Cuisine & confessions

0
212
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Alexandre Galliez
Foto di Alexandre Galliez

Dal 25 al 29 Novembre la cucina incontra il nuovo circo al Romaeuropa Festival, con Cuisine & Confessions, il nuovo spettacolo, per la prima volta in Italia, della compagnia di teatro e circo del Québec Les 7 doigts de la main.

Dedicato ad un pubblico di tutte le età, lo spettacolo promette di incantare lo sguardo e addolcire il palato, attraverso la reale preparazione di vivande tra fornelli, storie personali e indimenticabili acrobazie.

Acclamata nel panorama internazionale per la qualità dei suoi artisti, acrobati straordinari, ottimi danzatori e performers di teatro contemporaneo, Les 7 doigts de la main, costruisce spettacoli dal fortissimo impatto emotivo raccontando la vita quotidiana, anche con le sue routine e banalità, ma sempre inserita in una cornice meravigliosa e sorprendente. Firmato da Shana Carroll e Sèbastien Soldevila – guide dell’intera compagnia – Cuisine & Confessions, porta in scena la preparazione di veri e propri cibi, perfettamente commestibili e offerti al pubblico, all’interno di straordinari numeri di acrobazia danzata, dall’alto tasso spettacolare e giocati sul tempo della cottura, che, come è noto, non perdona.

Ma in questa atmosfera surreale ed esilarante c’è anche spazio per le confessioni: dal primo bacio al sapore di cioccolato, a una serata solitaria tra una tisana e un barattolo di marmellata, fino ai reconditi segreti delle ricette che ogni famiglia gelosamente custodisce. Così il profumo e il sapore che si sprigionano da una pentola, da una padella, o da un mazzetto di erbe aromatiche, fanno esplodere il vissuto personale dei singoli personaggi, i rapporti interpersonali e le relazioni tra culture diverse, da cuocere a fuoco lento in una cucina piena di segreti.

Il 26 Novembre, al termine dello spettacolo, la compagnia incontra il pubblico per Post it. Conduce l’incontro Don Pasta, altro artista, questa volta italiano, capace di unire sorprendentemente l’arte culinaria alla musica e alla performance dal vivo.

 

 

LEAVE A REPLY