scrittura di Moby Dick e di Pierre, le due opere “titaniche” e metafisiche che sembravano voler dar fondo all’universo, ma destinate ad un umiliante insuccesso commerciale. Quest’opera è forse il culmine più angoscioso e poetico del grande “corpus” dei libri melvilliani; forse più ancora di Billy Budd, tradizionalmente ritenuto lavoro emblematico ed epitome perfetta. Socraticamente fedele a uno gnosticismo sofferto, e non certo di maniera, Melville butta nelle fiamme di questa sua scrittura convulsa tutto il peso e il dolore di una ricerca irrisolta.

Chi ama i suoi capolavori – Mardi, Moby Dick, Pierre, The confidence Man, Bartleby, Benito Cereno, Billy Budd, The Encantadas – è costretto a percepire Clarel come un apice e un picco della sua produzione letteraria, anche se non necessariamente come il suo capolavoro formale.

Lo spettacolo, in replica sabato 28 marzo (ore 21) e domenica 29 marzo (ore 18), si inserisce nel progetto TRA CIELO E TERRA. Sacro e profano nel teatro presente, il programma di attività e spettacoli che il Teatro di Roma – in collaborazione con I Teatri del Sacro e Federgat – dedica ai temi della spiritualità, della tradizione religiosa e del sacro.

———-

TEATRO INDIA

Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) – Roma

Ufficio promozione Teatro di Roma: tel. 06.684.000.346 – www.teatrodiroma.net

CARD TRA CIELO E TERRA: 4 ingressi 32€

Orari spettacolo: 27 e 28 marzo ore 21 – 29 marzo ore 18 – Durata: 60 minuti

LEAVE A REPLY